Scoperto un fossile di Thalassotitan atrox, un enorme mosasauro che dominava gli oceani 66 milioni di anni fa

Il thalassotitan era un animale straordinario e terrificante. Immagina un drago di Komodo incrociato con un grande squalo bianco incrociato con un T. rex incrociato con un'orca assassina

0
13547
Indice

I mostri marini esistevano davvero alla fine del Cretaceo, 66 milioni di anni fa. Mentre i dinosauri prosperavano sulla terraferma, enormi rettili marini chiamati mosasauri dominavano i mari.

I mosasauri non erano in realtà dinosauri, ma enormi lucertole marine che crescevano fino a 12 metri di lunghezza. Erano lontani parenti delle iguane moderne e delle lucertole monitor.

I mosasauri somigliavano al drago di Komodo, a parte il fatto di avere le pinne al posto delle gambe e una pinna caudale simile a uno squalo. I mosasauri divennero più grandi e specializzati negli ultimi 25 milioni di anni del periodo Cretaceo, occupando nicchie una volta occupate da altri rettili marini come plesiosauri e ittiosauri. Alcuni si sono evoluti per mangiare piccole prede come pesci e calamari. Altri tritavano ammoniti e vongole. Il nuovo mosasauro, chiamato Thalassotitan atrox, si era evoluto per predare tutti gli altri rettili marini.

I resti della nuova specie sono stati scoperti in uno scavo in Marocco, a circa un’ora da Casablanca. Qui, verso la fine del Cretaceo, l’Atlantico inondò l’Africa settentrionale. Le acque ricche di nutrienti che risalgono dalle profondità alimentavano le fioriture di plancton. Quelli nutrivano piccoli pesci che nutrivano pesci più grandi, che nutrivano mosasauri e plesiosauri – e così via, con questi rettili marini che diventavano cibo per il gigantesco Thalassotitan.

Nick Longrich con Mosasaur Fossil

Nick Longrich con il fossile di mosasauro. Credito: Nick Longrich



Il Thalassotitan, aveva un enorme cranio che misurava 1,4 metri di lunghezza e cresceva fino a quasi 9 metri di lunghezza, le dimensioni di un’orca assassina. La maggior parte dei mosasauri aveva mascelle lunghe e denti sottili per catturare i pesci, ma il Thalassotitan aveva un muso corto e largo e denti conici massicci come quelli di un’orca. Questi denti gli permettevano di catturare e fare a pezzi enormi prede. Questi adattamenti anatomici suggeriscono che il Thalassotitan fosse un predatore all’apice della catena alimentare. In sostanza, il mosasauro gigante occupava la stessa nicchia ecologica delle orche assassine e dei grandi squali bianchi di oggi.

I denti del thalassotitan vengono spesso ritrovati usurati e rotti. Mangiare pesce non avrebbe prodotto questo tipo di usura dei denti. Questo suggerisce che il mosasauro gigante attaccava altri rettili marini, scheggiandosi, digrignando e rompendosi i denti mentre mordeva le loro ossa e li faceva a pezzi. Alcuni dei denti ritrovati sono così gravemente danneggiati che ne resta quasi solo la radice.

Resti fossili

Sorprendentemente, sono stati scoperti anche possibili resti delle vittime di Thalassotitan. I fossili mostrano danni da acidi, con denti e ossa mangiati. I fossili con questo danno particolare includono grandi pesci predatori, una tartaruga marina, una testa di plesiosauro lunga mezzo metro e mascelle e crani di almeno tre diverse specie di mosasauri. Sarebbero stati digeriti nello stomaco del Thalassotitan.

È una prova circostanziale“, ha affermato il dottor Nick Longrich, autore principale dello studio, pubblicato il 24 agosto 2022 su Cretaceous Research. Longrich è Senior Lecturer del Milner Center for Evolution presso l’Università di Bath.

Confronto delle dimensioni di Thalassotitan atrox

Confronto delle dimensioni di Thalassotitan atrox. Credito: Nick Longrich

Non possiamo dire con certezza quale specie di animali abbia mangiato tutti questi altri mosasauri. Ma abbiamo le ossa di rettili marini uccisi e mangiati da un grosso predatore e nella stessa posizione troviamo il Thalassotitan, una specie che si adatta al profilo dell’assassino: è un mosasauro specializzato nel predare altri rettili marini. Probabilmente non è una coincidenza”.

Il Thalassotitan era una minaccia per tutti negli oceani, compresi altri Thalassotitan. Gli enormi mosasauri riportano ferite subite in violenti combattimenti con altri mosasauri, con ferite al muso e alle mascelle nel corso dei combattimenti. Altri mosasauri mostrano ferite simili, ma nel Thalassotitan queste ferite erano eccezionalmente comuni, indicando frequenti e intensi combattimenti.

Il thalassotitan era un animale straordinario e terrificante“, ha affermato il dottor Nick Longrich, che ha guidato lo studio. “Immagina un drago di Komodo incrociato con un grande squalo bianco incrociato con un T. rex incrociato con un’orca assassina“.

Mappa della distribuzione talassotitana

Mappa di distribuzione del talassotitano. Credito: Nick Longrich

Il nuovo mosasauro visse nell’ultimo milione di anni dell’era dei dinosauri, un contemporaneo di animali come il T. rex e il Triceratopo. Le recenti scoperte di mosasauri dal Marocco, suggeriscono che i mosasauri non erano in declino prima dell’impatto dell’asteroide che ha portato all’estinzione di massa del Cretaceo.

Il professor Nour-Eddine Jalil, coautore dell’articolo del Museo di Storia Naturale di Parigi, ha dichiarato: “I fossili di fosfato del Marocco offrono una finestra senza precedenti sulla paleobiodiversità alla fine del Cretaceo. “Ci raccontano come la vita fosse ricca e diversificata poco prima della fine dell’”era dei dinosauri, un’epoca in cui gli animali dovevano specializzarsi per avere un posto nei loro ecosistemi. Il Thalassotitan completa il quadro assumendo il ruolo del megapredatore in cima alla catena alimentare”.

C’è molto altro da fare“, ha detto Longrich. “Il Marocco ha una delle faune marine più ricche e diversificate conosciute dal Cretaceo. Abbiamo appena iniziato a capire la diversità e la biologia dei mosasauri”.

Riferimento: “Thalassotitan atrox, a giant predatory mosasaurid (Squamata) from the Upper Maastrichtian Phosphates of Morocco” di Nicholas R. Longrich,
Nour-Eddine Jalil, Fatima Khaldoune, Oussama Khadiri Yazami, Xabier Pereda-Suberbiola e Nathalie Bardet, 24 agosto 2022 , Ricerca sul Cretaceo .
DOI: 10.1016/j.cretres.2022.105315

2