Davvero la NASA ha dimenticato come andare sulla Luna?

L'approccio laborioso e iterativo della NASA al suo programma Artemis dà la netta impressione che abbia in qualche modo dimenticato come far atterrare gli esseri umani sulla Luna

0
5244
Davvero la NASA ha dimenticato come andare sulla Luna?
Davvero la NASA ha dimenticato come andare sulla Luna?

L’approccio laborioso e iterativo della NASA al suo programma Artemis dà la netta impressione che abbia in qualche modo dimenticato come far atterrare gli esseri umani sulla Luna. Basta, però, un esame attento per capire le molte ragioni, giustificate o meno, per cui la NASA sta impiegando così tanto tempo a tornare sul nostro satellite.

Quando gli astronauti dell’Apollo 17 Eugene Cernan, Ronald Evans e Harrison Schmitt salutarono la Luna nel dicembre 1972, nessuno avrebbe immaginato che sarebbero passati almeno 50 anni prima che un umano vi tornasse. La chiusura del programma Apollo pose fine a un frenetico periodo di progresso scientifico e tecnologico, un’era innescata dal famoso discorso sulla “corsa allo spazio” pronunciato dal presidente John F. Kennedy nel 1962.

Questo non vuol dire che la NASA sia rimasta inattiva durante l’era post-Apollo. L’esplorazione dello spazio è continuata in diverse forme, con sonde lanciate verso il sistema solare interno ed esterno, stazioni spaziali costruite nell’orbita terrestre bassa, Space Shuttle che traghettano gli astronauti nello spazio e rover inviati su Marte, tra molti altri incredibili risultati. Ma sulla Luna con missioni umane la NASA non è più tornata.

La NASA sta cercando di cambiare questa situazione attraverso il programma Artemis, che è iniziato in modo spettacolare lo scorso anno con il debutto del megarazzo Space Launch System (SLS). SLS ha inviato la capsula Orion senza equipaggio in un viaggio di oltre 2 milioni di chilometri intorno alla Luna e ritorno.

La missione inaugurale pone le basi per Artemis 2, un viaggio con equipaggio intorno alla Luna e ritorno, e Artemis 3, una missione per far atterrare un uomo e una donna sulla Luna nel 2025. È un ritmo dolorosamente lento, ma la situazione è anche peggiore di quello. Artemis 4 non avverrà prima del 2028. Le missioni Artemis da 5 a 7 dovrebbero svolgersi con cadenza annuale a partire dal 2029.



Per la NASA, si tratta di fare un passo importante alla volta, ma agli osservatori casuali sembra che la NASA abbia deciso di reinventare la ruota. Perché la NASA non può gestire più rapidamente un’impresa che ha già compiuto sei volte mezzo secolo fa? Con gli sviluppi moderni della tecnologia dovrebbe essere un gioco da ragazzi farlo adesso, no?

È vero, ma oggi gli Stati Uniti sono ora molto lontani dalle mentalità della Guerra Fredda e hanno priorità molto diverse, a livello internazionale, nazionale e persino ambientale. L’agenzia spaziale è senza dubbio limitata da ciò che il Congresso consentirà, ma quando si tratta del ritmo lento di Artemis, c’è qualcos’altro da considerare, e questo è il desiderio della NASA di mantenere una presenza umana intorno alla Luna a lungo termine. E, soprattutto, gran parte di Artemis si basa su un’ambizione ancora più grande: portare umani su Marte.

Sulla Luna, con pochi soldi

Il ritmo dello sviluppo di Artemis è fortemente limitato dal budget e la NASA non ha più accesso ai fondi che riceveva durante la Guerra Fredda.

Tutto quello che devi fare è guardare il budget della NASA come percentuale del PIL sotto Kennedy e oggi, ed è facile capire perché non stiamo facendo i passi da gigante dell’era Apollo“, ha spiegato Michelle Hanlon, co-direttore del Center for Air and Space Law presso l’Università del Mississippi. All’epoca non fu difficile far convergere l’opinione pubblica sulla corsa allo spazio, dato il clima della Guerra Fredda e “quella che certamente sembrava una superiorità sovietica nello spazio”; purtroppo, però, una volta che la sfida fu vinta, l’umore della gete cambiò, anche a causa dei problemi economici dei primi anni ’70“.

Il presidente Richard Nixon è stato il responsabile ultimo del ridimensionamento delle ambizioni lunari della NASA. L’alto costo del programma Apollo lo rendeva insostenibile e, in quanto sforzo politico di “bandiera”, il programma divenne poco interessante una volta che gli Stati Uniti vinsero la corsas alla Luna, come sostiene secondo Jack Burns, professore del dipartimento di fisica dell’Università Università del Colorado-Boulder.

