Indizi sui pericoli della ricerca di intelligenza extraterrestre (SETI)

Tutti i tentativi di comunicazione interplanetaria dovrebbero essere considerati messaggi diplomatici

0
4804

Con il volo dell’11 luglio 2021 di Richard Branson, noi terrestri abbiamo compiuto un’altra sortita nello spazio. Naturalmente, Branson non ha incontrato extraterrestri durante la sua gita.

Probabilmente bene così, considerando che qualsiasi ET in agguato ai margini dell’atmosfera terrestre potrebbe non avere “gioia per il mondo” in mente.

Inoltre, per usare un eufemismo, Branson potrebbe non aver saputo cosa dirgli.

Ciò porta alla ribalta una domanda che è diventata sempre più significativa con il passare degli anni e con la maggiore capacità dei terrestri di inviare messaggi nello spazio che raggiunge nuovi livelli di sofisticatezza.

E se un astronomo o un tecnico radio-satellitare (per esempio) riuscisse a entrare in contatto con una civiltà aliena? Cosa dovrebbe dire quella persona per ridurre al minimo il pericolo per il nostro pianeta e per il loro?



In questo momento, astronomi e tecnici fanno un po’ di testa loro, componendo messaggi senza supervisione e inviandoli principalmente sotto forma di dati binari o stringhe di simboli matematici.

L’antropologo John Traphagan dell’Università del Texas ad Austin pensa che, nel migliore interesse della Terra e di qualsiasi civiltà aliena, tale pratica dovrebbe cessare il prima possibile.

Tutti i tentativi di comunicazione interplanetaria dovrebbero essere considerati messaggi diplomatici e dovrebbero essere attentamente composti e moderati da commissioni etnicamente, culturalmente e sessualmente diverse composte da scienziati sociali, studiosi umanisti e diplomatici qualificati.

Perché, se un “ET” tecnologicamente avanzato intercettasse un messaggio non controllato, potrebbe verificarsi un disastro.

Una conversazione su SETI e comunicazione interplanetaria con John Traphagan

Rebecca Coffey: Quando metti in guardia sulla natura critica dei messaggi che la Terra invia nello spazio, sembri molto simile a un antropologo preoccupato che i pregiudizi culturali e le incomprensioni di entrambe le parti anche per una comunicazione benigna potrebbero portare a una guerra. Puoi iniziare dando una panoramica delle tue preoccupazioni?

John Traphagan: La Terra ha inviato messaggi non controllati verso possibili esseri intelligenti che non conosciamo e di cui non sappiamo se dovremmo fidarci. Sono anche preoccupato per la disonestà per commissione e omissione che è inerente ad alcuni dei messaggi che abbiamo inviato. C’è solo una minima possibilità che i messaggi che abbiamo inviato vengano mai intercettati. Ma il rischio che comportano è alto.

Ecco i principali messaggi che sono stati intenzionalmente inviati finora.

Nel 1972 e nel 1973  placche di metallo anodizzato furono caricate dalla NASA/Ames sui veicoli spaziali Pioneer 10 e Pioneer 11. Mostravano figure nude di un uomo e di una donna. Entrambi sembrano essere caucasici. Le targhe includevano anche elementi grafici intesi a trasmettere l’origine delle astronavi sulla Terra.

Nel 1974, un messaggio intenzionale è stato inviato dal radiotelescopio Arecibo. Era puntato verso la galassia M13 che dista 25.000 anni luce. È stato inviato come una serie di 1679 bit di dati binari che insieme trasmettevano un’immagine contenente informazioni su esseri umani, umanità, DNA e Terra. 

A proposito, ho mostrato l’immagine composita ai miei studenti in classe. Generalmente, l’unica parte che possono decifrare è la figura stilizzata umana, quindi il messaggio potrebbe essere in gran parte insensato. 

Nel 1977, “Golden Records” identici da 12 pollici di diametro furono inviati nello spazio su Voyager 1 e 2 insieme a fonografi in grado di riprodurli. I Registri contenevano 115  immagini fotografiche e grafici, una raccolta di suoni della terra e musica da tutto il mondo. 

Mentre Carl Sagan e il suo team di collaboratori hanno fatto di tutto per includere in quei documenti le prove delle molte culture della Terra, le persone della sua squadra erano tutte intellettuali caucasici. Il 27% della musica che includevano era occidentale, classica e orchestrale. È una percentuale fuori misura.

