4.2 C
Rome
martedì, Novembre 29, 2022
HomeEsplorazione SpazialePerché il programma Artemis andrà sulla Luna prima di inviare esseri umani...

Perché il programma Artemis andrà sulla Luna prima di inviare esseri umani su Marte

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Prima di far atterrare i primi umani su Marte, la NASA vuole tornare sulla superficie lunare. Quando la missione Artemis I senza equipaggio verrà lanciata, sarà solo il primo passo verso il futuro dell’esplorazione spaziale.

L’ultimo sbarco con equipaggio sulla luna, l’Apollo 17, risale a quasi 50 anni fa. Il record finale della missione Apollo per il volo nello spazio profondo con equipaggio più lungo è ancora valido: 12,5 giorni.
Attraverso il programma Artemis, che mira a far atterrare gli umani nell’inesplorato polo sud lunare e infine su Marte, gli astronauti intraprenderanno missioni nello spazio profondo di lunga durata che metteranno alla prova tutti i limiti dell’esplorazione.
Torneremo sulla luna per imparare a vivere, lavorare, sopravvivere“, ha detto l’amministratore della NASA Bill Nelson in conferenza stampa. “Come fare a mantenere in vita gli umani in quelle condizioni ostili? Impareremo a usare le risorse sulla lunari per costruire cose in futuro mentre andiamo – non un quarto di milione di miglia di distanza, non un viaggio di tre giorni, ma milioni e milioni di miglia di distanza in un viaggio di mesi e mesi se non anni“.
Marte non è il luogo adatto per testare nuovi equipaggiamenti. “Prima andremo sulla Luna che è un po’ più vicina e da dove, se ci saranno problemi, si potrà tornare o portare aiuto“.
Gli astronauti hanno vissuto e lavorato a bordo della Stazione Spaziale Internazionale, che gira a circa 400 chilometri sopra la Terra, per più di 20 anni. Le loro esperienze, che possono durare da sei mesi a quasi un anno, hanno rivelato come l’ambiente di microgravità influenzi il corpo umano.
Ogni giorno che ho trascorso personalmente sulla stazione spaziale, l’ho visto come se camminassi su Marte“, ha detto l’astronauta della NASA Reid Wiseman, capo dell’ufficio astronauti presso il Johnson Space Center di Houston. “Ecco perché siamo lassù. Stiamo cercando di migliorare la vita sulla Terra e stiamo cercando di espandere l’umanità nel nostro sistema solare“.
Durante la missione Artemis II, prevista per il 2024, gli astronauti seguiranno un percorso simile a quello di Artemis I, girando intorno alla Luna a una distanza maggiore rispetto alle missioni Apollo. La missione Artemis III, prevista per la fine del 2025, farà atterrare la prima donna e il prossimo uomo al polo sud della luna, dove regioni permanentemente in ombra potrebbero ospitare ghiaccio e altre risorse che potrebbero sostenere gli astronauti durante le lunghe passeggiate lunari.
“La nostra Luna sarà una vera e propria palestra per i nostri uomini e la nostra tecnologia, oltre che un laboratorio scientifico unico”, ha affermato Jacob Bleacher, capo scienziato dell’esplorazione della NASA. “Possiamo usare le rocce ed il ghiaccio lunare per fornire energia e materiale agli astronauti e la Luna potrà rivelarci come si è evoluto il sistema solare. Questo può davvero aiutarci a ottenere informazioni su ciò che è accaduto sulla Terra quando la vita iniziava ad affermarsi”.
Il programma Artemis prevede la creazione di una presenza umana prolungata sulla Luna e la creazione di un avamposto lunare orbitante chiamato Gateway.

Questa illustrazione mostra il design del lander umano Starship di SpaceX che trasporterà i primi astronauti della NASA sulla superficie della luna attraverso il programma Artemis.

Questa illustrazione mostra il design del lander Starship di SpaceX che trasporterà i primi astronauti della NASA sulla superficie della luna attraverso il programma Artemis.
Vogliamo rimanere sulla superficie lunare e imparare sulla superficie lunare in modo da poter ottenere il massimo dalla scienza e capire come andare su Marte in sicurezza“, ha affermato Jim Free, amministratore associato per la direzione della missione di sviluppo dei sistemi di esplorazione della NASA. “Con il programma Apollo abbiamo fatto scienze incredibili all’equatore. Questa volta andremo al Polo Sud“.
Nel tempo, il razzo SLS si evolverà, ha detto Nelson. Quando la missione Artemis IV arriverà alla rampa di lancio alla fine di questo decennio per attraccare al Gateway, il razzo sarà più alto e persino più potente della versione utilizzata per Artemis I.
Artemis I è una missione di prova, ha sottolineato Nelson. Serve come volo inaugurale del razzo Space Launch System, della navicella spaziale Orion e del suo scudo termico, nonché dell’equipaggiamento protettivo per i futuri astronauti e la misurazione dell’esposizione alle radiazioni.
Una serie di esperimenti scientifici e dimostrazioni tecnologiche all’interno di Orion e in volo al di fuori di esso su piccoli satelliti chiamati CubeSats, raccoglieranno dati aggiuntivi sull’ambiente spaziale che i futuri astronauti Artemis dovranno affrontare.
Le lezioni apprese da Artemis I potrebbero determinare i prossimi passi del programma Artemis.
Attualmente, le prime cinque missioni Artemis sono state pianificate e la NASA sta lavorando per definire i dettagli per le missioni da sei a dieci, ha affermato Free.
I team della NASA stanno “passando attraverso ampi obiettivi di esplorazione per poi focalizzarsi sull’architettura che ci porterà su Marte“, ha detto Free. “Esamineremo l’architettura, le decisioni e il processo nella prima parte del prossimo anno“.
L’obiettivo di far atterrare esseri umani su Marte entro il 2033 è stato fissato dall’amministrazione Obama e da allora gli amministratori della NASA hanno mantenuto l’obiettivo.
Con il lancio di Artemis, la NASA si trova a un punto di svolta storico, pronta per iniziare la serie più significativa di missioni scientifiche e di esplorazione umana nell’arco di una generazione“, ha affermato Bhavya Lal, amministratore associato della NASA per la tecnologia, le politiche e la strategia.

Articoli più letti