Presentato un progetto per una batteria quantistica che non perde mai la carica

 La batteria funzionerebbe sfruttando la potenza "dell 'energia eccitonica" - lo stato in cui un elettrone assorbe fotoni di luce sufficientemente carichi.

714

Un team di scienziati delle università di Alberta e Toronto ha elaborato i progetti per una “batteria quantistica” che non perde mai la sua carica.

Per essere chiari, questa batteria non esiste ancora – ma se riusciremo a capire come costruirla, potrebbe costituire una vera a propria rivoluzione per i sistemi di accumulo di energia.


Le batterie con cui abbiamo più familiarità – come la batteria agli ioni di litio che alimenta il tuo smartphone – si basano sui principi elettrochimici classici, mentre le batterie quantistiche si basano esclusivamente sulla meccanica quantistica“, ha dichiarato il chimico dell’Università di Alberta Gabriel Hanna in una nota.

Dark State

Un documento che descrive la ricerca è stato pubblicato sul  Journal of Physical Chemistry C. nel mese di luglio. La batteria funzionerebbe sfruttando la potenza “dell ‘energia eccitonica” – lo stato in cui un elettrone assorbe fotoni di luce sufficientemente carichi.

I ricercatori ritengono che il modello di batteria risultante dovrebbe essere “altamente resistente alle perdite di energia“, grazie al fatto che la loro batteria è preparata all’interno di uno “stato oscuro” in cui non può scambiare energia – assorbendo o rilasciando fotoni – con l’ambiente circostante.

Carica di grandi dimensioni

Abbattendo questa rete quantistica di “stato oscuro“, i ricercatori affermano che la batteria potrebbe essere in grado di scaricare e rilasciare energia nel processo.

Ma il team deve ancora trovare il modo per realizzarla. Dovranno anche trovare un modo per ridurre la tecnologia a dimensioni adatte per essere applicabile nel mondo reale.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato da Futurism. Leggi l’ articolo originale.