L’universo potrebbe avere 26,7 miliardi di anni, secondo un nuovo studio

Un nuovo studio suggerisce che l'universo possa avere 26,7 miliardi di anni, sfidando la stima ampiamente accettata di 13,7 miliardi di anni basata sul modello di concordanza Lambda-CDM

0
3194
L'universo potrebbe avere 26,7 miliardi di anni, secondo un nuovo studio
L'universo potrebbe avere 26,7 miliardi di anni, secondo un nuovo studio

Un nuovo studio suggerisce che l’universo possa avere 26,7 miliardi di anni, sfidando la stima ampiamente accettata di 13,7 miliardi di anni basata sul modello di concordanza Lambda-CDM.

Il nostro universo potrebbe avere il doppio delle stime attuali, secondo un nuovo studio che sfida il modello cosmologico dominante e getta nuova luce sul cosiddetto “impossibile problema delle prime galassie”.

“Il nostro modello di nuova concezione allunga il tempo di formazione della galassia di diversi miliardi di anni, facendo sì che l’universo abbia 26,7 miliardi di anni e non 13,7 come stimato in precedenza”, ha affermato l’autore Rajendra Gupta, professore di fisica presso la Facoltà di Scienze dell’Università di Ottawa.

"Il nostro modello di nuova concezione allunga il tempo di formazione della galassia di diversi miliardi di anni, facendo sì che l'universo abbia 26,7 miliardi di anni e non 13,7 come stimato in precedenza". Rajendra Gupta - Professore a contratto di fisica presso la Facoltà di Scienze dell'Università di Ottawa. Credito: Università di Ottawa
“Il nostro modello di nuova concezione allunga il tempo di formazione della galassia di diversi miliardi di anni, facendo sì che l’universo abbia 26,7 miliardi di anni e non 13,7 come stimato in precedenza”. Rajendra Gupta – Professore a contratto di fisica presso la Facoltà di Scienze dell’Università di Ottawa. Credito: Università di Ottawa

Per anni astronomi e fisici hanno calcolato l’età del nostro universo misurando il tempo trascorso dal Big Bang e studiando le stelle più antiche basandosi sul redshift della luce proveniente da galassie lontane. Nel 2021, grazie a nuove tecniche e progressi tecnologici, l’età del nostro universo è stata così stimata a 13,797 miliardi di anni utilizzando il modello di concordanza Lambda-CDM.

Tuttavia, molti scienziati sono rimasti perplessi dall’esistenza di stelle come Matusalemme che sembrano essere più vecchie dell’età stimata del nostro universo e dalla scoperta di galassie primordiali in uno stato avanzato di evoluzione resa possibile dal telescopio spaziale James Webb. Queste galassie, esistenti appena 300 milioni di anni circa dopo il Big Bang, sembrano avere un livello di maturità e massa tipicamente associati a miliardi di anni di evoluzione cosmica. Inoltre, sono sorprendentemente di dimensioni ridotte, aggiungendo un altro strato di mistero all’equazione.

La teoria della luce stanca di Zwicky

La teoria della luce stanca di Zwicky propone che lo spostamento verso il rosso della luce proveniente da galassie lontane sia dovuto alla graduale perdita di energia da parte dei fotoni su vaste distanze cosmiche. Tuttavia, è stato visto in conflitto con le osservazioni. Eppure Gupta ha scoperto che “permettendo a questa teoria di coesistere con l’universo in espansione, diventa possibile reinterpretare il redshift come un fenomeno ibrido, piuttosto che puramente dovuto all’espansione”.



Oltre alla teoria della luce stanca di Zwicky, Gupta ha introdotto l’idea dell’evoluzione delle “costanti di accoppiamento”, come ipotizzato da Paul Dirac. Le costanti di accoppiamento sono costanti fisiche fondamentali che governano le interazioni tra le particelle. Secondo Dirac, queste costanti potrebbero essere variate nel tempo. Consentendo loro di evolversi, il periodo di tempo per la formazione delle prime galassie osservate dal telescopio Webb ad alti spostamenti verso il rosso può essere esteso da poche centinaia di milioni di anni a diversi miliardi di anni. Ciò fornisce una spiegazione più fattibile per il livello avanzato di sviluppo e massa osservato in queste antiche galassie.

Inoltre, Gupta suggerisce che l’interpretazione tradizionale della “costante cosmologica”, che rappresenta l’energia oscura responsabile dell’accelerazione dell’espansione dell’universo, necessita di una revisione. Invece, propone una costante che spiega l’evoluzione delle costanti di accoppiamento. Questa modifica nel modello cosmologico aiuta ad affrontare il puzzle delle piccole dimensioni delle galassie osservate nell’universo primordiale, consentendo osservazioni più accurate.

Fonte: Royal Astronomical Society

2