Khipu: risolto l’antico mistero Inca?

L'antico dispositivo Inca noto come khipu consiste in una serie di fili di cotone o lana annodati appesi a una corda principale, tipicamente realizzata con capelli di lama o alpaca

0
1713

L’antico dispositivo Inca noto come khipu consiste in una serie di fili di cotone o lana annodati appesi a una corda principale, tipicamente realizzata con capelli di lama o alpaca. Secondo il Khipu Database Project, la parola “khipu” deriva dalla parola Quechuan che significa nodo, ed è usata sia per le forme singolari che plurali del sostantivo. Alcuni khipu hanno fino a 2.000 corde attaccate al cavo principale. Ogni stringa può avere diversi nodi, e il tipo e la posizione di questi misteriosi oggetti trasmettono diversi tipi di informazioni.

I khipu servivano per calcoli matematici

Sebbene i ricercatori abbiano capito molto tempo fa le basi di come funzionavano i khipucome i nodi rappresentavano i numeri e il posizionamento dei nodi nella stringa rappresentavano operazioni matematiche come addizione e sottrazione – stanno ancora cercando di capire quali altre informazioni potrebbero essere state codificate all’interno di questi “nodi parlanti”. Secondo i documenti dell’era coloniale, gli Inca avrebbero usato i dispositivi in ​​vari modi, incluso l’invio di messaggi tramite corridori in tutto il loro impero e la registrazione di narrazioni storiche, informazioni sul calendario e prove di proprietà della terra.

A partire dal 2013, un team di archeologi guidati da Alejandro Chu ha iniziato a scavare un magazzino nel complesso di Incahuasi, ed hanno scoperto non meno di 29 khipu. In passato, gli archeologi avevano trovato i misteriosi nodi solo nelle tombe degli scribi Inca, che creavano e usavano questi dispositivi. I khipu a Incahuasi, tuttavia, sono stati trovati proprio nel luogo in cui presumibilmente venivano utilizzati circa 500 anni fa, un magazzino utilizzato per ospitare prodotti agricoli come mais, peperoncino, fagioli e arachidi. Ora, Chu e i suoi colleghi ricercatori sperano che studiandoli e confrontandoli con altri in un ampio database esistente, possano saperne di più sul loro uso specifico e avere un’idea migliore di come funzionavano.

Il principale esperto Gary Urton, che gestisce il Khipu Database Project a Dumbarton Oaks, un istituto presso l’Università di Harvard, sta studiando i dispositivi a corda e nodo trovati a Incahuasi insieme a Chu. Urton ha dichiarato al New York Times che: “Possiamo osservare come il khipu al peperoncino differisce da quello di arachidi e da quello di mais in termini di colore e altre caratteristiche, e possiamo costruire una sorta di vocabolario dei segni”. Il database di Urton attualmente include tutti gli 870 khipu già noti, insieme a informazioni dettagliate, tra cui configurazioni, colori e valori numerici, su molti di essi.

Come riportato dal Times, i 29 khipu sono ora detenuti nella casa di Lima del conservatore archeologico Patricia Landa, che districa e pulisce scrupolosamente ognuno di essi per prepararlo all’esame da parte dei ricercatori. Quando arrotolati – il modo in cui venivano trasportati per l’uso durante i tempi Inca – aveva una sorprendente somiglianza con uno spazzolone. Sebbene Chu creda che ce ne siano ancora altri di questi misteriosi nodi  sepolti nel resto del complesso del magazzino, gli scavi si sono fermati a causa della mancanza di finanziamenti.



 
 
2