Forse rilevato un buco nero molto più piccolo del solito

In uno studio pubblicato sulla prestigiosa rivista Science, un team di astronomi della Ohio State University afferma di aver scoperto un oggetto che appartiene a una classe di buchi neri mai osservati in precedenza.

0
1021
Indice

Ultimamente gli astronomi si sono molto impegnati a trovare buchi neri sempre più grandi. Recentemente, un team di astronomi tedeschi ha affermato di aver scoperto un buco nero con una massa 40 miliardi di volte quella del Sole.

E se ci fossero anche buchi neri di dimensioni molto più piccole?

In uno studio pubblicato sulla prestigiosa rivista Science, un team di astronomi della Ohio State University afferma di aver scoperto un oggetto che appartiene a una classe di buchi neri mai osservati in precedenza.

Potrebbe esisterne un’altra popolazione là fuori che dobbiamo ancora davvero sondare nella ricerca di buchi neri“, ha detto l’autore principale Todd Thompson in una nota.

Se confermate, le attuali teorie dovrebbero tenere conto di questa nuova classe di buco nero, costringendoci a ripensare il modo in cui comprendiamo come le stelle e altri tipi di oggetti celesti nascono e muoiono.



Thompson e il suo team erano perplessi dall’enorme divario tra le dimensioni delle più grandi stelle di neutroni – stelle estremamente dense e relativamente piccole che si formano dopo che stelle più grandi implodono dopo un’esplosione di supernova – e i più piccoli buchi neri che conosciamo.

Le stelle di neutroni generalmente sono abbastanza piccole – due o tre volte la massa del Sole – ma le stelle più grandi tendono a collassare su se stesse e formano buchi neri.

La loro pistola fumante: una gigantesca stella rossa che orbita intorno a qualcosa che all’inizio sembrava essere troppo piccolo per essere un buco nero nella Via Lattea, ma era molto più grande delle stelle di neutroni che conosciamo.

La loro scoperta si è rivelata davvero essere un buco nero a bassa massa, grande solo 3,3 volte la massa del Sole – di solito i buchi neri che abbiamo trovato in passato sono almeno cinque volte la massa del Sole o molto, molto più grandi.

La scoperta potrebbe ridefinire il modo in cui guardiamo al ciclo di vita di una stella.

“Se confermassimo l’esistenza di una nuova popolazione di buchi neri, potremo capirne di più su quali stelle esplodono, quali no, quali formano buchi neri e quali formano stelle di neutroni”, ha detto Thompson. “Si apre una nuova area di studio“.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato da Futurism . Leggi l’articolo originale.

2