Trovate le prime prove di attività umana nelle Americhe

Le impronte trovate nel White Sands National Park nel New Mexico forniscono la prima prova inequivocabile dell'attività umana nelle Americhe e offrono informazioni sulla vita oltre 23.000 anni fa

0
1167

Le impronte trovate nel White Sands National Park nel New Mexico forniscono la prima prova inequivocabile dell’attività umana nelle Americhe e offrono informazioni sulla vita oltre 23.000 anni fa.

Le più antiche impronte umane conosciute nelle Americhe

Le impronte si sono formate nel fango molle sui margini di un lago poco profondo che ora fa parte di Alkali Flat, una grande playa a White Sands. I ricercatori dell’US GeologicalSurvey hanno datato queste tracce utilizzando la datazione al radiocarbonio degli strati di semi sopra e sotto gli orizzonti dell’impronta. Le date variano in età e confermano la presenza umana per almeno due millenni con le tracce più antiche risalenti a circa 23.000 anni fa, che corrisponde all’altezza dell’ultimo ciclo glaciale, rendendole le più antiche impronte umane conosciute nelle Americhe.

La ricerca, pubblicata su Science, è stata condotta da scienziati della Cornell, della Bournemouth University, del National Park Service, dell’US Geological Survey e dell’Università dell’Arizona. Le tracce a White Sands sono state scoperte per la prima volta da David Bustos, responsabile delle risorse del parco.

Per indagare sul sito, il team ha sperimentato tecniche geofisiche non invasive guidate da Thomas Urban, ricercatore presso il College of Arts and Sciences e con il Cornell Tree Ring Laboratory.

Thomas Urban conduce un'indagine magnetometrica sulle impronte dei mammut a White Sands
Thomas Urban conduce un’indagine magnetometrica sulle impronte dei mammut a White Sands

“Il rilevamento e l’imaging con la tecnologia non distruttiva hanno notevolmente ampliato la nostra capacità di studiare queste notevoli impronte nel loro contesto più ampio”, ha affermato Urban. “Ora abbiamo una finestra unica sulla vita durante il Pleistocene in Nord America, e questo nuovo studio fornisce la prima prova inequivocabile di una presenza umana sostenuta nelle Americhe migliaia di anni prima di quanto la maggior parte degli archeologi pensasse fosse probabile”.



Le impronte raccontano una storia interessante di come fosse la vita in quel momento, affermano i ricercatori. A giudicare dalle loro dimensioni, le tracce sono state lasciate principalmente da adolescenti e bambini più piccoli, con occasionali adulti. Sono presenti anche tracce di animali: mammut, bradipo gigante, lupi e uccelli.

“È un sito importante perché tutte le piste che abbiamo trovato mostrano un’interazione degli esseri umani nel paesaggio insieme agli animali estinti”, ha affermato la coautrice Sally Reynolds della Bournemouth University. “Possiamo vedere la coesistenza tra esseri umani e animali sul sito nel suo insieme e, essendo in grado di datare con precisione queste impronte, stiamo costruendo un’immagine più ampia del paesaggio”.

L’archeologia tradizionale si basa sulla scoperta di ossa e strumenti, ma spesso può essere difficile da interpretare. Le impronte umane forniscono prove inequivocabili di presenza e anche di comportamento. In precedenza si pensava che gli umani fossero entrati in America più vicino a 16.000 anni fa, dopo lo scioglimento delle calotte glaciali nordamericane, che ha aperto rotte migratorie. Tuttavia, le impronte mostrano una migrazione molto precedente di umani nelle Americhe.

“Le impronte lasciate a White Sands danno un’immagine di ciò che stava accadendo, gli adolescenti che interagiscono con bambini e adulti più piccoli”, ha affermato Matthew Bennett, della Bournemouth University, che ha contribuito a condurre lo studio. “Possiamo pensare ai nostri antenati come abbastanza funzionali, cacciatori e sopravvissuti, ma ciò che vediamo qui è anche attività di gioco e di età diverse che si uniscono. Una vera visione di queste prime persone”.

 
2