Apollo ha utilizzato un’enorme quantità di risorse – il 5% del budget federale andava alla NASA a metà degli anni ’60, mentre oggi è meno di quattro decimi dell’1% – e stiamo ancora andando sulla Luna e stiamo ancora pianificando come andare su Marte“, spiega Burns. La NASA può sembrare un’agenzia monumentale, con la sua proposta di budget di $ 27 miliardi per il prossimo anno, ma è circa la metà di ciò che il presidente Biden vuole dare ai National Institutes of Health nel 2024.

La guerra in corso in Vietnam aggravò ulteriormente la situazione di bilancio e non si può dimenticare che ci furono proteste contro il programma Apollo, con attivisti che chiedevano come si potesse prendere letteralmente il cibo dalla bocca della povertà per sostenere la messa di un essere umano sulla Luna.

Con un budget ridotto e ulteriori atterraggi sulla Luna eliminati dalla lista delle cose da fare, la NASA è passata a pascoli più modesti. Cinque decenni dopo, l’agenzia spaziale punta ancora una volta gli occhi sulla Luna, ma con budget annuali risibili rispetto all’era Apollo. Christopher Impey, professore di astronomia presso l’Università dell’Arizona, afferma che la NASA deve distribuire i finanziamenti che riceve dal Congresso.

Hanno programmi scientifici di osservazione della Terra, hanno lo sviluppo della propulsione” e stanno “facendo molte ambiziose missioni scientifiche planetarie“, ha spiegato Impey. La NASA ha “un sacco di cose da inserire in quel budget“, quindi “fare qualcosa come tornare sulla Luna” è “sempre una sfida e ci vorrà sempre più tempo di quanto vorresti“, ha detto.

Allo stesso tempo, l’energia e l’urgenza del programma Apollo “probabilmente non si ripeteranno perché abbiamo pesci più grandi da friggere“, ha detto Impey. “Abbiamo un pianeta in crisi climatica e molti problemi con cui l’America è preoccupata e distratta, e costerà denaro per risolverli“. L’approccio degli Stati Uniti allo spazio si è allontanato dalla mentalità del “potremmo fare qualsiasi cosa” degli anni ’50 e ’60, ha detto Impey.

Allo stesso modo, la lentezza nel tornare sulla Luna è anche il risultato del fatto che la persona media non si preoccupa dello spazio o non comprende la necessità o il desiderio di tornare sulla Luna, secondo Impey, “Abbiamo un sacco di problemi sulla Terra, quindi una grossa fetta del pubblico è profondamente scettica sul fatto che questa sia una cosa che dovremmo fare“.

Stiamo andando sulla Luna per restare

Le missioni Apollo erano di natura relativamente semplice: sbarcare coppie di umani sulla superficie, farli uscire per un po’ e riportarli a casa tutti interi. Risciacquare e ripetere sei volte. Una differenza fondamentale con Artemis è che la NASA, oltre a riportare gli astronauti sulla Luna, sta cercando di farlo in modo sostenibile e di creare sistemi, tecnologia e infrastrutture che consentiranno la nostra presenza a lungo termine nell’ambiente lunare. Ciò rappresenta una sfida importante e un’altra ragione per cui Artemis impiega così tanto tempo a svilupparsi.

Ritornare sulla Luna sembra così difficile perché è difficile“, spiega Jessica West, ricercatrice senior presso Project Ploughshares. “Soprattutto per farlo in un modo che sia sicuro e possa essere sostenuto nel futuro“.

La NASA ed i suoi partner commerciali e internazionali hanno grandi progetti. La logica per raggiungere la Luna è radicalmente cambiata; invece di essere una corsa verso la Luna, è uno sforzo per espandere la nostra portata nello spazio, per cui useremmo la Luna per estrarre risorse importanti e svolgere importanti attività scientifiche. “In molti modi, siamo tornati in gara“, ha detto Hanlon. “Ma non si tratta solo di prestigio, si tratta di risorse“. Come sottolinea: “Chiunque arrivi per primo avrà sia il diritto di vantarsi che la scelta di dove andare. Potete immaginare le implicazioni.

Competizione a parte, Hanlon afferma che è giunto il momento per gli umani di lavorare più seriamente nell’esplorazione e nell’utilizzo delle vaste risorse che lo spazio ha da offrire. “Questo inizia con la Luna, il nostro fedele vicino“, ha detto. “La Luna sarà il banco di prova per future incursioni più in profondità nello spazio. Questo sarà un processo molto lungo che procederà a piccoli passi”.

