Nave medievale trovata al largo della costa occidentale della Svezia

Un relitto precedentemente sconosciuto è stato trovato fuori Fjällbacka, sulla costa occidentale svedese

0
708

Un relitto precedentemente sconosciuto è stato trovato fuori Fjällbacka, sulla costa occidentale svedese. L’analisi dei campioni di legno mostra che si tratta del relitto di una nave più antico mai trovato nella provincia di Bohuslän. Questo è anche uno dei più antichi ingranaggi che deve ancora essere trovato in Europa.

“Il relitto è costituito da querce tagliate tra il 1233 e il 1240, quindi quasi 800 anni fa”, ha affermato Staffan von Arbin, archeologo marittimo dell’Università di Göteborg.

Questo relitto del Medioevo è stato trovato dall’isola di Dyngö fuori Fjällbacka nel comune svedese di Tanum. Lo scorso autunno, l’Università di Göteborg ha condotto ispezioni archeologiche subacquee lungo la costa di Bohuslän per saperne di più sui relitti conosciuti sul fondo del mare.

“Abbiamo raccolto campioni di legno per determinare l’età datando gli anelli degli alberi, noti come dendrocronologia”, ha detto Staffan von Arbin.

Fu durante questo lavoro che gli archeologi marittimi si imbatterono nel relitto fuori Fjällbacka a cui è stato dato il nome di “Dyngökoggen“. Questa limitata ricognizione del relitto mostra che si tratta di un ingranaggio, un tipo di nave ampiamente utilizzato dal XII secolo in poi.



Il fasciame inferiore è a filo (carvel), mentre i fasciami laterali sono sovrapposti (clinker). Anche le cuciture tra le assi sono sigillate con muschio, tipico degli ingranaggi. La sezione dello scafo superstite è lunga circa 10 metri e larga 5 metri. Staffan von Arbin ritiene, tuttavia, che in origine la nave sarebbe stata lunga fino a 20 metri.

L'archeologo marittimo Anders Gutehall di Visuell Arkeologi Norden ispeziona il fondo a Dyngö. Credito: Staffan von Arbin/Göteborgs universitet
L’archeologo marittimo Anders Gutehall di Visuell Arkeologi Norden ispeziona il fondo a Dyngö. Credito: Staffan von Arbin/Göteborgs universitet

La nave è stata attaccata dai pirati?

L’analisi dei campioni di legno mostra che la nave è stata costruita con querce della Germania nord-occidentale. Come è finita fuori Fjällbacka?

“Gli ingranaggi sono menzionati spesso nelle fonti scritte sulla Lega Anseatica medievale, ma navi di questo tipo erano comuni per tutto il Medioevo nell’Europa settentrionale”. Staffan von Arbin sostiene che il ritrovamento indica anche l’importanza di Bohuslän come via di transito per il commercio marittimo internazionale durante questo periodo.

Questo è anche uno dei più antichi ingranaggi che deve ancora essere trovato in Europa.

Non si sa ancora perché la nave sia affondata, ma sarebbe probabilmente una storia eccitante. L’indagine della nave mostra chiaramente indicazioni di un intenso incendio.

“Forse la nave è stata attaccata dai pirati? Fonti scritte ci dicono che la costa meridionale della Norvegia, incluso Bohuslän, ha avuto periodi di intensa attività pirata durante il Medioevo”.

Ma potrebbe anche essere stato un semplice incidente, forse un incendio diffuso mentre la nave era ormeggiata. O la nave è stata affondata in battaglia? I primi decenni del XII secolo furono un periodo turbolento in Norvegia, di cui Bohuslän faceva parte, con intense lotte interne per la corona norvegese.

Che succede ora?

Al momento non ci sono piani per ulteriori indagini sul relitto. Tuttavia, gli archeologi sperano di condurre nuove immersioni del relitto in futuro. Ma ciò richiede un permesso dal consiglio di amministrazione della contea su un ampio finanziamento esterno che attualmente non è disponibile. I risultati e le osservazioni degli archeologi marini sono attualmente in fase di analisi per un articolo accademico più ampio.

2