13.7 C
Rome
mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeFisica/Astronomia/astrofisicaNuovo asteroide troiano terrestre

Nuovo asteroide troiano terrestre

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Il telescopio SOAR, parte dell’Osservatorio Interamericano di Cerro Tololo del NOIRLab, è stato di aiuto agli astronomi per perfezionare le dimensioni e l’orbita del più grande corpo celeste conosciuto della Terra.

Scandagliando il cielo molto vicino all’orizzonte al sorgere del sole, il telescopio SOAR in Cile, parte del Cerro-Tololo Inter-American Observatory, un programma del NOIRLab della NSF, si è rivelato utile agli astronomi per confermare l’esistenza del secondo asteroide troiano terrestre conosciuto, e rivela che è largo oltre un chilometro – circa tre volte più grande del primo.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Gli astronomi confermano l’esistenza del secondo asteroide troiano terrestre e scoprono al contempo che è molto più grande del primo. Un troiano terrestre è un asteroide che segue lo stesso percorso intorno al Sole della Terra, sia davanti che dietro la Terra nella sua orbita. L’asteroide, chiamato 2020 XL5, è una scoperta fatta dal telescopio Pan-STARRS1 nel 2020, ma gli astronomi non erano sicuri che si trattasse di un troiano terrestre. Il telescopio SOAR gestito dal NOIRLab in Cile ha contribuito a determinare che si tratta di un troiano terrestre e ha scoperto che ha un diametro di oltre un chilometro – quasi tre volte più grande dell’altro troiano terrestre conosciuto.

Nuovo asteroide troiano terrestre

Il Nuovo asteroide troiano 2020 XL5

Usando il telescopio SOAR (Southern Astrophysical Research) da 4,1 metri sul Cerro Pachón in Cile, i ricercatori guidati da Toni Santana-Ros dell’Università di Alicante e dall’Istituto di Scienze Cosmiche dell’Università di Barcellona osservano l’asteroide 2020 XL5, recentemente scoperto, per condizionarne l’orbita e le dimensioni. I loro risultati confermano che 2020 XL5 è proprio un troiano terrestre – un asteroide compagno della Terra che orbita intorno al Sole lungo lo stesso percorso del nostro pianeta – e che è il più grande ancora trovato.

I troiani sono corpi massicci che condividono un’orbita con un pianeta, raggruppati intorno a una delle due aree speciali gravitazionalmente bilanciate lungo l’orbita del pianeta, note come punti di Lagrange“. Afferma Cesar Briceño del NOIRLab della NSF, che è uno degli autori di un articolo pubblicato oggi su Nature Communications che riporta i risultati, e che ha contribuito a fare le osservazioni con il telescopio SOAR al Cerro Tololo Inter-American Observatory (CTIO), un programma del NOIRLab della NSF, nel marzo 2021.

punti di Lagrange – su Nuovo asteroide troiano terrestre

Diversi pianeti del sistema solare sono noti per avere asteroidi troiani, però 2020 XL5 è solo il secondo esemplare conosciuto trovato vicino alla Terra.

Osservazioni di 2020 XL5 sono state effettuate anche con il Lowell Discovery Telescope da 4,3 metri al Lowell Observatory in Arizona e dalla stazione di terra ottica da 1 metro dell’Agenzia Spaziale Europea a Tenerife nelle isole Canarie.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Scoperto il 12 dicembre 2020 dal telescopio Pan-STARRS1 alle Hawaii, 2020 XL5 è molto più grande del primo troiano terrestre scoperto, chiamato 2010 TK7. I ricercatori hanno scoperto che 2020 XL5 ha un diametro di circa 1,2 chilometri (0,73 miglia), circa tre volte più largo del primo (2010 TK7 è stimato essere meno di 400 metri).

2020 XL5 Vs 2010 TK7

Al momento della scoperta di 2020 XL5, la sua orbita intorno al Sole non era abbastanza conosciuta per dire se si trattasse semplicemente di un asteroide vicino alla Terra che attraversava la nostra orbita, o se fosse veramente un troiano.

Le misurazioni di SOAR sono state così accurate che il team di Santana-Ros è stato in grado di tornare indietro e cercare 2020 XL5 nelle immagini d’archivio dal 2012 al 2019 prese come parte del Dark Energy Survey utilizzando la Dark Energy Camera (DECam) sul telescopio da 4 metri Víctor M. Blanco situato al CTIO in Cile. Con quasi dieci anni di dati a disposizione, il team è stato in grado di migliorare notevolmente la nostra comprensione dell’orbita dell’asteroide.

Nonostante esistano studi che hanno sostenuto l’identificazione dell’asteroide troiano, i nuovi risultati rendono quella determinazione molto più affidabile e forniscono una stima delle dimensioni di 2020 XL5 e del tipo di asteroide che è.

I dati di SOAR ci hanno permesso di fare una prima analisi fotometrica dell’oggetto, rivelando che 2020 XL5 è probabilmente un asteroide di tipo C, con una dimensione maggiore di un chilometro”; dice Santana-Ros. Un asteroide di tipo C è scuro, contiene molto carbonio ed è il tipo più comune di asteroide nel sistema solare.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Le conclusioni dimostrano inoltre che 2020 XL5 non resterà un asteroide troiano per sempre. Manterrà la sua posizione stabile per almeno altri 4000 anni, ma alla fine sarà sottoposto a perturbazioni gravitazionali e si allontanerà per vagare nello spazio.

2020 XL5 e 2010 TK7 potrebbero non essere soli – è possibile che ci siano molti altri troiani terrestri che finora non sono stati individuati perché appaiono vicini al Sole nel cielo.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
Nuovo asteroide troiano terrestre

Le basi per una futura esplorazione grazie alla scoperta sul nuovo asteroide troiano terrestre

“Ciò implica che le attività di ricerca e osservazione dei troiani terrestri devono essere eseguite vicino all’alba o al tramonto, con il telescopio puntato vicino all’orizzonte, attraverso la parte più spessa dell’atmosfera, il che si traduce in condizioni di scarsa visibilità. SOAR è stato in grado di puntare fino a 16 gradi sopra l’orizzonte, mentre molti telescopi da 4 metri (e più grandi) non sono in grado di puntare così in basso”. Spiega l’autore.

“Queste sono osservazioni davvero impegnative, richiedono al telescopio di tracciare correttamente al suo limite di elevazione più basso, poiché l’oggetto era estremamente basso sull’orizzonte occidentale all’alba”; continua Briceño.

Ciononostante, la ricompensa per la scoperta dei troiani terrestri vale lo sforzo di averli trovati. Poiché sono fatti di materiale primitivo che risale alla nascita del sistema solare e potrebbero rappresentare alcuni dei mattoni che hanno formato il nostro pianeta, sono obiettivi attraenti per le future missioni spaziali”.

Se saremo in grado di scoprire più troiani terrestri, e se alcuni di loro possono avere orbite con inclinazioni più basse, potrebbero diventare più economici da raggiungere rispetto alla nostra Luna“. Conclude il ricercatore. “Quindi potrebbero diventare basi ideali per un’esplorazione avanzata del sistema solare, o potrebbero anche essere una fonte di risorse”

Articoli più letti