C’è vita su Marte? Le prove raccolte finora danno risultati ambigui

Sotto questo aspetto, Marte costituisce ancora il mondo verso cui rivolgiamo le nostre aspettative più fervide. Questo nostro vicino, più piccolo e più freddo della Terra ha avuto, in un lontano passato, certamente condizioni potenzialmente idonee ad ospitare la vita

0
31151
C'è vita su Marte? Le prove dicono di si
C'è vita su Marte? Le prove dicono di si

Anche se le missioni Apollo ci hanno dimostrato che la Luna è un mondo arido e privo di attrattive, altri mondi all’interno del nostro Sistema Solare rimangono pieni di potenziale. Secondo alcune ipotesi, Venere potrebbe avere forme di vita batterica tra le nuvole della parte alta dell’atmosfera.

Europa ed Encelado potrebbero essere brulicanti di vita nei loro oceani interni di acqua liquida. Perfino i laghi di idrocarburi liquidi di Titano offrono alcune affascinanti possibilità per la ricerca di organismi viventi esotici.

Ma sotto questo aspetto, Marte costituisce ancora il mondo verso cui rivolgiamo le nostre aspettative più fervide. Questo nostro vicino, più piccolo e più freddo della Terra ha avuto, in un lontano passato, certamente condizioni potenzialmente idonee ad ospitare la vita.

Per oltre un miliardo di anni c’è stata acqua liquida che scorreva sulla sua superficie, gettandosi in laghi e mari, l’atmosfera era più densa di ora e le temperature in superficie dovevano essere non troppo lontane da quelle che abbiamo oggi sulla Terra.

Insomma, tutta una serie di prove indicano che è assolutamente plausibile che su Marte ci sia stata vita e, se dobbiamo dare retta all’esperienza che abbiamo accumulato sulla vita sulla Terra, alcuni batteri e microorganismi potrebbero avere sviluppato strategie per adattarsi alle mutate condizioni del pianeta rosso ed essere ancora viventi, occasionalmente anche attivi.



C’è vita su Marte? Potrebbe esserci

Stando alle informazioni che abbiamo accumulato, ci sono cinque possibilità di capire se c’è vita su Marte. Ecco cosa sappiamo finora.

Con le informazioni che abbiamo ottenuto da vari orbiter, lander e rover, abbiamo fatto una serie di affascinanti scoperte su Marte. Vediamo letti di fiume prosciugati e prove di antichi eventi glaciali sulla superficie.

Abbiamo trovato minuscole sfere di ematite in superficie e molte rocce sedimentarie, strutture che sulla Terra si formano solo in ambienti acquosi. Abbiamo anche osservato in tempo reale ghiaccio solido sotto la superficie, brevi nevicate e persino acqua di superficie ghiacciata su Marte.

Abbiamo anche osservato qualcosa che potrebbe essere acqua superficiale salata che scorre attivamente lungo le pareti di vari crateri, anche se non ne siamo ancora sicuri. Tutti gli ingredienti grezzi necessari per la vita come la conosciamo sulla Terra erano abbondanti anche nella gioventù di Marte, compresa un’atmosfera densa e acqua liquida sulla sua superficie. Sebbene Marte oggi non sembri pullulare di vita, ci sono tre prove che la vita passata o addirittura presente potrebbe essere una possibilità.

C'è vita su Marte? Piccole sfere di ematite
Le sfere di ematite (o “mirtilli marziani”) – NASA / JPL-CALTECH / CORNELL / ASU

La prima prova convincente giunse dagli strumenti a bordo dei lander Viking della NASA nel 1976. Furono eseguiti tre esperimenti biologici per rilevare la presenza di metabolismo ed analisi di spettrometria di massa.

Il principale degli esperimenti, detto “life test”, ideato da Gilbert Levine sul metabolismo eterotrofico tipico del metabolismo animale, esponeva vari tipi di nutrienti, tipo glicina, alanina e altri aminoacidi otticamente attivi includendoli in forma destrogira e levogira, acido glicolico e lattato carboidrato in entrambe le forme levogira e destrogira, in modo che tutti i tipi di isomeri più comuni sulla terra fossero inclusi, rilasciandoli sul suolo marziano, preparati in modo che fossero marcati radioattivamente contenendo carbonio radioattivo; il principio sperimentale prevedeva che se i nutrienti fossero stati processati da una forma di vita, ad esempio microbica, si sarebbe prodotto un gas a base carbonica, come monossido o biossido di carbonio o metano, e quindi si sarebbe potuto rilevare in quanto radioattivo; come controprova si sarebbe sterilizzato il suolo alla temperatura di 160 C, uccidendo ogni eventuale traccia di metabolismo animale, ripetendo il test dei nutrienti.

