14 C
Rome
mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeFisica/Astronomia/astrofisicaGalaxy Haro 14 esplorato con MUSE

Galaxy Haro 14 esplorato con MUSE

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Utilizzando il Multi Unit Spectroscopic Explorer (MUSE), gli astronomi tedeschi hanno effettuato osservazioni spettroscopiche di una galassia compatta blu nota come Haro 14. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista arXiv.org, e fanno maggior chiarezza sulla morfologia della galassia e sulle sue popolazioni stellari.

Le galassie compatte blu (BCG) sono circa un decimo delle dimensioni di una tipica galassia a spirale come la Via Lattea. Contengono grandi ammassi di stelle giovani, calde e massicce, le più luminose delle quali sono blu, il che fa apparire queste galassie di colore blu. Le osservazioni mostrano che i BCG sono generalmente sistemi nani a bassa luminosità e basso contenuto di metalli sottoposti a violenti scoppi di formazione stellare.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Le proprietà dei BCG li rendono eccellenti laboratori in cui gli astronomi possono studiare il processo di formazione stellare e l’interazione tra stelle massicce e l’ambiente circostante, e sono essenziali per migliorare la nostra comprensione della formazione e dell’evoluzione delle galassie.

Situato a circa 42,4 milioni di anni luce di distanza, Haro 14 (altra denominazione NGC 0244) è un vicino BCG con una massa di circa 320 milioni di masse solari. Come la maggior parte dei BCG conosciuti, Haro 14 è costituito da una regione irregolare ad alta luminosità superficiale (HSB) posta sopra una componente stellare sottostante liscia e a bassa luminosità superficiale (LSB). Precedenti studi su questa galassia hanno scoperto una distinta peculiarità: un’asimmetria, poiché la regione HSB è chiaramente al centro rispetto agli isofoti esterni.

La morfologia di Haro 14

Per indagare ulteriormente sulla particolarità morfologica osservata di Haro 14 e per ottenere maggiori informazioni sul suo contenuto stellare, un team di astronomi guidato da Luz Marina Cairos dell’Università di Göttingen in Germania, ha deciso di ispezionare questo BCG con lo strumento MUSE del Very Large Telescope.

“Abbiamo eseguito un’indagine approfondita della morfologia, della struttura e delle popolazioni stellari di Haro 14. Abbiamo costruito mappe continue in diverse regioni spettrali prive di linee di emissione forti e nelle righe di emissione più luminose. Abbiamo anche generato immagini sintetiche a banda larga in bande VRI [filtri V, R e I] del sistema Johnson-Cousins ​​UBVRI, da cui abbiamo prodotto mappe dell’indice di colore e SBP [profili di luminosità della superficie]”, hanno scritto i ricercatori nel documento.

Le osservazioni del MUSE hanno rilevato numerose sorgenti discrete (gruppi) sparse attraverso Haro 14, sia nel continuum che nelle righe di emissione. Gli astronomi hanno sviluppato una routine che ricerca automaticamente queste sorgenti e ha prodotto un catalogo finale con le posizioni, le dimensioni e la fotometria di queste sorgenti.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Lo studio ha confermato che la distribuzione stellare di Haro 14 è marcatamente asimmetrica. Le mappe del continuo mostrano che il picco di intensità non è centrato rispetto all’ospite LSB, ma spostato di circa 1.600 anni luce a sud-ovest. È stata inoltre identificata una struttura stellare, simile a un tai che si estendeva per circa 6.200 anni luce a nord-est.

Le mappe dei colori di Haro 14 hanno rivelato anche una componente stellare blu, ma non ionizzante, che copre quasi tutta la parte orientale di questo BCG. Questa componente si sovrappone ampiamente alla struttura della coda rilevata nelle mappe del continuum.

In generale, la ricerca ha identificato almeno tre diverse popolazioni stellari in Haro 14, vale a dire: una componente stellare molto giovane, una componente di età intermedia e una componente LSB estesa.

“Concludiamo affermando che ci sono almeno tre diverse popolazioni stellari in Haro 14: l’attuale starburst di circa 6 Myr; una componente di età intermedia compresa tra dieci e diverse centinaia di milioni di anni; e un ospite rosso e regolare di diversi gigayears”, hanno spiegato gli autori dell’articolo

 

Articoli più letti