Microplastiche rinvenute nel 50% delle placche che ostruiscono le arterie

Uno studio condotto in Italia che ha analizzato le arterie ostruite di diversi pazienti ha individuato frammenti di microplastiche nelle placche

1
56
Microplastiche

Uno studio condotto in Italia che ha analizzato le arterie ostruite ha individuato frammenti di microplastiche nelle placche, in depositi di grasso rimossi chirurgicamente da pazienti che avevano subito un’operazione per aprire le arterie appunto.

Microplastiche

Microplastiche rinvenute all’interno delle arterie ostruite

La plastica è ormai ovunque, con minuscoli frammenti rinvenuti in diversi organi importanti del corpo umano, compresa la placenta. Considerata la facilità con cui le particelle microscopiche si infiltrano nei nostri tessuti, è fondamentale sapere esattamente quali tipi di rischi potrebbero comportare per la nostra salute.

I ricercatori sono stati impegnati a studiare gli effetti delle microplastiche in mini-repliche di organi e nei topi, per avere un’idea di come potrebbero avere un impatto sul corpo umano. Le concentrazioni di microplastiche utilizzate in questi studi potrebbero non riflettere l’esposizione delle persone nel mondo reale e sono stati condotti pochi studi sugli esseri umani.

Microplastiche



La rimozione delle placche di grasso dalle arterie ristrette in una procedura chiamata endoarterectomia carotidea riduce il rischio di futuri ictus.

Il team dietro questo nuovo studio, guidato da Raffaele Marfella, ricercatore medico presso l’Università della Campania a Napoli, si ha confrontato il rischio di ictus, così come di infarto e di morte, tra i pazienti che avevano microplastiche nelle placche e quelli che non le avevano.

Seguendo 257 pazienti per 34 mesi, i ricercatori hanno scoperto che quasi il 60% di loro aveva quantità misurabili di polietilene nelle placche estratte dalle arterie ispessite dal grasso e il 12% aveva anche cloruro di polivinile (PVC) nei depositi di grasso espiantati.

L’organismo umano è contaminato da microplastiche

Il PVC è disponibile sia in forme rigide che flessibili e viene utilizzato per realizzare tubazioni dell’acqua, bottiglie di plastica, pavimenti e imballaggi. Il polietilene è la plastica più comunemente prodotta, utilizzata anche per sacchetti di plastica, pellicole e bottiglie.

Con le microplastiche precedentemente trovate che circolavano nel flusso sanguigno delle persone, i ricercatori erano ragionevolmente preoccupati per la salute del cuore. Studi di laboratorio hanno indicato che le microplastiche possono innescare infiammazione e stress ossidativo nelle cellule cardiache e compromettere la funzione cardiaca, alterarne la frequenza e causare tessuto cicatriziale sul cuore negli animali come i topi.

Microplastiche

I dati osservazionali provenienti da studi sull’esposizione alle microplastiche per ragioni professionali hanno indicato anche un aumento del rischio di malattie cardiovascolari tra le persone esposte all’inquinamento legato alla plastica, compreso il cloruro di polivinile, rispetto a quello osservato nella popolazione generale“, hanno dichiarato Marfella e colleghi .

Nello studio, i pazienti con microplastiche nelle placche asportate avevano 4,5 volte più probabilità di avere un ictus, un attacco cardiaco non fatale o di morire per qualsiasi causa dopo 34 mesi rispetto alle persone che non ne avevano.

La tecnologia che ha individuato le microplastiche

La quantità di microplastiche, e anche di particelle più piccole chiamate nanoplastiche, è stata misurata utilizzando una tecnica chiamata pirolisi-gascromatografia-spettrometria di massa e la loro presenza è stata confermata utilizzando un altro metodo, l’analisi degli isotopi stabili, che può distinguere tra il carbonio dei tessuti umani e quello dei tessuti umani. plastiche derivate da prodotti petrolchimici.

Le microplastiche sono risultate visibili anche sotto potenti microscopi: i ricercatori hanno osservato frammenti di plastica con bordi frastagliati all’interno delle cellule immunitarie chiamate macrofagi e all’interno delle placche di grasso. Esaminando i campioni di tessuto, il team ha anche riscontrato livelli più elevati di marcatori infiammatori nei pazienti con microplastiche nelle placche.

È importante specificare, tuttavia, che uno studio osservazionale come questo non può concludere in modo definitivo che le microplastiche stiano causando gli effetti cardiaci a valle, ma solo che esiste un’associazione. Lo studio non ha considerato altri fattori di rischio per le malattie cardiovascolari, come il fumo, l’inattività fisica e l’inquinamento atmosferico.

Microplastiche

Sebbene non sappiamo quali altre esposizioni possano aver contribuito agli esiti avversi tra i pazienti in questo studio, individuare le microplastiche e nanoplastiche nel tessuto della placca è di per sé una scoperta rivoluzionaria che solleva una serie di domande urgenti”, come ad esempio come ridurre esposizione, ha dichiarato il pediatra, medico di sanità pubblica ed epidemiologo Philip J. Landrigan, del Boston College.

La produzione di plastica è esplosa negli ultimi due decenni, solo una frazione della quale è stata riciclata, eppure i tassi di malattie cardiovascolari sono diminuiti in alcune parti del mondo, quindi sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere il legame tra i due.

Microplastiche nell’organismo umano

Le microplastiche sono inquinanti ambientali che prevalgono negli oceani, nelle isole remote e nelle regioni polari. L’esposizione alla microplastica rappresenta una grave minaccia emergente per gli ecosistemi a causa dei loro potenziali effetti negativi.

Microplastiche

Diversi studi hanno esaminato la composizione e gli effetti avversi della microplastica negli esseri umani e nell’ambiente. La maggior parte delle ricerche si sono concentrate sullo sviluppo di metodi standardizzati per monitorare la presenza, la distribuzione e il movimento della microplastica nell’ambiente, nonché sullo sviluppo di sostituti della microplastica.

Gli esseri umani sono esposti alle microplastiche attraverso varie vie, e la ricerca sugli effetti avversi di tale esposizione negli esseri umani rimane ad ogg limitata.

Si sa poco sull’impatto delle microplastiche sulla salute umana e sugli effetti tossici che possono variare a seconda del tipo, dimensione, forma e concentrazione delle microplastiche. Pertanto, sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere i meccanismi cellulari e molecolari della tossicità microplastica e delle eventuali patologie correlate.

2