Su entrambi i lander il test fu positivo e venne rilevato gas radioattivo, ripetutamente per 7 giorni e ripetuto 2 volte; il test di controllo venne effettuato solo su uno dei due lander e col suolo sterilizzato ad alta temperatura non si verificò emissione di gas radioattivo; apparentemente i tests biologici attestavano la presenza di microorganismi nel suolo che metabolizzando attivamente i nutrienti radioattivi , emettevano gas radioattivo, mentre col suolo sterilizzato i nutrienti non venivano metabolizzati e non c’era emissione di gas radioattivo. Quando l’esperimento fu ripetuto, però, restituì risultati negativi.

La seconda prova arrivò quando un frammento di un meteorite di origine marziana – Allan Hills 84001 – fu recuperato il 27 dicembre 1984. A quanto pare, circa il 3% di tutti i meteoriti che cadono sulla Terra provengono da Marte, ma questo era particolarmente grande: quasi 2 kg di peso. Si formò su Marte circa 4 miliardi di anni fa e precipitò sulla Terra circa 13.000 anni fa. Le analisi sul meteorite mostrarono tracce di materiale che potrebbe essere il residuo di forme di vita organiche fossilizzate, sebbene potrebbero derivare anche da processi inorganici.

La terza prova è emersa con l’ultimo rover inviato su Marte dalla NASA: Curiosity.

Curiosity ha rilevato emissioni apparentemente stagionali di metano emesso da specifiche aree sotterranee, ma solo alla fine dell’inverno marziano e con l’inizio della primavera. Questo è, ancora una volta, un segnale ambiguo, poiché i processi geochimici inorganici potrebbero essere stagionali e comportare il rilascio di metano, ma anche i processi biologici e biologici potrebbero fare la stessa cosa.

Quando osserviamo l’intera serie di prove – tutto ciò che abbiamo imparato su Marte – ci sono cinque possibilità che la vita abbia, o abbia avuto, un storia sul Pianeta Rosso. Potrebbe essere un mondo eternamente sterile; potrebbe essere un mondo in cui la vita ha prosperato per un po’ ma poi ha raggiunto un vicolo cieco; e potrebbe avere vita esistente ancora oggi.

Ecco cosa significherebbe ogni possibilità.

1.) Marte non ha mai avuto vita. Pur avendo gli stessi ingredienti grezzi della Terra primitiva e condizioni simili, le circostanze necessarie che consentono la formazione della vita semplicemente non si sono mai verificate su Marte. Tutti i processi geologici e chimici che avvengono inorganicamente sono avvenuti e avvengono ancora, ma nulla di organico. Poco più di tre miliardi di anni fa, Marte perse quasi tutto il suo campo magnetico protettivo e gran parte dell’atmosfera fu strappata via dal vento solare, prosciugando qualsiasi acqua di superficie liquida e portando all’attuale aspetto di Marte.

Questa è la posizione più conservatrice e richiederebbe che tutti e tre i presunti test “positivi” dei lander Viking abbiano una risoluzione inorganica o basata sulla contaminazione. Questo è possibile e rimane – nella mente di molti – il presupposto predefinito. Fino a quando non arriveranno prove molto convincenti che indicano senza dubbio l’esistenza di vita passata o presente su Marte, questa probabilmente rimarrà l’ipotesi principale.

Laghi ghiacciati stagionali compaiono su Marte, indicando un passato acquoso.
Laghi congelati stagionali compaiono su Marte, mostrando l’evidenza di acqua (non liquida) sulla superficie. – ESA / DLR / FU BERLIN (G. NEUKUM)

2.) Marte ebbe la vita ma si estinse. Questo scenario, per molti aspetti, è altrettanto convincente di quello precedente. È molto facile immaginare che un mondo con:

  • un’atmosfera densa simile a quella della Terra primitiva,
  • acqua liquida stabile sulla sua superficie,
  • continenti con una ricca diversità geologica,
  • vulcani,
  • un campo magnetico,
  • un giorno simile ai nostra,
  • e temperature solo leggermente più fredde di quelle terrestri attuali,

potrebbe sostenere la vita. Per molti, è praticamente impossibile immaginare che queste condizioni – dopo oltre un miliardo di anni – non portino alla vita, considerando che la vita nacque sulla Terra non più di qualche centinaio di milioni di anni dopo la sua formazione.

Tuttavia, la perdita dell’atmosfera ebbe un profondo effetto sul pianeta e avrebbe potuto portare all’estinzione di tutta la vita su Marte. Scavare nella roccia sedimentaria di Marte e cercare forme di vita fossilizzate, o persino inclusioni metamorfiche ricche di carbonio, potrebbe potenzialmente rivelare le prove necessarie per convalidare questo scenario.