Negli anni ’60 non avremmo potuto pensare all’estrazione di acqua e altri materiali dalla Luna e alla preparazione per andare su Marte“, ha detto Burns. “L’idea che saremmo potuti andare su Marte subito dopo Apollo era pura fantasia“.

Insiemi di tecnologie completamente nuovi

Di sicuro, non è possibile che la NASA avrebbe tentato un piano simile ad Artemis nell’immediato periodo post-Apollo. Per Artemis, la NASA ed i suoi partner internazionali stanno progettando di costruire la prima stazione spaziale lunare, nota come Gateway. C’è anche il desiderio di infrastrutture sostenibili, che si tratti di reattori nucleari sulla Luna o sciami di satelliti lunari per garantire un contatto costante con la Terra.

Con il suo focus sulla regione polare meridionale, Artemis richiede una tuta lunare completamente nuova. Altri requisiti includono almeno due sistemi di atterraggio umano, un veicolo lunare di superficie, un rover pressurizzato, vari satelliti di supporto, un sistema di potenza di superficie a fissione, prototipi per testare la produzione di acqua e ossigeno e habitat di superficie. La NASA vuole anche costruire un vero e proprio campo base sulla Luna per un’occupazione continua.

Molte di queste tecnologie verranno implementate man mano che le missioni Artemis matureranno, ma molti degli elementi devono essere progettati da zero. Ci vorrà del tempo. Molto tempo.

Non si tratta di reinventare la ruota: l’intera missione è stata reinventata da un Moonshot alla creazione di una presenza umana permanente sulla Luna e oltre, servita da un’economia commerciale“, ha affermato West. “La questione non è più come arrivarci, ma come rimanerci, e come farlo in un modo che sia sicuro per l’ambiente, economicamente sostenibile” e in un modo che “vada a vantaggio delle persone di oggi e delle generazioni future Questo tipo di missione non riguarda solo la tecnologia, ma anche la cooperazione e la governance internazionali”.

West solleva un buon punto. La NASA si è appoggiata al settore commerciale durante Apollo, ma questa dipendenza è ora a un livello completamente nuovo. L’agenzia spaziale ha finalmente la fiducia necessaria per esternalizzare i suoi progetti nel regno privato, qualcosa che rimane un’esperienza di apprendimento per la NASA. SpaceX, ad esempio, deve fornire alla NASA i suddetti sistemi di atterraggio umano, ma, non volendo fare affidamento su un unico fornitore, la NASA vuole una seconda opzione da un’azienda diversa. Questa decisione è stata probabilmente influenzata dall’esperienza della NASA nell’esternalizzare un veicolo commerciale per l’equipaggio per trasportare gli astronauti alla Stazione Spaziale Internazionale, con il Crew Dragon di SpaceX ora operativo e lo Starliner di Boeing ancora in fase di sviluppo dopo anni di frustrazione apparentemente senza fine.

Il fatto che la NASA si affidi maggiormente alle partnership commerciali è in definitiva una buona cosa, poiché promuove l’innovazione e riduce i costi. Detto questo, probabilmente la NASA avrebbe dovuto adottare questa strategia più di un decennio fa quando decise di andare avanti con SLS, un razzo completamente sacrificabile che costerà all’agenzia circa 4,1 miliardi di dollari per ogni lancio. Costi così sbalorditivi non possono spingere Artemis in termini di ritmo.

Un trampolino di lancio verso Marte

Un altro motivo chiave per cui Artemis sta impiegando così tanto tempo a svolgersi è che il programma svolge un doppio compito. Praticamente tutto ciò che viene sviluppato per Artemis deve essere sfruttato per le prime missioni con equipaggio sul Pianeta Rosso.

La NASA ed i suoi partner impareranno lezioni preziose costruendo e lavorado sulla Luna. E anche se l’ambiente potrebbe essere in qualche modo diverso, troveremo valore in quelle lezioni prima di essere pronti a partire per il Pianeta Rosso.

Ci vorrà del tempo“, ha aggiunto Burns, “Ed è per questo che non credo saremo su Marte negli anni ’30 o ’40 del 2000. Penso che sarà più probabile intorno al 2050 quando potremo davvero farlo. Un altro potenziale ostacolo saranno gli enormi costi legati a una missione su Marte.

Un’avversione a correre rischi

Il 27 gennaio 1967, tre astronauti della NASA, Gus Grissom, Edward White e Roger Chaffee, persero la vita mentre si preparavano per la missione Apollo 1. Anni dopo, un totale di 14 astronauti morirono durante due catastrofiche missioni dello Shuttle. Questi episodi traumatici e le conseguenti onde d’urto istituzionali hanno contribuito a creare una cultura alla NASA che ora è, nel bene e nel male, profondamente contraria all’assunzione di rischi.