Un’altra obiezione che ho ai Golden Records è che la Terra sembra utopica. Non c’è alcuna rappresentazione della guerra, delle bombe termonucleari o della fame. Niente povertà, malattie, baraccopoli o inquinamento industriale.

La collezione trasmette una bugia su chi siamo. E dovremmo mentire agli extraterrestri? È questo un modo per iniziare una relazione con una civiltà aliena capace di viaggi interstellari?

RC: Cosa pensi di portare in questa discussione dalla tua formazione di antropologo?

JT: Penso molto ai tempi dell'”antropologia da poltrona”. È un termine che si riferisce al modo in cui lavoravano gli antropologi nel XVIII e XIX secolo. Non potevano andare nei posti di cui erano curiosi, così si sedevano nelle loro poltrone o alle loro scrivanie e scrivevano lettere a persone che erano imperialisti o missionari nelle colonie di cui volevano studiare la civiltà. 

Nelle lettere chiedevano informazioni. L’antropologo americano Lewis Henry Morgan, padre dello studio della parentela, ha inviato lettere del genere. Naturalmente, lui e gli altri antropologi da poltrona finirono per apprendere molti dettagli affascinanti, ma le informazioni erano distorte in modi che non potevano percepire. 

Questo perché erano filtrate attraverso i pregiudizi e le lenti culturali dei missionari, funzionari del governo e altri che cercavano di “civilizzare” le persone di cui avevano invaso il mondo. Sono stati generati anche dalle prospettive distorte dei ricercatori stessi.

È un po’ come sta accadendo proprio ora con la ricerca di intelligenza extraterrestre (SETI). Stiamo inviando “lettere” nello spazio senza una buona comprensione dei pregiudizi contenuti nei messaggi che inviamo.

Naturalmente, le informazioni che abbiamo raccolto in cambio valgono molto meno anche di quelle che hanno ricevuto gli antropologi da poltrona. Non abbiamo imparato assolutamente nulla. E questo ha portato a un mucchio sempre più alto di speculazioni su come potrebbero essere i contatti, le comunicazioni o gli alieni stessi.

L’antropologia a distanza spesso creava immagini distorte e distorte degli altri che venivano osservati da lontano. E nel caso della comunicazione con extraterrestri che potrebbero essere tecnologicamente molto più avanzati degli umani, probabilmente è anche pericolosa. 

RC: Pensando ai Golden Records inviati sui Voyager 1 e 2, posso immaginare quanto si siano sentiti eccitati e persino romantici Carl Sagan e i suoi collaboratori quando hanno messo insieme i dischi. E, nel 1977, potrebbero essere stati ciechi ai pregiudizi culturali che stavano apportando al loro progetto.

JT: Tieni presente che, durante la creazione dei dischi, non pensavano che qualcuno li avrebbe mai suonati. Probabilmente nessuno lo farà mai, considerando quanto è vasto lo spazio e quanto piccole siano quelle due navicelle spaziali.

Sono ancora preoccupato, però. 

Altri messaggi del genere, o anche come le stringhe matematiche che a volte vengono inviate nello spazio, potrebbero far sembrare la Terra una facile preda. 

Altrettanto grave, potrebbero far sembrare la Terra utopica. Se una civiltà aliena decidesse di visitare la Terra basandosi sull’evidenza di immagini felici e suoni meravigliosi e, invece del paradiso, trovasse un mondo di belligeranza, si arrabbierebbe? Penso che mentendo su noi stessi nei nostri messaggi corriamo questo rischio.

RC: Certo, i Golden Records sono comunicazioni inadeguate. Anche così, una comunicazione culturalmente più diversificata e onesta ridurrebbe il pericolo per noi? E come aiuterebbe includere immagini di guerra, considerando che chiunque “legga” i messaggi sarà tecnicamente molto più avanzato di noi?

JT: Immaginiamo uno scenario tipo “Il buono, il brutto ed il cattivo”: il “buono” è che un ET potrebbe esplorare i suoni e le immagini di una comunicazione, sorridere e andare avanti. I Voyager rimarranno in agguato nella galassia per migliaia di anni se sopravviveranno. 

ET potrebbe pensare a loro e noi come oggetti d’antiquariato. O forse potrebbero guardare alla tecnologia spaziale di cui siamo così orgogliosi e pensarci un po’ come noi consideriamo le dighe dei castori. Sono creazioni piuttosto ingegnose fatte da animali di intelligenza limitata.

