Fotografata spirale misteriosa: si tratta di una nuova galassia? (Foto)

Un appassionato di aurore boreali, ha catturato una misteriosa spirale nei cieli dell'Islanda, mentre inseguiva la sua passione per l'astronomia

Un appassionato di aurore boreali, ha catturato una misteriosa spirale nei cieli dell’Islanda, mentre inseguiva la sua passione. Shang Yang, il protagonista di questa “scoperta“, ha ipotizzato che si trattasse dell’insolita forma di una galassia sconosciuta.

Spirale
Scatti della misteriosa spirale

Il fenomeno della spirale islandese è realmente una galassia?

L’immagine mostra un grande cerchio bianco a spirale sullo sfondo verde dell’aurora boreale che si affaccia su un paesaggio innevato.Yang ha dichiarato che la foto è stata scattata il 5 marzo appena a nord di Akureyri, una città nel nord dell’Islanda, all’1:04 ora locale.

Secondo l’autore dello scatto, intorno all’una di notte ora locale, ha notato un piccolo cerchio di luce a nord che si è rapidamente espanso fino a diventare quello immortalato nelle sue foto: “Si è formato in una grande forma a spirale e sembrava venire verso di noi. Il fenomeno è durato circa cinque minuti prima di scomparire“, ha spiegato Yang.

Galassie a spirale

Yang ha aggiunto: “I miei amici ed io stavamo inseguendo l’aurora boreale durante il nostro viaggio. Abbiamo visto che l’ufficio meteorologico islandese prevedeva una notte di attività di aurora particolarmente forte, quindi siamo andati in una zona remota per allontanarci dalle luci della città di Akureyri“.

Cos’ha causato la misteriosa forma a spirale

Valerie Rapson, astronoma e professoressa di fisica e astronomia presso l’Università statale di New York (SUNY) a Oneonta, ha dichiarato che il recente lancio di un razzo Falcon 9 da parte di SpaceX , la compagnia aerospaziale americana, che trasporta piccoli satelliti dallo spazio di Vandenberg Force Base in California, è : “Quello che probabilmente ha causato la forma a spirale nella foto”.

Rapson ha spiegato: “Questi interessanti motivi a spirale blu/bianchi possono apparire dopo il lancio di un razzo SpaceX Falcon 9. Quando il secondo stadio del razzo gira e scarica il carburante o esegue un’ustione di deorbita, crea una spirale di colore bianco nel cielo“.

Ulteriori immagini della scena che Yang ha condiviso mostrano “l’inizio della spirale che si forma nelle luci” prima di vederla “espandersi rapidamente e iniziare a prendere forma“.

Yang ha anche condiviso un video che cattura la spirale mentre si stava formando, che mostra il cerchio bianco contro un cielo scuro e nero come la pece. Il fenomeno si è espanso e “è andato nella direzione generale di Akureyri”, ha specificato il fotografo amatoriale.

In quel momento, era allo stesso tempo maestoso e un po’ spaventoso perché sapevamo che non faceva sicuramente parte della normale attività dell’aurora, sembrava quasi un’altra galassia tra le luci“, ha concluso Yang.

Gli scienziati affermano che il 2024 potrebbe vedere la più forte attività dell’aurora boreale  negli ultimi 20 anni e nel decennio a venire a causa dell’elevata attività solare, che dovrebbe raggiungere il picco tra gennaio e ottobre 2024.

Cicli solari più forti producono più tempeste solari con maggiore intensità, che guidano l’attività geomagnetica: “Se il campo geomagnetico è attivo, l’aurora sarà più luminosa e più lontana dai poli“, specificano gli esperti, dove l‘aurora boreale è tipicamente più visibile. Questo significa che nel 2024 l’aurora boreale potrà essere vista da latitudini più basse del solito.

Galassie a spirale

La National Oceanic and Atmospheric Administration ha chiarito: “Quando l’attività meteorologica spaziale aumenta e si verificano tempeste e sottotempeste più frequenti e più grandi, l’aurora si estende verso l’equatore. Durante i grandi eventi, l’aurora può essere osservata fino all’estremo sud degli Stati Uniti, dell’Europa e dell’Asia”.

Le strutture complesse delle galassie a spirale

Le galassie a spirale hanno una struttura complessa: un denso rigonfiamento centrale si trova al centro di un disco rotante, che presenta una struttura a spirale che ha origine nel rigonfiamento.

Queste galassie sono circondate da aloni scarsamente popolati, regioni approssimativamente sferiche sopra e sotto il piano dei dischi. Le spirali barrate differiscono dalle normali galassie di questo tipo in quanto i bracci della galassia non conducono completamente al centro, ma sono collegati alle due estremità di una barra diritta di stelle che contiene il nucleo al centro.

Galassie a spirale

Si ritiene che circa due terzi di tutte queste tipologie di galassie siano galassie a spirale barrate. Classificarle non è sempre semplice, poiché il loro aspetto varia notevolmente a seconda del loro orientamento rispetto alla Terra.

Quelle più difficili da identificare sono completamente “laterali“, il che significa che è visibile solo il bordo esterno di un lato dei bracci della galassia. Si ritiene che la Via Lattea sia una galassia a spirale barrata.

Si ritiene che circa il 60% di tutte le galassie siano galassie di questo tipo, rendendole la sede della maggior parte delle stelle nell’Universo. Queste galassie sono popolate da stelle che sono in media molto più giovani di quelle che popolano le galassie ellittiche, e il pensiero attuale suggerisce che le galassie a spirale potrebbero evolversi in galassie ellittiche.

Articoli più letti

Related articles