Vaccini Covid: un uomo ne avrebbe ricevuti ben 217

Duecentodiciassette. Questo è il numero di vaccini Covid che un uomo in Germania afferma di aver ricevuto in soli 29 mesi e il suo corpo non reagisce come alcuni scienziati pensavano. Il 62enne della città di Magdeburgo ha fatto notizia alcuni anni fa per la sua decisione privata e rischiosa di ostacolare i consigli medici nazionali e di fare iniezioni dopo iniezioni, il tutto presumibilmente nel tentativo di vendere prove delle carte di vaccinazione agli individui non vaccinati.

I ricercatori tedeschi hanno letto per la prima volta del caso sui giornali. Con il permesso dell’uomo, stanno ora studiando il suo sistema immunitario per vedere come reagisce all’ipervaccinazione.

Vaccini Covid

217 vaccini Covid: il parere degli esperti

Anche se i ricercatori sottolineano che “non sostengono l’ipervaccinazione come strategia per migliorare l’immunità adattativa“, erano curiosi di sapere l’effetto che centinaia di vaccini potrebbero avere su una persona. Gli scienziati si chiedono ormai da anni quante vaccinazioni dovrebbero ricevere le persone contro il COVID-19. Una teoria è che troppe iniezioni potrebbero avere degli svantaggi, innescando una reazione immunitaria eccessiva o, d’altro canto, affaticando le cellule immunitarie e rendendole meno efficaci. responsivo al virus SARS-CoV-2.

. Vaccini Covid

Una storia difficile da credere

L’uomo tedesco è la prova vivente che nessuno dei due risultati è necessariamente vero. I registri ufficiali hanno confermato che l’individuo ha ricevuto almeno 130 vaccini per COVID-19, inclusi 8 diversi tipi di vaccino, nell’arco di soli due anni e mezzo. In effetti, la stragrande maggioranza di queste iniezioni è stata effettuata in un periodo di 9 mesi.

Vaccini Covid

Gli esperti hanno affermato che il suo sistema immunitario, tuttavia, sia perfettamente funzionante. L’immunologo Kilian Schober dell’Università di Erlangen-Norimberga (FAU) ha affermato: “L’osservazione che nonostante questa straordinaria ipervaccinazione non si sono verificati effetti collaterali evidenti indica che i farmaci hanno un buon grado di tollerabilità”.

Vaccini Covid

Nello specifico, gli esami del sangue hanno rivelato che l’individuo ipervaccinato aveva un gran numero di cellule T effettrici, più delle persone che avevano ricevuto solo tre vaccinazioni. Le cellule T-effettrici promuovono una risposta immunitaria al SARS-CoV-2. Altre cellule immunitarie, che ricostituiscono il numero di cellule T-effettrici, erano tuttavia presenti in quantità simili nell’uomo ipervaccinato e negli individui vaccinati tre volte.

L’immunologa Katharina Kocher della FAU e una delle principali autrici dello studio, ha spiegato: “Il numero di cellule di memoria nel nostro caso di prova era altrettanto elevato che nel gruppo di controllo”.

Nemmeno nessuna delle cellule immunitarie dell’uomo sembrava affaticata. Kocher ha aggiunto che, tuttavia: “Nel complesso, non abbiamo trovato alcuna indicazione di una risposta immunitaria più debole, anzi il contrario”. Quando il paziente ipervaccinato ha ricevuto un altro vaccino sotto la supervisione dei ricercatori della FAU, i suoi anticorpi contro la SARS-CoV-2 sono aumentati di nuovo in modo significativo.

Questo osuggerisce che il vaccino può ancora avere effetto, anche dopo forse centinaia di vaccinazioni precedenti. Naturalmente, non significa che le persone ovunque debbano gettare al vento la prudenza e iniziare a vaccinarsi quotidianamente contro il COVID-19.

È  giusto specificare che si tratta solo un caso, per giunta estremo, che ha tuttavia fornito risultati reali sul tema in gran parte teorico delle vaccinazioni ripetitive contro il COVID-19 e sui benefici, i limiti e i rischi. Schrober ha affermato: “La ricerca attuale indica che una vaccinazione a tre dosi, abbinata a regolari vaccini aggiuntivi per i gruppi vulnerabili, rimane l’approccio preferito”.

L’importanza dei vaccini Covid

Parlare dell’importanza dei vaccini Covid è fondamentale per comprendere come essi siano stati uno strumento efficace nella lotta contro la pandemia. Essi sono stati uno strumento cruciale per proteggere la salute pubblica, controllare la diffusione del virus, proteggere i gruppi vulnerabili e consentire una ripresa economica e sociale sicura. La vaccinazione è un passo importante che ognuno può compiere per contribuire alla fine della pandemia.

Ancora oggi parlare di vaccini Covid è molto importante: una copertura vaccinale ampia può contribuire a ridurre l’evoluzione e la diffusione di varianti del virus. Riducendo la trasmissione del virus, si riduce anche la probabilità che emergano varianti che potrebbero essere più contagiose o resistenti ai trattamenti.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Pi greco: nuova rappresentazione scoperta nella teoria delle stringhe

I ricercatori hanno trovato una nuova rappresentazione in serie...

In Tendenza

Flavanoli per controllare la pressione sanguigna naturalmente

Gli alimenti ricchi di flavanoli, come mele, bacche, noci e...

HIV: il 7°paziente guarisce grazie al trapianto di cellule staminali

Un uomo tedesco di 60 anni è probabilmente la...

Perché le slot semplici saranno sempre popolari su Elabet?

Nonostante ogni mese ci siano decine, o addirittura centinaia...

Venere: individuati possibili segni di vita

Un team di ricercatori ha presentato nuove prove della...

L’elusivo effetto Unruh

Un nuovo approccio potrebbe consentire di rilevare l'elusivo effetto Unruh in poche ore, anziché in miliardi di anni

Le prove dell’allunaggio

A dispetto della propaganda russa, improvvisamente interessata, dopo 50 anni, a sostenere che l'allunaggio sia stato una montatura, e delle competenti parole di campioni dello sport, notoriamente preparati in ingegneria, fisica e astrofisica, siamo stati sulla Luna e abbiamo a disposizione le prove dell'allunaggio, basta avere voglia di esaminarle

TeraNet: laser spaziali per velocità internet 1000x

La 'TeraNet' della University of Western Australia, una rete...

In che modo lo spray anti-THC garantisce la tua tranquillità?

La cannabis è diventata un argomento di preoccupazione per...

Articoli correlati

Popular Categories