Proxima Centauri: osservato un flare da record

Meredith MacGregor astrofisica del CU Boulder ha spiegato che la piccola "nana rossa" Proxima Centauri è piccola e relativamente debole e fredda e si trova a soli quattro anni luce (o più di 20 trilioni di chilometri) dal sistema solare e ospita almeno due pianeti, uno dei quali potrebbe essere un piccolo pianeta roccioso simile alla Terra

Proxima Centauri, la stella più vicina al Sole, ha emesso un potentissimo flare da record. A registrarlo un team di scienziati dell’università di Boulder. La loro ricerca è stata pubblicata su The Astrophysical Journal Letters. La ricerca potrebbe contribuire a scoprire la vita oltre il sistema solare.

Proxima Centauri ha circa un ottavo della massa del nostro Sole. Ma anche se si tratta di una stella di piccole dimensioni è molto più “turbolenta” di stelle molto più calde e massicce. Il Sole, ad esempio, pur essendo una stella molto più grande, calda e luminosa è un astro che si evolve con una certa quiete, permettendo alla vita sulla Terra di prosperare per miliardi di anni.

Meredith MacGregor, astrofisica del CU Boulder, ha spiegato che la “nana rossa” Proxima Centauri è piccola e relativamente debole e fredda e si trova a soli quattro anni luce (o più di 20 trilioni di chilometri) dal sistema solare e ospita almeno due pianeti, uno dei quali potrebbe essere un piccolo pianeta roccioso simile alla Terra. 

MacGregor e i suoi colleghi hanno osservato Proxima Centauri per 40 ore utilizzando nove telescopi basati a terra e nello spazio. Nel loro studio, hanno avuto una sorpresa: Proxima Centauri ha emesso un flare, o un’esplosione di radiazioni che si innesca in prossimità della superficie della stella, che è considerata una delle più violente mai registrate nella nostra galassia.

Secondo quanto riferito dalla MacGregor, assistente professore al Center for Astrophysics and Space Astronomy (CASA) e il Dipartimento di astrofisica e scienze planetarie (APS ) della CU Boulder, La stella è diventata 14.000 volte più luminosa nelle lunghezze d’onda ultraviolette nell’arco di pochi secondi.

Le scoperte del team suggeriscono qualcosa di nuovo che potrebbe cambiare il modo in cui gli scienziati pensano ai bagliori stellari. Inoltre, questi flare non promettono nulla di buono per nessun organismo vivente abbastanza coraggioso da vivere vicino ad una stella capace di emetterne di così potenti.

Se ci fosse vita sul pianeta più vicino a Proxima Centauri, dovrebbe apparire molto diversa da qualsiasi altra cosa sulla Terra“, ha detto MacGregor. “Un essere umano su questo pianeta passerebbe un brutto momento“.

Proxima Centauri, stella super attiva

Proxima Centauri è stata a lungo un obiettivo per gli scienziati che sperano di trovare la vita oltre il nostro sistema solare. 

Tanto per cominciare è la stella più vicina a noi, ospita sicuramente un pianeta, denominato Proxima Centauri b, che risiede in quella che i ricercatori chiamano la zona abitabile, una regione intorno a una stella che ha il giusto intervallo di temperature per ospitare acqua liquida sulla superficie di un pianeta.

Ma c’è una svolta, ha detto MacGregor: le nane rosse, che si classificano come le stelle più comuni nella galassia, sono anche insolitamente vivaci.

Molti degli esopianeti che abbiamo trovato finora sono intorno a questi tipi di stelle“, ha detto. “Ma il problema è che sono stelle molto più attive del nostro Sole. Si infiammano molto più frequentemente e intensamente“.

Per vedere quanto Proxima Centauri brilla, lei ed i suoi colleghi hanno realizzato quello che si avvicina a un colpo di stato nel campo dell’astrofisica: hanno puntato nove diversi strumenti verso la stella per 40 ore nel corso di diversi mesi nel 2019. Quegli occhi includevano l’Hubble Telescopio spaziale, Atacama Large Millimeter Array (ALMA) e Transiting Exoplanet Survey Satellite (TESS) della NASA. Cinque di loro hanno registrato l’enorme bagliore di Proxima Centauri, catturando l’evento poiché ha prodotto un ampio spettro di radiazioni.

È la prima volta che abbiamo questo tipo di copertura multi-lunghezza d’onda di un bagliore stellare“, ha detto MacGregor. “Di solito sei fortunato se riesci a procurarti due strumenti“.

La tecnica ha fornito una delle anatomie più approfondite di un bagliore di qualsiasi altra stella della galassia.

L’evento in questione è stato osservato il 1 maggio 2019 ed è durato appena 7 secondi. Anche se non ha prodotto molta luce visibile, ha generato un’enorme ondata di radiazioni sia ultraviolette che radio, o “millimetriche”.

In passato, non sapevamo che le stelle potessero emettere flare nella gamma millimetrica, quindi questa è stata la prima volta che siamo andati alla ricerca di bagliori millimetrici“, ha detto MacGregor.

Quei segnali millimetrici, ha aggiunto MacGregor, potrebbero aiutare i ricercatori a raccogliere più informazioni su come le stelle generano bagliori. Attualmente, gli scienziati sospettano che queste esplosioni di energia si verifichino quando i campi magnetici vicino alla superficie di una stella si attorcigliano e interagiscono con conseguenze esplosive.

Il bagliore osservato era circa 100 volte più potente di qualsiasi bagliore simile visto sul nostro Sole. Nel tempo, tale energia può strappare l’atmosfera di un pianeta e persino esporre le forme di vita a radiazioni mortali.

Quel tipo di evento acuto potrebbe non essere un raro su Proxima Centauri. Oltre al grande boom di maggio 2019, i ricercatori hanno registrato molti altri flare durante le 40 ore trascorse a guardare la stella.

I pianeti di Proxima Centauri vengono colpiti da qualcosa di simile non una volta in un secolo, ma almeno una volta al giorno, se non più volte al giorno“, ha detto MacGregor.

I risultati suggeriscono che potrebbero esserci altre sorprese in serbo dal compagno più vicino del sole.

Probabilmente ci saranno ancora tipi di flare ancora più strani che dimostrano diversi tipi di fisica a cui non abbiamo pensato prima“, ha concluso MacGregor.

Articoli più letti

Related articles