I primissimi passi per la Luna sono stati compiuti sviluppando la navicella spaziale Orion e SLS. Il razzo è stato finalmente lanciato nel novembre 2022 dopo anni di ritardi che sono serviti a frustrare un pubblico che voleva vedere la NASA tornare al suo antico splendore. Il ritardo con il lancio di SLS è servito anche a confondere il pubblico, molti dei quali ricordano ancora la cadenza costante dei lanci dei razzi Saturn V durante l’Apollo.

Per quanto riguarda la successione di ritardi nello sviluppo, Burns afferma che è importante non dimenticare la storia di Apollo, che ha subito battute d’arresto simili. “Questo non è insolito quando hai un nuovo razzo“, ha detto. SLS “non è il Saturn V e non è lo Space Shuttle. È davvero un razzo nuovo di zecca e la NASA non poteva permettersi di fallire, perché un fallimento di Artemis 1 sarebbe stato al di là del disastro. Avrebbe davvero bloccato per chissà quanto l’intero programma sulla Luna, quindi sono stati cauti, forse  eccessivamente cauti “, ha spiegato Burns.

Se la NASA volesse trasportare un equipaggio sulla Luna il più rapidamente possibile senza preoccuparsi di uccidere potenzialmente quegli astronauti nel processo, potrebbe compiere quell’impresa in pochissimo tempo. Ma gli astronauti morti sono una brutta cosa, soprattutto per un’agenzia finanziata dal governo federale, che richiede alla NASA di prestare attenzione e di rendere la sicurezza una priorità perenne. Quindi, mentre la NASA poteva correre dei rischi durante la corsa alla Luna della Guerra Fredda, non può farlo ora, data la quasi totale assenza di urgenza.

La sicurezza richiede tempo, ovviamente, e molti soldi, ma essere troppo cauti può ostacolare lo sviluppo. “La NASA è diventata un’organizzazione molto avversa al rischio, e questo è problematico quando stai cercando di fare qualcosa di così difficile come il programma spaziale“, ha detto Burns. SpaceX, con la sua tolleranza al rischio, può far schiantare innumerevoli prototipi senza equipaggio mentre crea razzi operativi, ma la NASA, con il Congresso sensibile all’umore del pubblico, semplicemente non ha quel lusso.

Non è che vogliamo tollerare la perdita di vite umane, ha detto Burns, è che la NASA ha bisogno di trovare quel “punto medio tra l’essere negligenti e assicurarsi di preservare i nostri strumenti e i nostri astronauti e tenerli al sicuro“, ha detto. “Direi che non ci siamo. Non lo capiamo, e questa è una delle cose più importanti che dobbiamo essere in grado di capire nel prossimo decennio o due, perché dovremo superare alcune perdite di vite umane. A nessuno piace parlarne, e questo è comprensibile”. La NASA, il Congresso e persino il pubblico in generale, sostiene Burns, devono trovare un modo per adattarsi a quella realtà.

Impey ha condiviso una valutazione quasi identica. La NASA, attraverso la sua avversione al rischio, si muove “lentamente e in modo molto metodico“, ha detto, poiché “non è disposta a far morire un astronauta nello spazio“. Ma “gli astronauti non sono quasi mai morti nello spazio, in realtà è una cosa incredibilmente rara; I morti del programma spaziale in genere capitano in fase di decollo o rientro“, ha spiegato Impey, aggiungendo che “è certamente più pericoloso fare il base jumping che entrare nell’orbita terrestre, ma non è quello che la gente pensa quando vede un razzo che esplode e insegnanti e civili muoiono”.

La Luna non va da nessuna parte

Oggi non andremo sulla Luna per dimostrare che possiamo farcela, andremo sulla Luna per imparare a vivere e lavorare nello spazio in modo da poter continuare a esplorare il nostro universo“.

In verità, la nostra ricerca per essere una specie interplanetaria è senza dubbio l’impresa più estrema che abbiamo mai tentato, e sarebbe sciocco pensare di poterla realizzare rapidamente. Certo, la NASA ha problemi quando si tratta di budget o di come gestisce i rischi, ma alla fine ha una storia di fare le cose. E ora, con la sua ritrovata dipendenza dal settore commerciale, la NASA dovrà lasciare che siano i privati ad aprire la strada a idee nuove e innovative.

Alla fine torneremo sulla Luna, e questa è la cosa fondamentale da ricordare. È facile fissarsi su tempistiche e date di consegna saltate, ma lo spazio continua a essere difficile, soprattutto ora che pensiamo più in grande.

2