Ritrovato vino vecchio di 5000 anni in una tomba egizia

Non è la prima volta che vengono scoperte antiche bevande all'interno di sarcofagi, ma il ritrovamento di questo vino millenario fa giustamente parlare di sé

0
423
Ritrovato vino vecchio di 5000 anni in una tomba egizia
Ritrovato vino vecchio di 5000 anni in una tomba egizia

Non è certo la prima volta che gli archeologi scoprono antiche tombe dentro le quali, accanto ai sarcofagi, si scoprono bevande (soprattutto alcoliche), ma il ritrovamento di questo vino millenario in Egitto sta facendo parlare il web.

Nella tomba della regina egizia Meret-Neith della prima dinastia, gli archeologi hanno scoperto un ricco corredo funerario che comprende centinaia di grandi giare di vino, alcune delle quali ancora sigillate. 

Queste ricchezze funerarie, secondo gli archeologhi, rafforzano la tesi che fosse una persona di grande importanza, forse addirittura la prima donna faraone d’Egitto.

Meret-Neith visse circa 5.000 anni fa, servendo come regina d’Egitto intorno al 2950 a.C. Era, per lo meno, regina consorte e reggente. Potrebbe essere stata una sovrana a pieno titolo, un faraone, ma gli archeologi non sono stati in grado di determinare la sua posizione con certezza. La prima regina conosciuta ad assumere l’intero titolo reale fu Sobekneferu, un millennio dopo.

Chi era Mereth-Neith?

Ci sono certamente prove dell’importanza di Meret-Neith nella sua tomba, presso la necropoli reale di Abydos. Fu sepolta tra le tombe dei faraoni maschi e il suo tumulo era di dimensioni e ricchezza paragonabili. Probabilmente era la donna più potente del suo tempo.

Un team internazionale di archeologi guidato da Christiana Köhler dell’Università di Vienna e in collaborazione con il Ministero egiziano del turismo e delle antichità sta attualmente lavorando per scoprire ulteriori informazioni sul sontuoso monumento in cui Meret-Neith fu sepolta tanti anni fa.



Cosa c’era nella tomba oltre alle giare di vino?

Come informa Science Alert, oltre alle giare di vino, che contenevano semi d’uva e resti del vino che un tempo contenevano, i ricercatori hanno scoperto iscrizioni che dichiaravano che Meret-Neith era responsabile di uffici importanti, come il tesoro reale. Ciò si aggiunge alle prove precedenti dell’importanza della regina. E sono state utilizzate nuove tecnologie archeologiche per comprendere meglio il modo in cui è stato costruito il monumento sepolcrale. Il complesso funerario di Meret-Neith, costruito con mattoni crudi, argilla e legno, comprendeva le tombe di 41 cortigiani e servi che furono sepolti con lei.

L’analisi dei ricercatori

L’analisi, dicono i ricercatori, mostra che questo non è stato costruito tutto in una volta, ma in più fasi nel corso di un lungo periodo di tempo. Ciò suggerisce che questi compagni di sepoltura potrebbero non essere stati uccisi come sacrifici rituali, ma sepolti con la regina, forse come onore, dopo aver vissuto la loro vita. I lavori sulla tomba sono in corso, nella speranza di scoprire di più su questa misteriosa regina, che rimane affascinante anche molte migliaia di anni dopo aver camminato su questa Terra.

Antichi alcolici “invecchiati bene”

Il ritrovamento di bevande alcoliche in vecchi sarcofagi come quelli egizi è un argomento affascinante che combina l’archeologia, la chimica e la storia per svelare dettagli intriganti sulla vita e le credenze delle antiche civiltà. Le bevande alcoliche, fra cui il vino, hanno una lunga storia che risale a migliaia di anni fa. L’antico Egitto, con la sua ricca cultura e tradizioni, non fa eccezione. Le bevande alcoliche erano una parte significativa della vita quotidiana e delle credenze religiose degli antichi Egizi. Tra le scoperte archeologiche più sorprendenti ci sono i ritrovamenti di birra e vino in vecchi sarcofagi egizi.
2

Le bevande alcoliche nell’antico Egitto

Il vino ed altre bevande alcoliche erano una parte importante della cultura egizia. La birra era ampiamente consumata e può essere considerata una delle prime bevande alcoliche conosciute. Era spesso associata alla dea Hathor, la divinità egizia dell’amore, della musica e della danza. La birra aveva anche un significato religioso, venendo utilizzata in offerte rituali e cerimonie funerarie.

Un aiuto dalla chimica analitica

2