Genomi vichinghi di 2000 anni rivelano la genetica degli scandinavi moderni

Un nuovo studio dell'Università di Stoccolma e della genetica deCODE (Reykjavik) ha esaminato la storia genetica dei vichinghi in tutta la Scandinavia negli ultimi 2000 anni

1299
Vichinghi
Vichinghi

Gli antichi genomi dei Vichinghi moderni non sono stati completamente decifrati, ma gli studiosi hanno analizzato i resti di persone vissute durante il periodo vichingo per cercare di comprendere meglio la loro origine e la loro storia.

Ad esempio, uno studio del 2014 ha analizzato i genomi di quattro individui seppelliti in Danimarca tra il IX e il XI secolo e ha scoperto che essi avevano una forte componente genetica proveniente dall’Europa orientale, in particolare dalla Russia e dalla Polonia. Altri studi hanno anche trovato tracce provenienti dal Nordafrica e dal Medio Orientale nei genomi dei Vichinghi, suggerendo che c’erano relazioni commerciali e matrimoni tra le popolazioni vichinghe e quelle di altre aree geografiche.

Un nuovo studio dell’Università di Stoccolma e della genetica deCODE (Reykjavik) ha esaminato la storia genetica in tutta la Scandinavia negli ultimi 2000 anni

Pubblicato il 19 gennaio 2023 su Cell, lo studio si basa sull’esame di 48 genomi umani antichi recentemente scoperti e 249 pubblicati in precedenza che rappresentano numerosi famosi siti archeologici, nonché informazioni genetiche di oltre 16.500 attuali residenti della Scandinavia. Come affermato nel comunicato, la ricerca fa anche luce sulle tendenze migratorie e sul flusso genico dell’era vichinga (750-1050 d.C.). Dimostra anche che gli antenati portati nella regione durante l’era vichinga alla fine sono diminuiti per ragioni sconosciute.

Nello studio una femmina vichinga trovata in una sepoltura in barca a Sala, nella Svezia centrale, del periodo tardo vichingo, rappresenta un caso interessante. Appare completamente di discendenza britannico-irlandese e il carattere della sua sepoltura indica che probabilmente aveva uno status sociale elevato nella comunità che l’ha seppellita. Un’altra vichinga di Gerdrup, Danimarca, datata al V secolo, ha anch’essa origine anglo-irlandese, ma sembra essere stata sepolta senza alcun corredo funerario. Sebbene questa scoperta indichi che il flusso genico britannico-irlandese in Scandinavia è iniziato almeno nel V secolo durante la migrazione anglosassone verso le isole britanniche, i risultati della ricerca suggeriscono che la maggior parte di questo flusso probabilmente si è verificata durante l’era vichinga. Sebbene il suo impatto complessivo sul pool genetico fosse piccolo, il flusso genico britannico-irlandese ha avuto un impatto duraturo su tutte le regioni della Scandinavia, in modo tale che gli scandinavi moderni hanno più origini britannico-irlandesi rispetto agli individui del periodo pre-vichingo delle stesse regioni.

“Sebbene ancora evidente negli scandinavi moderni, i livelli di ascendenza non locale in alcune regioni sono inferiori a quelli osservati negli individui antichi dal periodo vichingo a quello medievale. Questo suggerisce che gli antichi individui con origini non scandinave hanno contribuito proporzionalmente meno all’attuale pool genetico in Scandinavia di quanto previsto sulla base dei modelli osservati nella documentazione archeologica”, ha affermato Ricardo Rodríguez-Varela dell’Università di Stoccolma. 

Flusso genico da 3 fonti

Per comprendere meglio l’attuale composizione genetica del popolo scandinavo, si intendeva tracciare gli effetti delle precedenti migrazioni sul patrimonio genetico nel tempo e nello spazio. I ricercatori hanno scoperto variazioni regionali nel tempo e nel volume del flusso genico da tre fonti: il Baltico orientale, le isole irlandesi britanniche e l’Europa meridionale, come rivelato nel nuovo studio. In contrasto con l’eredità del Baltico orientale, che è in gran parte limitata a Gotland e alla Svezia centrale, l’ascendenza irlandese britannica era pervasiva in Scandinavia dall’era vichinga. L’ascendenza dei genomi dall’epoca vichinga e medievale e gli attuali livelli di ascendenza esterna in alcune località mostrano che gli antichi immigrati hanno contribuito proporzionalmente meno al pool genetico scandinavo esistente.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Leggi anche:

Nodi vichinghi e vortici quantistici

Ultimo ma non meno importante, i risultati dimostrano che un cline genetico nord-sud che distingue gli scandinavi contemporanei è principalmente causato da proporzioni variabili di ascendenza uralica. Dimostra che questo cline era lì durante l’era vichinga e forse anche prima. “Il flusso genico dalle isole britanniche-irlandesi durante questo periodo sembra aver avuto un impatto duraturo sul pool genetico nella maggior parte della Scandinavia. Ciò forse non sorprende data l’estensione delle attività norrene nelle isole anglo-irlandesi, a partire dall’VIII secolo con incursioni ricorrenti e culminate nell’Impero del Mare del Nord dell’XI secolo, l’unione personale che unì i regni di Danimarca, Norvegia e Inghilterra. È probabile che le circostanze e il destino delle persone di origine anglo-irlandese che arrivarono in Scandinavia in questo momento fossero variabili, dalla migrazione forzata di schiavi all’immigrazione volontaria di individui di rango più elevato come missionari cristiani e monaci”, hanno detto i ricercatori.

 

---L'articolo continua dopo la pubblicità---