Di quanti astronauti sarà composto il primo equipaggio umano che andrà su Marte?

Almeno nell’ultimo decennio, il secondo uomo a camminare sulla Luna, il pilota del modulo lunare Apollo 11, il colonnello Edwin “Buzz” Aldrin, è stato spesso fotografato con una maglietta con la scritta “Get Your ASS To Mars“.

Aldrin da tempo sostiene che sarebbe meglio rinunciare a un ritorno sulla Luna e dirigersi invece direttamente sul pianeta rosso. La domanda è, di quanti astronauti dovrà essere composto l’equipaggio in quel primo viaggio sulla superficie marziana?

Il numero di membri dell’equipaggio nel primo viaggio su Marte potrebbe essere qualcosa automaticamente dettato dai costi di lancio, dall’utilizzo delle risorse in situ (ISRU) e dalla logistica. Ma c’è anche un fattore umano, psicologico, coinvolto. In contesti interpersonali di qualsiasi tipo, il semplice numero di persone in un dato evento può essere cruciale per il suo successo o fallimento.

Non esiste un vero numero ‘Riccioli d’Oro’ per un equipaggio di Marte; l’opinione generale è che sarà necessario un gruppo di almeno cinque persone“, ha detto la psicologa sociale Sheryl L. Bishop, professore emerito presso l’Università del Texas Medical Branch a Galveston, in Texas. Questo limite minimo deriva dalla ricerca psicologica sociale in due aree – anche contro gruppi irregolari e pensiero di gruppo – in cui il desiderio di evitare il conflitto di gruppo soffoca il dissenso, dice.

In gruppi di quattro o meno, dice Bishop, la pressione per evitare conflitti e disaccordi è più forte e le persone dissenzienti spesso rimarranno semplicemente in silenzio anche su questioni importanti. Ciò potrebbe comportare che i problemi critici vengano ignorati nella loro fase iniziale di emergenza. Ma quando un gruppo è di cinque o più persone, gli individui sembrano sentirsi autorizzati a non essere d’accordo e a parlare delle loro differenze di opinione.

Ma ci sono beni immateriali che possono influire sul limite massimo ideale del numero di membri dell’equipaggio. Questi includono la qualità e la natura della leadership della missione; l’eterogeneità dell’equipaggio, comprese le loro personalità, competenze, background professionali, persino la loro religione, nazionalità, genere e ideologia politica.

Un numero pari di membri dell’equipaggio, ad esempio sei, comporta delle criticità. Se l’equipaggio dovesse aver bisogno di votare su decisioni di vita o di morte, questo è uno dei vantaggi di un elenco di membri dispari.

Anche così, le principali agenzie spaziali sembrano aver dato più enfasi alla personalità e alla cultura del lavoro dei potenziali equipaggi di astronauti piuttosto che ai soli numeri selezionati per una data missione.

Nei primi giorni del volo spaziale, si trattava semplicemente di portare gli astronauti nello spazio. Ma quando invieremo gli astronauti su Marte, ci saranno più opzioni; un’idea è semplicemente quella di inviare due equipaggi separati di sei ciascuno nella stessa area di atterraggio per massimizzare il numero di persone operative una volta su Marte stesso.

Come sottolinea la NASA, la lunghezza ottimale della missione su Marte comporta una lunga permanenza in superficie con un tempo di transito veloce di non più di sei mesi a tratta, il che consentirebbe facilmente una permanenza di oltre un anno sulla superficie marziana. Quindi, quando si pensa a missioni così lunghe, il numero dell’equipaggio diventa ancora più importante.

Chiunque abbia abilità sociali comprende intuitivamente la questione delle dinamiche di gruppo. Pensa alle cene fuori con gli amici intimi; qualsiasi cosa oltre le sei persone è un po’ troppo. Le conversazioni tendono a interrompersi in due e tre e c’è una mancanza di coesione di gruppo che a volte può portare rapidamente a tensioni anche a tavola. È anche il motivo per cui alle feste private in casa, un gruppo ristretto di quattro o cinque persone di solito è immerso in una profonda conversazione in cucina.

