Un nuovo studio scopre un altro motivo per cui si dovrebbe vaccinare contro il morbillo

Lo studio contrasta ancora una volta i pericolosi miti perpetuati dagli omeopati, da guaritori  e dai “novax” che sostengono che l'esposizione dei bambini alle infezioni naturali è importante per "rafforzarne il sistema immunitario”.

0
790
Indice

Il vaccino contro il morbillo fa molto di più di quello che crediamo.

Due studi separati dello stesso team hanno dimostrato che contrarre il virus del morbillo può provocare “amnesia” agli anticorpi, lasciandoci esposti a future malattie.

Questo vuol dire che, una volta che si è guariti dal morbillo, potenzialmente potremmo perdere l’immunità ad altri agenti patogeni a cui siamo già stati esposti o vaccinati, tra cui la polmonite, l’influenza, il raffreddore comune e il papillomavirus umano.

La notizia peggiore inoltre è che questa vulnerabilità può durare mesi, se non anni.

Per questi motivi, il genetista Stephen Elledge della Harvard Medical School ha detto all’NPR che dovremmo pensare al vaccino contro il morbillocome una cintura di sicurezza per il nostro sistema immunitario“.



Sappiamo che le cinture di sicurezza proteggono da lesioni alla testa che possono causare amnesia“, spiega.

Anche il virus del morbillo è come un incidente, può darti un’amnesia immunitaria. Pensa al morbillo come un incidente che puoi prevenire in modo parallelo“.

I due studi hanno esaminato il sistema immunitario di 77 bambini non vaccinati prima e dopo un’infezione da morbillo, e i loro risultati suggeriscono che questo virus altamente contagioso infetta e paralizza le cellule immunitarie del corpo e rovina la loro memoria.

L’idea dell’amnesia immunitaria indotta dal morbillo non è esattamente nuova.

Studi effettuati sui primati non umani hanno dimostrato che il virus sostituisce effettivamente le vecchie cellule della memoria con una propria alternativa, rafforzando l’immunità al morbillo a spese di tutti gli altri agenti patogeni.

Altre ricerche hanno svelato che  il morbillo si lega e infetta le cellule T della memoria e le cellule B della memoria nel sistema immunitario, distruggendo le tracce di infezioni avvenute in passato.

Gli epidemiologi hanno dimostrato che, nell’era pre-vaccino, il morbillo era associato fino al 50% di tutta la mortalità infantile, la causa era l’amnesia immunitaria piuttosto che il morbillo stesso.

Immagina che la tua immunità contro i patogeni sia come portare in giro un libro di fotografie di criminali e che qualcuno ci abbia fatto un sacco di buchi“, ha detto l’epidemiologo Michael Mina alla Gazzetta di Harvard.

Sarebbe molto più difficile riconoscere quei criminali se li vedessi, specialmente se i buchi stesserosu caratteristiche importanti per il riconoscimento, come gli occhi o la bocca“.

Nel primo studio, è stato scoperto che il morbillo elimina fino al 73 percento degli anticorpi di un bambino e questa deplezione non è stata osservata in coloro che erano stati vaccinati.

Mentre nel secondo studio, i ricercatori hanno scoperto che quando i macachi venivano esposti al morbillo, perdevano in media dal 21 al 35 percento dei loro anticorpi preesistenti.

In che modo l’infezione da morbillo ha un effetto deleterio così duraturo sul sistema immunitario, pur consentendo una solida immunità contro sé stessa, è stata una domanda fondamentale“, scrive Duane Wesemann della Harvard Medical School in un editoriale di accompagnamento.

La buona notizia è che questi anticorpi possono essere reintegrati dai booster vaccinali e gli autori suggeriscono che i bambini che hanno contratto il virus possono ricostituire la loro immunità.

Tuttavia, il documento spiega che, dal 2018, la riduzione delle vaccinazioni da sola ha portato ad un aumento di quasi il 300% delle infezioni da morbillo e l’impatto sull’immunità di massa potrebbe estendersi ben oltre questa malattia.

Lo studio contrasta ancora una volta i pericolosi miti perpetuati dagli omeopati, da guaritori  e dai “novax” che sostengono che l’esposizione dei bambini alle infezioni naturali è importante per “rafforzarne il sistema immunitario”, Questo è quanto ha aggiunto l’endocrinologo Nikolai Petrovsky dell’Università di Flinders.

Fonte: Science Alert

2