Voyager 1: forse c’è uno spiraglio per salvarlo

Dal novembre 2023, la navicella spaziale Voyager 1 della NASA invia un segnale radio costante alla Terra, ma il segnale non contiene dati utilizzabili. La fonte del problema sembra essere uno dei tre computer di bordo, il sottosistema dei dati di volo (FDS), che è responsabile del confezionamento dei dati scientifici e ingegneristici prima che vengano inviati sulla Terra dall’unità di modulazione della telemetria.

Il Voyager 1 ha reagito agli input del team tecnico

Il 3 marzo, il team della missione Voyager ha notato un’attività da una sezione dell’FDS che differiva dal resto del flusso di dati illeggibili del computer. Il nuovo segnale ancora non nel formato utilizzato da Voyager 1 quando l’FDS funziona correttamente, era ancora apparentemente illeggibile quindi inizialmente il team non era sicuro di cosa farne. Un ingegnere del Deep Space Network dell’agenzia, però, che gestisce le antenne radio che comunicano sia con le Voyager che con altri veicoli spaziali in viaggio verso la Luna e oltre, è stato in grado di decodificare il nuovo segnale e ha scoperto che contiene una lettura dell’intera memoria FDS.

La memoria FDS include il suo codice, ovvero le istruzioni su cosa fare, nonché variabili o valori utilizzati nel codice che possono cambiare in base ai comandi o allo stato del veicolo spaziale. Contiene anche dati scientifici o ingegneristici per il downlink.

A questo punto, il team confronterà questa lettura con quella ricevuta prima che si verificasse il problema e cercherà discrepanze nel codice e nelle variabili per trovare l’origine potenziale del problema in corso.

Questo nuovo segnale è il risultato di un comando inviato alla Voyager 1 il 1 marzo. Chiamato “poke” dal team, il comando ha lo scopo di spingere delicatamente l’FDS a provare diverse sequenze nel suo pacchetto software nel caso in cui il problema possa essere risolto aggirando una sezione danneggiata.

Poiché la Voyager 1 si trova a più di 24 miliardi di chilometri dalla Terra, occorrono 22,5 ore affinché un segnale radio raggiunga la navicella spaziale e altre 22,5 ore affinché la risposta della sonda raggiunga le antenne a terra. Quindi il team ha ricevuto i risultati del comando il 3 marzo. Il 7 marzo gli ingegneri hanno iniziato a lavorare per decodificare i dati e il 10 marzo hanno stabilito che contenevano una lettura della memoria.

Il team sta analizzando la lettura. Utilizzare tali informazioni per ideare una potenziale soluzione e tentare di metterla in atto richiederà tempo.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Pi greco: nuova rappresentazione scoperta nella teoria delle stringhe

I ricercatori hanno trovato una nuova rappresentazione in serie...

In Tendenza

Funghi: mappata per la 1a volta la distribuzione

La scoperta delle dinamiche di spazi e stagionali prevedibili...

WorldView Legion: 2 satelliti di categoria superiore

Il 18 luglio 2024, Maxar Intelligence ha rilasciato le...

Venere di Brassempouy: all’avanguardia già 23.000 anni fa

La Venere di Brassempouy è una straordinaria scultura in...

Le giornate sulla Terra si stanno allungando a causa del clima

Studi recenti, basati sull'intelligenza artificiale, hanno rivelato che il...

Geoingegneria: 5 rischi dell’innovativo piano per il clima

Negli ultimi anni, la crisi climatica è diventata una...

Beta finale di Android 15: diagnostica efficace per tutti

Il mondo della tecnologia mobile è in continua evoluzione,...

Rhodosporidiobolus fluvialis: nuovo fungo patogeno scoperto in Cina

Un team di scienziati cinesi ha scoperto il Rhodosporidiobolus...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Articoli correlati

Popular Categories