La linea di pendenza ricorrente su Marte è causata dal flusso di acqua salmastra e liquida, ancora oggi.
Quella che sembra acqua liquida scorre sui pendii di alcuni crateri – AS MCEWEN ET AL., NATURE GEOSCIENCE 7, 53–58 (2014)

3.) Marte ebbe una vita precoce, che potrebbe persistere ancora in una forma quasi dormiente sotto la superficie. Questa è la visione più ottimistica, ma ancora scientificamente praticabile, della vita su Marte. Forse la vita prese piede presto, e quando Marte perse la sua atmosfera, alcuni estremofili rimasero in una sorta di stato di animazione sospesa. Quando si verificano le giuste condizioni – forse sotterranee, dove l’acqua liquida può occasionalmente fluire – quella vita “si sveglia” e inizia a svolgere le sue funzioni biologiche.

Se questo è il caso, allora ci sono ancora organismi che si trovano sotto la superficie marziana, forse nelle sabbie poco profonde a pochi metri o addirittura a pochi centimetri sotto i nostri veicoli spaziali. Probabilmente stiamo parlando solo di vita a cellula singola, forse nemmeno complessa al livello di una cellula eucariotica, ma scoprire la vita su qualsiasi mondo diverso dalla Terra sarebbe comunque una rivoluzione per la scienza. Il rover Perseverance della NASA ha appena finito di raccogliere campioni del suolo che saranno riportati sulla Terra da una futura missione robotica per tentare di testare questo ipotetico scenario.

4.) Marte non ha avuto vita fino a quando la Terra non l’ha seminata, naturalmente. 65 milioni di anni fa, un corpo molto grande e in rapido movimento colpì la Terra, creando il cratere Chixulub e sollevando abbastanza materiale da coprire la Terra con una nuvola di detriti, portando alla quinta grande estinzione di massa nella storia della Terra. E, come molti impatti enormi, questo probabilmente sollevò anche detriti di polvere e massi fino allo spazio, allo stesso modo in cui gli impatti sulla Luna o su Marte inviano meteore attraverso il Sistema Solare, da dove alcuni di loro alla fine atterrano sulla Terra.

Bene, alcuni impatti probabilmente vanno anche nell’altra direzione: l’invio di materiale trasportato dalla Terra ad altri mondi, incluso Marte. Sembra irragionevole che il materiale nella crosta terrestre, ricco di vita organica, non arrivi affatto su Marte. Invece, è eminentemente plausibile che gli organismi basati sulla Terra siano arrivati ​​su Marte e abbiano iniziato a riprodursi lì, sia che prosperassero o meno. Forse un giorno, saremo in grado di conoscere l’intera storia della vita su Marte e determinare se qualcuno di essi ha lo stesso antenato comune da cui discende tutta la vita terrena esistente. È un’affascinante possibilità che non è facile da respingere.

5.) Il nostro programma spaziale ha diffuso la vita terrestre su Marte. Infine, l’ultima possibilità; forse Marte era davvero un pianeta sterile e senza vita fino all’alba dell’era spaziale. Forse materiali trasportati dallo spazio che non sono stati decontaminati o sterilizzati al 100% sono atterrati sulla superficie marziana, portando con sé i moderni organismi terrestri come clandestini.

È l’incubo finale degli astrobiologi: un’affascinante storia della vita da scoprire in un altro mondo, ma la contaminazione con i nostri stessi organismi prima di scoprirla potrebbe portarla all’estinzione. Questa paura molto reale e salutare è il motivo per cui siamo spesso così prudenti, da una prospettiva biologica, quando esploriamo altri pianeti e mondi stranieri.

C’è un’enorme speranza che le generazioni attuali e future di rover e orbiter inviati su Marte ci aiuteranno finalmente a capire se Marte – ora o in qualsiasi momento del suo passato – abbia mai ospitato la vita. Se la risposta a questa domanda sarà affermativa, allora porterà a un’importante domanda di follow-up: quella vita è correlata o indipendente con vita sulla Terra?

È possibile che la vita abbia avuto origine sulla Terra e abbia seminato Marte con la vita; è possibile che la vita abbia avuto origine su Marte e poi abbia seminato la Terra; è anche possibile che la vita sia anteriore sia alla Terra che a Marte e che le sue prime forme abbiano colonizzato entrambi i pianeti.

Ma, per ora, non abbiamo prove schiaccianti che la vita sia mai esistita su Marte. Abbiamo alcuni suggerimenti che potrebbero essere indicatori dell’esistenza di vita passata o presente lì, ma i processi interamente inorganici potrebbero spiegare ognuno di quei risultati osservati.

Come sempre, l’unico modo per scoprire la verità è condurre ulteriori ricerche e con strumenti e tecniche più evoluti. Il rover Perseverance, oltre che studiare e analizzare il suolo marziano, raccoglierà una varietà di campioni di suolo che una missione successiva, tra dieci anni, recupererà e riporterà sulla Terra per analisi di laboratorio. Se ci riusciremo, potremmo sapere con certezza, entro il prossimo decennio, se su Marte c’è, o c’è mai stata, la vita.

Fonti: Wikipedia; Forbes; Space.com, Reccom Magazine.

2