La vitamina D potrebbe aiutare a prevenire le malattie cardiovascolari

Sappiamo che la vitamina D è benefica per il nostro corpo, ma se prenderla come integratore oltre a una dieta abbia reali benefici per la salute è stato a lungo oggetto di dibattito

0
186
La vitamina D potrebbe aiutare a prevenire le malattie cardiovascolari
La vitamina D potrebbe aiutare a prevenire le malattie cardiovascolari
Indice

Sappiamo che la vitamina D è benefica per il nostro corpo, ma se prenderla come integratore oltre a una dieta abbia reali benefici per la salute è stato a lungo oggetto di dibattito. L’ultimo studio in materia suggerisce che tali integratori possano ridurre il rischio di attacchi di cuore.

Sebbene la ricerca riporti solo una leggera variazione nel rischio di un “evento cardiovascolare grave” con l’assunzione di vitamina D, è sicuramente utile per comprendere la relazione tra questi fattori e altri fattori di salute.

Si tratta del secondo studio più ampio finora svolto sugli integratori di vitamina D e il rischio di malattie cardiovascolari, secondo l’autrice principale dello studio, l’epidemiologa Rachel Neale del QIMR Berghofer Medical Research Institute in Australia.

Classifichiamo questo studio come non conclusivo in termini di causa ed effetto, ma con una dimensione del campione sufficientemente ampia – 21.302 pazienti di età compresa tra 60 e 84 anni – da permettere ulteriori analisi approfondite sulla relazione.

Il nostro studio ha scoperto che l’assunzione di integratori di vitamina D potrebbe ridurre il rischio di eventi cardiovascolari gravi, e l’effetto protettivo potrebbe essere più evidente in coloro che assumono statine e altri farmaci per le malattie cardiache“, afferma Neale.



Questo suggerisce che ulteriori ricerche su questo tema sono necessarie“.

Ai partecipanti allo studio sono stati somministrati integratori di vitamina D o un placebo per un periodo fino a cinque anni, e circa l’80% di quelli nel gruppo che assumeva la vitamina hanno continuato a prendere gli integratori alla fine dopo i cinque anni.

Nel gruppo della vitamina D, il 6% dei partecipanti ha sperimentato un evento cardiovascolare grave, rispetto al 6,6% dei partecipanti che assumevano un placebo. Per quanto riguarda gli attacchi di cuore specificamente, il tasso è stato inferiore del 19% nel gruppo della vitamina D, mentre non c’era differenza nel tasso di ictus.

Le statistiche hanno mostrato un maggiore beneficio degli integratori per coloro che stavano assumendo statine o altre forme di farmaci per la salute del cuore all’inizio dello studio, un altro risultato interessante da esplorare ulteriormente.

Non siamo sicuri del motivo di ciò“, afferma Neale. “Potrebbe essere un indicatore di un rischio maggiore all’inizio dello studio, quindi c’era più spazio per un miglioramento“.

I ricercatori sottolineano che nessuno dovrebbe iniziare a prendere integratori di vitamina D per il cuore senza consultare prima un medico, specialmente le persone anziane con condizioni preesistenti.

Nel frattempo, il dibattito sugli integratori continua. Se sei interessato ad aumentare naturalmente la vitamina D, la soluzione è esporre la pelle alla luce solare e consumare cibi come pesce grasso e tuorli d’uovo.

Mentre studi controllati randomizzati precedenti non hanno dimostrato che l’assunzione di integratori sia benefica per questo risultato, i risultati dello studio D-Health suggeriscono che è prematuro affermare che l’assunzione di vitamina D non modifichi il rischio“, afferma Neale.

La ricerca è stata pubblicata sul BMJ.

La vitamina D

La vitamina D è una vitamina liposolubile che svolge un ruolo importante nella salute umana. È nota principalmente per la sua funzione nella regolazione dell’assorbimento del calcio e del fosforo nell’intestino, che sono essenziali per la salute delle ossa e dei denti. Tuttavia, la vitamina D svolge anche altre importanti funzioni nel corpo umano.

  1. Fonti di vitamina D: La principale fonte di vitamina D è l’esposizione della pelle alla luce solare. Quando la pelle è esposta ai raggi ultravioletti B (UVB) del sole, il corpo sintetizza la vitamina D. Alcuni alimenti contengono anche vitamina D, come il pesce grasso (salmone, sgombro, aringa), l’olio di fegato di merluzzo, i latticini fortificati e gli integratori alimentari.
  2. Ruolo nel metabolismo del calcio: questa vitamina è essenziale per l’assorbimento del calcio e del fosforo dall’intestino. Aiuta a mantenere i livelli di calcio nel sangue entro un range normale e promuove la mineralizzazione delle ossa e dei denti.
  3. Salute delle ossa: La carenza di vitamina D può causare rachitismo nei bambini e osteomalacia negli adulti, che sono condizioni caratterizzate da ossa deboli e deformazioni scheletriche. La vitamina D è quindi fondamentale per la salute delle ossa e può aiutare a prevenire l’osteoporosi, una condizione caratterizzata da ossa fragili e suscettibili di fratture.
  4. Sistema immunitario: questa vitamina svolge un ruolo importante nella regolazione del sistema immunitario. Si ritiene che giochi un ruolo nella difesa contro le infezioni e nell’infiammazione.
  5. Altri potenziali benefici: Studi recenti hanno suggerito che questa vitamina potrebbe avere benefici per la salute cardiovascolare, la salute mentale, la prevenzione di alcune malattie autoimmuni e il supporto al sistema muscolare.
  6. Carenza di vitamina D: La carenza di vitamina D è comune, soprattutto in persone che vivono in regioni con poca esposizione solare, anziani, persone con abbigliamento che copre completamente la pelle, persone con pelle scura e coloro che seguono diete restrittive. Una carenza di vitamina D può essere associata a una serie di problemi di salute.

È importante notare che l’eccessopuò essere dannoso, quindi è fondamentale mantenere un equilibrio adeguato.

2