L’albero più vecchio del mondo

L'albero più antico del mondo si ergeva già da secoli sul suo terreno quando furono erette le prime pietre di Stonehenge

0
695

L’albero più antico del mondo si ergeva già da secoli sul suo terreno quando furono erette le prime pietre di Stonehenge.

L’antico gigante, un alerce (Fitzroya cupressoides) noto come “Gran Abuelo” (o bisnonno in spagnolo) che torreggia su un burrone nelle Ande cilene, potrebbe avere circa 5.400 anni, secondo un nuovo modello sviluppato al computer.

Se questa età potrà essere confermata, il Gran Abuelo sarebbe quasi 600 anni più vecchio  dell’attuale detentore del record ufficiale per l’albero più antico del mondo, un pino bristlecone del Great Basin (Pinus longaeva) che si trova in California ed è noto come “Matusalemme”.

Tuttavia, l’età esatta dell’alerce è ancora alquanto contestata, perché la conferma richiede l’analisi degli anelli dell’albero – un metodo noto come dendrocronologia e il gold standard per determinare l’età di un albero –  e questi dati sono attualmente incompleti. I dati alla base del modello non sono stati ancora resi pubblici o inviati a una rivista peer-reviewed.

Qualunque sia la sua età, l’albero è in pericolo e deve essere protetto, ha affermato Jonathan Barichivich, ecologo e climatologo del Laboratorio di scienze del clima e dell’ambiente a Parigi, che ha creato il modello.

È davvero in cattive condizioni a causa del turismo” ed è stato colpito dai cambiamenti climatici, ha detto Barichivich.



Quanti anni ha Gran Abuelo?

Inizialmente si pensava che Gran Abuelo, una conifera che si erge a 60 metri sopra il suolo nebbioso della foresta nel Parco Nazionale di Alerce Costero in Cile, avesse circa 3.500 anni. Ma gli scienziati non avevano mai analizzato la sua età in modo sistematico, ha spiegato Barichivich. “Volevamo raccontare la storia dell’albero con l’unico scopo di valorizzarlo e proteggerlo“, ha detto.

Così, nel 2020, Barichivich e il suo collega Antonio Lara, professore di silvicoltura e risorse naturali presso l’Università Austral del Cile, hanno utilizzato una tecnica non distruttiva per perforare un minuscolo nucleo dall’albero, che ha catturato 2.465 anni di anelli degli alberi.

La trivella, tuttavia, non è riuscita a raggiungere il centro del diametro di 4 metri del tronco dell’albero, il che significa che non è stato possibile contare molti degli anelli di crescita dell’albero.

Per tenere conto dei restanti anni di crescita, il team ha sviluppato un modello matematico che teneva conto del modo in cui  F. cupressoides cresce a ritmi diversi, da alberello a un albero maturo. Il modello incorporava anche variazioni del tasso di crescita in base alla concorrenza e alle fluttuazioni dell’ambiente e del clima.

Il team ha quindi utilizzato il modello per simulare la traiettoria di crescita dell’albero 10.000 volte, ha affermato Barichivich. Quelle simulazioni hanno fornito una gamma di possibili età per Gran Abuelo.

Il modello ha stimato che l’albero dovrebbe avere molto probabilmente circa 5.400 anni, con circa l’80% di probabilità che l’albero abbia più di 5.000 anni; e tutte le traiettorie di crescita simulate hanno previsto che l’albero debba avere almeno 4.100 anni. “Anche se l’albero fosse cresciuto molto velocemente, non può essere più giovane di così“.

Un altro fattore suggerisce che l’albero sia molto vecchio: una legge biologica nota come  compromesso tra crescita e durata della vita, ha aggiunto Barichivich. Questo compromesso suggerisce che le specie a crescita lenta tendono a vivere più a lungo. E gli alberi di Alerce crescono davvero molto lentamente,  anche più lentamente di altre specie longeve come le sequoie giganti (Sequoiadendron giganteum) o i pini bristlecone del Great Basin.

Tuttavia, alcuni esperti di datazione degli alberi hanno dichiarato a Science Magazine di essere diffidenti nell’utilizzare i dati di modellazione per stimare l’età di un albero.

L’UNICO modo per determinare veramente l’età di un albero è contare dendrocronologicamente gli anelli e ciò richiede che TUTTI gli anelli siano presenti o contabilizzati“, ha dichiarato Ed Cook, direttore fondatore del Tree Ring Laboratory presso il Lamont-Doherty Earth Observatory della Columbia University in New York, in una e-mail a Science Magazine.

Albero in via di estinzione

Sebbene l’albero sia sopravvissuto per migliaia di anni, il suo futuro è in dubbio, secondo Barichivich. L’antico albero è stato circondato da una stretta passerella che sta schiacciando le sue ultime radici viventi e la miriade di turisti che vengono a vedere l’albero ogni anno fanno ulteriori danni quando ci camminano sopra.

Anche il cambiamento climatico e la conseguente siccità di 10 anni avvenuta nell’area hanno danneggiato la maestosa pianta; un secondo albero che cresce dalla cima del gigante imponente ora sta morendo.

Per proteggere il Gran Abuelo da ulteriori danni, Barichivich ed i suoi colleghi hanno proposto di posizionare una rete alta 3 metri attorno all’albero per evitare che le persone si avvicinino troppo. Raccomandano anche di spostare la passerella molto più lontano dall’antico apparato radicale dell’albero.

2