“Il cattivo” entra in gioco se ET si rivela belligerante o imperialista. Messaggi come il Voyager Golden Records, ad esempio, potrebbero farci sembrare delle facili prede. Dopotutto, i Registri non hanno prove di alcuna tecnologia con cui potremmo difenderci dagli attacchi. Danno anche indicazioni esplicite su dove siamo nel sistema solare. “Vieni a prenderci”, potrebbe essere il loro messaggio.

Lo scenario “Brutto” è quello che mi preoccupa di più. Supponiamo che una civiltà aliena venga qui aspettandosi di trovare un’utopia perché è ciò che i nostri messaggi hanno descritto. Vogliono incontrare la gente, ascoltare musica orchestrale, salutarsi in modo felice e vivere in pace e armonia. 

Poi scoprono che siamo un mondo di sofferenza e violenza. Si sentirebbero ingannati? Come risponderebbero? È facile immaginare un enorme WTF collettivo che attraversa le loro menti. 

RC: Eppure mi sembra che lo sforzo di Sagan e dei suoi collaboratori nel raccogliere immagini, suoni e musica fosse esso stesso una forma d’arte. Vorresti distruggerlo? Vorresti reprimerlo e sottoporlo a revisione da parte dei burocrati? Non toglierebbe ispirazione dalla compilation? Riesamineresti ogni nota della musica di Bach o Maori?

JT: La risposta è sì. E la ragione per cui è sì è la posta in gioco che è coinvolta. 

Una persona o un piccolo gruppo non possono parlare a nome di sette miliardi di persone. Prima che venga inviato qualsiasi messaggio di qualsiasi tipo, ci deve essere almeno un certo livello di pensiero esperto dato alle sue implicazioni morali e pratiche – e non sto parlando solo dei pericoli che ci presentano. 

La nostra notizia potrebbe destabilizzare una civiltà aliena. Supponiamo di inviare un messaggio e che sia intercettato da xenofobi. Scoprono di non essere soli. Questo potrebbe metterli in subbuglio, e sarebbe colpa nostra. Dobbiamo sollevare queste domande prima di inviare i messaggi. 

Voglio sostenere che dovremmo avere organizzazioni governative come la NASA, JAXA (l’agenzia spaziale giapponese) e l’ESA (Agenzia spaziale europea) che collaborino a comitati di revisione della protezione planetaria che hanno funzioni simili a quelle dei comitati di revisione istituzionali. 

Valuterebbero attentamente il rischio e il beneficio di ogni messaggio. Non credo che gli astronomi debbano essere sulla lavagna. Perché affidare a un astronomo la responsabilità della diplomazia e la comprensione delle variazioni culturali e delle differenze di identità? Daresti ad un antropologo l’incarico di cercare altre stelle? 

RC: Presto la tecnologia potrebbe essere fuori dalle nostre mani e i ragazzi delle scuole medie nei garage saranno in grado di inviare messaggi indelebili nello spazio. Il genio sta per uscire dalla bottiglia?

JTPenso che tu possa fare questo ragionamento. Ma non è un argomento che dice che non possiamo avere standard e inviare qualsiasi messaggio che chiunque voglia inviare. Le probabilità che una qualsiasi di queste comunicazioni arrivino sono molto basse.  Anche così, dobbiamo creare una cultura del pensiero sui rischi prima di comunicare piuttosto che dopo quando ET si presenta per mangiarci il cervello. 

E, ripensando ai miei commenti sulla diversità, chi dovremmo scegliere di parlare per tutti noi? Le persone potenti con la tecnologia? O una schiera rappresentativa di voci in modo che i molti modi in cui sperimentiamo il mondo siano espressi? Questa è davvero una domanda morale su come vogliamo interagire gli uni con gli altri come esseri umani e come vogliamo interagire con altri mondi. 

RC: Hai idee su chi ti piacerebbe vedere seduto in cattedra?

JT Ho idee forti al riguardo. Dobbiamo fare uno sforzo per avere un consiglio diversificato in termini di identità umane e aree intellettuali. Penso che sia importante avere artisti, scienziati naturali, musicisti e altri coinvolti nella creazione di messaggi, ma è essenziale avere professionisti di campi focalizzati sulle interazioni sociali e politiche coinvolti nella creazione di messaggi. 

Queste persone dovrebbero anche rappresentare diverse identità razziali, di genere e nazionali. Infine, dovrebbero anche essere leader nella valutazione dei potenziali rischi associati a qualsiasi messaggio.

RC: Voglio ringraziarti per la tua intuizione. È stato illuminante, per non dire altro. E voglio farti un’ultima domanda. Hai visto il film del 1999 “Galaxy Quest?”

JT: Sì. Bel film.

2