La coda magnetica della Terra potrebbe formare acqua sulla Luna

I dati raccolti dalla missione indiana Chandrayaan-1 suggeriscono che gli elettroni ad alta energia nella coda magnetica della Terra contribuiscono a formare acqua sulla superficie lunare

0
310
La coda magnetica della Terra potrebbe formare acqua sulla Luna, Navajo t, telecamere di sorveglianza sulla Luna

Una nuova scoperta da parte di un team guidato dallo scienziato planetario Shuai Li dell’Università delle Hawai’i a Mānoa potrebbe aiutare a spiegare l’origine del ghiaccio d’acqua nei crateri lunari in ombra.

Hanno scoperto che gli elettroni ad alta energia nello strato di plasma terrestre contribuiscono ai processi di alterazione degli agenti atmosferici sulla superficie della Luna. Questi potrebbero aver portato alla formazione di acqua sulla superficie lunare, rivela un comunicato stampa.

La coda magnetica della Terra interagisce con la superficie lunare

Lo strato di plasma terrestre è un’area che circonda il nostro pianeta all’interno della magnetosfera costituita da particelle cariche intrappolate. La magnetosfera, che è controllata dai campi magnetici del nostro pianeta, protegge la Terra dalle condizioni meteorologiche spaziali e dalle radiazioni del Sole.

Il vento solare cambia la forma della magnetosfera, dandole una lunga coda sul lato notturno della Terra. Questa coda invisibile attaccata alla Terra è conosciuta come coda magnetica.

I ricercatori, che hanno pubblicato le loro scoperte in un articolo sulla rivista Nature Astronomy, si sono basati su lavori precedenti che mostravano che la coda magnetica della Terra arrugginisce il ferro nelle regioni polari della Luna. Hanno studiato i cambiamenti nell’erosione superficiale mentre la Luna passa attraverso la coda magnetica della Terra, che è nota per proteggere periodicamente la Luna dal vento solare.

Ciò fornisce un laboratorio naturale per studiare i processi di formazione dell’acqua sulla superficie lunare“, ha spiegato Li nella dichiarazione. “Quando la Luna è al di fuori della coda magnetica, la superficie lunare è bombardata dal vento solare. All’interno della coda magnetica, non ci sono quasi protoni del vento solare e si prevede che la formazione di acqua scenderà quasi a zero”.



Analisi della superficie lunare

Li e il suo team hanno analizzato i dati di telerilevamento raccolti dallo strumento Moon Mineralogy Mapper a bordo della missione indiana Chandrayaan 1 tra il 2008 e il 2009. Si sono concentrati sui cambiamenti nella formazione dell’acqua che si verificavano quando la Luna interagiva con la coda magnetica della Terra.

Con mia sorpresa, le osservazioni di telerilevamento hanno mostrato che la formazione di acqua nella coda magnetica della Terra era quasi identica al momento in cui la Luna era al di fuori della coda magnetica della Terra“, ha detto Li. “Ciò indica che, nella coda magnetica, potrebbero esserci ulteriori processi di formazione o nuove fonti d’acqua non direttamente associate all’impianto dei protoni del vento solare. In particolare, la radiazione degli elettroni ad alta energia mostra effetti simili a quelli dei protoni del vento solare“.

Nel complesso, questa scoperta e le mie precedenti scoperte sui poli lunari arrugginiti indicano che la Madre Terra è fortemente legata alla sua Luna in molti aspetti non riconosciuti“, ha continuato Li.

Li e il suo team continueranno a ricercare le interazioni della Luna con la Terra. Sperano di lavorare su una missione lunare tramite il programma Artemis della NASA, consentendo loro di monitorare l’ambiente del plasma e il contenuto di acqua nelle regioni polari della Luna mentre è influenzata dalla coda magnetica della Terra.

Con la NASA e altre agenzie spaziali che cercano di stabilire una colonia permanente sul polo sud lunare, questo tipo di lavoro diventerà sempre più importante poiché aiuta a comprendere meglio una regione della Luna che è finora relativamente inesplorata, con quantità potenzialmente enormi di acqua potabile che sarebbe fondamentale per la creazione di habitat lunari.

2