Clima temperato e stabile nei tubi di lava sulla Luna – video

La conoscenza di queste fosse e probabili grotte aiuterà gli scienziati a capire meglio come si comportano altri ambienti estremi, come le regioni polari della Luna dove andrà la missione Artemis

0
631
Indice

All’inizio della storia umana, le grotte fornivano alle persone protezione dagli elementi e un luogo da chiamare casa. Ora, formazioni simili sulla Luna potrebbero fornire agli astronauti pionieri un rifugio lunare sicuro, grazie alle loro temperature simili a quelle della Terra.

La Luna ha fosse con aree ombreggiate che si aggirano costantemente intorno ai 17 gradi Celsius, un intervallo temperato stabile per gli esseri umani, come hanno scoperto i ricercatori dell’Università della California, a Los Angeles. La rivista Geophysical Research Letters ha pubblicato lo studio relativo lo scorso luglio.
Questi crateri, che la via d’accesso a grotte formate dalle antiche colate laviche, potrebbero fornire riparo per gli astronauti che saranno impegnati nell’esplorazione lunare, fornendo una base permanente per la presenza a lungo termine. In questi tubi, tecnici e scienziati potrebbero allestire campi base termicamente stabili.
Avevamo già esplorato questa possibilità qualche tempo fa, producendo un video che vi riproponiamo:

Gli esseri umani si sono evoluti vivendo nelle caverne e nelle caverne potremmo tornare per vivere sulla luna“, ha detto il coautore dello studio David Paige, professore di scienze planetarie all’UCLA, in un comunicato stampa. Paige guida il Diviner Lunar Radiometer Experiment, uno strumento del Lunar Reconnaissance Orbiter della NASA.
Ora che c’è una migliore comprensione dei pozzi e delle potenziali grotte, gli scienziati potrebbero accelerare il passo verso la concettualizzazione di una stazione permanente praticabile, protetta dalle condizioni estreme della superficie lunare.
Potremmo essere in grado di stabilire una presenza a lungo termine sulla luna prima di quanto sarebbe stato altrimenti possibile“, ha affermato l’autore principale dello studio Tyler Horvath, uno studente di dottorato in scienze planetarie presso l’UCLA.
A differenza della superficie lunare, che si riscalda fino a 127 gradi Celsius durante il giorno e scende a meno 173 gradi Celsius di notte, queste fosse lunari nella regione del Mare Tranquillitatis hanno un aspetto a misura di uomo e temperatura stabile.
Il Mare Tranquillitatis, comunemente noto come il Mare della Tranquillità, è il luogo in cui l’Apollo 11, la prima missione a portare gli esseri umani sulla luna, atterrò grazie al suo terreno liscio e relativamente piatto.
I dati provengono da un’analisi delle immagini riprese dalla navicella spaziale Lunar Reconnaissance Orbiter della NASA e dalla modellazione al computer.
Questi (pozzi) sono proprio al limite di risoluzione delle telecamere che stanno cercando di utilizzare“, ha affermato Briony Horgan, professore associato di scienze della Terra, atmosferiche e planetarie alla Purdue University di West Lafayette, nell’Indiana. “Il fatto che siano in grado di estrarre dati convincenti, penso che sia un grande passo avanti nel guardare la luna“.
La conoscenza di queste fosse e probabili grotte aiuterà gli scienziati a capire meglio come si comportano altri ambienti estremi, come le regioni polari della Luna dove andrà la missione Artemis, ha affermato Noah Petro, capo del laboratorio di geologia, geofisica e geochimica planetaria della NASA.
Il programma Artemis della NASA mira a riportare gli esseri umani sulla Luna e a far atterrare la prima donna e la prima persona di colore sulla superficie lunare entro il 2025.
Artemis ha l’obiettivo di inviare esseri umani nella regione intorno al Polo Sud, dove sappiamo che ci sono alcuni luoghi molto freddi“, ha detto Petro. “Fortunatamente, abbiamo una grande quantità di dati per la regione del polo sud dove visiterà Artemis“.

Secondo il comunicato stampa, le temperature estreme della superficie lunare hanno reso difficile per la NASA creare apparecchiature di riscaldamento e raffreddamento completamente operative che producano energia sufficiente per consentire esplorazioni o insediamenti lunari a lungo termine. Tuttavia, la NASA potrebbe non aver bisogno di apparecchiature così complesse come si pensa attualmente per rendere l’esplorazione e l’abitazione una realtà.

Con l’aiuto dell’orbiter lunare, gli scienziati hanno scoperto dei pozzi sulla luna nel 2009, una scoperta che ha spinto gli scienziati a chiedersi se ci fossero grotte di collegamento che potessero essere esplorate o addirittura utilizzate come rifugi.
Circa 16 degli oltre 200 pozzi sono probabilmente tubi di lava crollati“, ha detto Horvath nel comunicato stampa.
Quando un tubo di lava – un lungo tunnel cavo e una struttura simile a una grotta formata dalla lava – crolla, si apre una fossa che può creare un ingresso al resto della grotta.
Ci sono almeno due, probabilmente tre, pozzi che hanno strapiombi che portano a grotte, afferma il comunicato.
Le grotte sarebbero un ambiente stabile per gli habitat lunari poiché offrono una certa protezione dalla radiazione solare e dagli impatti di micrometeoriti, ha affermato Horgan. Queste formazioni potrebbero anche fornire una misura di protezione contro i raggi cosmici, secondo la NASA.
Sarebbe utile basarsi sulla ricerca attuale con i dati radar per trovare ulteriori potenziali grotte, ha aggiunto Horgan.
La ricerca “fornisce agli ingegneri che stanno pensando a come progettare un habitat sulla Luna numeri reali con cui lavorare“, ha affermato. “Sarà incredibilmente importante andando avanti“.
Attualmente, la NASA ha piani per l’esplorazione robotica della luna attraverso il suo programma Commercial Lunar Payload Services. A partire da dicembre 2022, voli cargo porteranno sulla Luna dispositivi in ​​grado di navigare e mappare la superficie lunare, condurre indagini, misurare i livelli di radiazione e valutare l’impatto dell’attività umana sulla Luna. Questi voli danno agli scienziati la possibilità di raggiungere qualsiasi punto della superficie lunare, incluso il Mare Tranquillitatis, ha detto Petro.

Continuare a mappare la temperatura della superficie lunare è una priorità assoluta per LRO, poiché saremo in grado di utilizzare tali informazioni non solo per comprendere meglio l’ambiente che sperimenteranno le future missioni sulla superficie“, ha affermato Petro, “ma potremo anche capire come i diversi tipi di materiale di superficie rispondono alle mutevoli condizioni di illuminazione sulla superficie lunare“.

2