Nell’Europa medievale, i morti non venivano lasciati riposare

In precedenza si pensava che questo fatto fosse dovuto all'opera dei tombaroli, ma ora si ipotizza che questa sia in realtà la prova di macabri rituali mortuari

0
2345
Indice

Nell’Europa altomedievale, essere morti e sepolti non era necessariamente la fine. Gli archeologi hanno recentemente evidenziato che una sorprendente proporzione di tombe in tutta Europa dal V all’VIII secolo d.C. era stata riaperta poco dopo la sepoltura della persona.

In precedenza si pensava che questo fatto fosse dovuto all’opera dei tombaroli, ma ora si ipotizza che questa sia in realtà la prova di macabri rituali mortuari.

Per oltre cento anni, gli archeologi in molti paesi europei hanno scoperto tombe del primo periodo medievale che sembrano essere state derubate subito dopo la sepoltura“, ha  affermato la dott.ssa Alison Klevnäs dell’Università di Stoccolma che ha guidato la nuova ricerca, “ma nel corso dei decenni, molti archeologi si sono resi conto di qualcosa di strano“.

In un nuovo studio, pubblicato sulla rivista Antiquity, i ricercatori dell’Università di Stoccolma in Svezia, dell’Accademia austriaca delle scienze e dell’Università di Leiden nei Paesi Bassi hanno identificato centinaia di tombe da dozzine di cimiteri in tutta Europa, dalla Transilvania all’Inghilterra, che erano state riaperte.

Dal momento che le tombe sembrano essere state aperte e manipolate prima che i corpi fossero completamente decomposti, è stato suggerito che siano state aperte poco dopo la sepoltura.



Mappy scarabocchio.
Una mappa dell’Europa che mostra dove i ricercatori hanno identificato le tombe che erano state volutamente disturbate poco dopo la sepoltura. Credito immagine: A Klevnäs et al/Antiquity 2021

La ragione di questa strana pratica (strana per noi umani del 21° secolo, almeno) probabilmente variava da regione a regione, influenzata dalle tradizioni di ciascuna cultura. In generale, tuttavia, i ricercatori ritengono che le tombe siano state disturbate per rimuovere oggetti selezionati, rimuovere particolari parti del corpo o manipolare i cadaveri.

Sebbene la pratica rimanga relativamente rara, i ricercatori hanno trovato prove persistenti di corpi che venivano dissotterrati e dei loro crani rimossi o riorganizzati. In un caso particolarmente insolito, gli autori dello studio hanno identificato una tomba in Baviera che è stata riaperta allo scopo di aggiungere il corpo di un cane (presumibilmente morto).

Per quanto riguarda gli oggetti che rimossi, questo non viene considerato un atto di furto di tombe perché la maggior parte degli oggetti sarebbero stati in condizioni così pessime che quando recuperati avrebbero avuto poco uso pratico o valore economico. Forse invece sono stati recuperati come piccolo ricordo dei defunti.

Sebbene valga la pena ribadire che la motivazione di questi atti non è chiara, i ricercatori sostengono che l’atto di riaprire le tombe era generalmente una pratica positiva, molto probabilmente usata come un modo per le persone di venire a patti con la morte dei propri cari o dei membri del Comunità.

Rubare nelle tombe suona come un atto negativo, ma in realtà sembra essere socialmente positivo qui. La gente continuava a seppellire i morti nei cimiteri, insieme a ripetuti eventi di riapertura delle  tombe“, ha affermato il dott. Klevnäs.

Possiamo persino vedere che alcuni cimiteri dove si praticava la riapertura delle tombe sono stati utilizzati più a lungo di quelli in cui i morti sono stati lasciati in pace”.

2