La sfida consiste nell’evitare un gruppo così numeroso che diventa difficile per tutti essere ascoltati, interferisce con l’identificazione nel gruppo o consente la formazione di sottogruppi, afferma Bishop. Vuoi una troupe sufficiente per fornire diversità e ridondanza nelle competenze, ma non così tante che far parte del gruppo diventa una sfida.

La coesione del gruppo è migliore nei gruppi più piccoli rispetto ai gruppi più grandi perché le interdipendenze tra i membri del gruppo sono maggiori e creano una maggiore coesione”, ha affermato il Vescovo.

Un numero più alto può essere richiesto per promuovere la ridondanza se qualcosa va storto in modo catastrofico durante una missione su Marte.

Si presume che un equipaggio per Marte avrà ampie opportunità di unirsi come gruppo, afferma Bishop. L’approccio migliore sarebbe iniziare con un gruppo di candidati più ampio durante il processo di selezione con l’intento di selezionare un minimo di cinque membri ed espandersi con altre due o quattro persone, afferma.

Quanto al modo migliore per scegliere questi ultimi membri dell’equipaggio?

Il ritratto dell’autore di fantascienza Kim Stanley Robinson del processo di selezione per i primi cento nel suo libro del 1999, “The Martians“, si avvicina molto al processo necessario. Le agenzie spaziali utilizzano l’addestramento di squadra in vari ambienti estremi per gli attuali equipaggi spaziali, ma l’addestramento di un equipaggio per Marte dovrà essere molto più ampio e intenso.

In “The Martians“, 158 marziani candidati viene lasciato in una valle antartica secca durante l’estate polare e dovranno costruire una base in cui svernare.

Questo soggiorno in Antartide è una specie di test, o di vagliatura“, scrive Robinson. “Alcuni candidati si ritireranno, altri avranno incidenti e altri saranno inseriti in successivi viaggi su Marte. …Persone capaci, brillanti, sicuri, abituate al successo”.

L’elenco fittizio di Robinson dei potenziali coloni di Marte suona molto simile al tipo di supereroi entusiasti che la NASA ha sempre amato. Ma come fa notare Bishop, più a lungo un potenziale equipaggio può legare prima della partenza, meglio è.

Maggiore è lo sforzo necessario per creare un gruppo unito e coeso che si identifica come un gruppo e ha praticato il lavoro e la convivenza, più grande può essere il gruppo, afferma Bishop. Per Marte, questo sosterrebbe gruppi probabilmente non maggiori di nove.

Ma con l’avvento dell’industria spaziale commerciale, le vecchie regole potrebbero non essere più applicabili. Gli umani potrebbero tentare di raggiungere Marte prima di quanto nessuna delle principali agenzie spaziali avrebbe mai sognato.

Speriamo che questa nuova generazione di pianificatori passi abbastanza tempo a capire non solo chi, ma quanti da inviare sul pianeta rosso.

Più letti nella settimana

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Perché l’Homo sapiens è sopravvissuto a tutte le altre specie umane?

Gli Homo sapiens sono gli unici rappresentanti sopravvissuti dell'albero...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

In Tendenza

Paradosso di Fermi: la realtà non è quella che ci appare

Tra i tentativi più fantasiosi di rispondere al paradosso di Fermi l'ipotesi del planetario vorrebbe che tutti noi fossimo immersi in una simulazione perfetta di una realtà virtuale.

Ossigeno oscuro: straordinario ritrovamento a 4000 metri

La recente scoperta di un “ossigeno oscuro” prodotto da...

Offerte Amazon di oggi: mini frigo portatili super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi vorrei proporti i...

Sviluppati raggi traenti metasuperficiali

I ricercatori del TMOS, l'ARC Centre of Excellence for...

Google Pixel 9 Pro Fold: arriva l’AI sul nuovo modello

Il mondo della tecnologia mobile è in continua evoluzione,...

Progetto VIPER: inaspettato nessun lancio nel 2025

Il progetto VIPER (Volatiles Investigating Polar Exploration Rover) della...

Chang’e-5 ha riportato campioni lunari che contengono acqua

Un team di scienziati ha affermato che Chang'e-5 ha...

Nano transparent screen: da 100 pollici sarà rivoluzionario

Nel mondo della tecnologia, l’innovazione non conosce limiti, e...

Articoli correlati

Popular Categories