Scoperti dipinti murali raffiguranti Cristo e la Vergine Maria

Gli archeologi Dr. Lorenzo de Lellis e Dr. Maciej Wyżgoł si sono imbattuti inaspettatamente in un enigmatico complesso di stanze i cui interni erano ricoperti da dipinti unici per l'arte cristiana

2299
Scoperti dipinti murali raffiguranti Cristo e la Vergine Maria
Scoperti dipinti murali raffiguranti Cristo e la Vergine Maria

Gli archeologi Dr. Lorenzo de Lellis e Dr. Maciej Wyżgoł si sono imbattuti inaspettatamente in un enigmatico complesso di stanze fatte di mattoni essiccati al Sole, i cui interni erano ricoperti da dipinti unici per l’arte cristiana.

La scoperta è stata fatta durante l’esplorazione di case risalenti al periodo Funj (XVI-XIX secolo d.C.). Con sorpresa dei ricercatori, sotto il pavimento di una delle case c’era un’apertura che conduceva a una piccola camera, le cui pareti erano decorate con rappresentazioni uniche. I dipinti al suo interno mostravano la Madre di Dio, Cristo, nonché una scena raffigurante un re nubiano, Cristo e l’Arcangelo Michele.

Tuttavia, questa non era una tipica rappresentazione di un sovrano nubiano sotto la protezione di santi o arcangeli. Il re si inchina a Cristo, che è seduto tra le nuvole, e gli bacia la mano. Il sovrano è sostenuto dall’Arcangelo Michele, le cui ali spiegate proteggono sia il re che Cristo stesso.

Una scena del genere non trova paralleli nella pittura nubiana.

Il dinamismo e l’intimità della rappresentazione contrasta con la natura ieratica dei dipinti raffigurate sulle pareti laterali. La figura della Vergine Maria sulla parete nord della camera appartiene al tipico repertorio di raffigurazioni di Maria nell’arte nubiana. La Madre di Dio, mostrata in una posa dignitosa, è vestita di abiti scuri. Nelle sue mani tiene una croce e un libro. Cristo è raffigurato sulla parete opposta. La sua mano destra è mostrata in un gesto di benedizione, e nella sua mano sinistra tiene un libro, che è frammentariamente conservato. 

Raffigurazione della Madre di Dio.
Raffigurazione della Madre di Dio.

I dipinti sono accompagnati da iscrizioni attualmente studiate dalla dott.ssa Agata Deptuła del PCMA UW. Una lettura preliminare delle iscrizioni greche ha portato alla loro identificazione come testi della liturgia dei doni presantificati. Un’iscrizione in antico nubiano che accompagna la scena principale è estremamente difficile da decifrare. Grazie a una lettura preliminare del dottor Vincent van Gerven Oei, i ricercatori hanno appreso che contiene diverse menzioni di un re di nome David e una supplica a Dio per la protezione della città. La città menzionata nell’iscrizione è probabilmente Dongola, e il re Davide è probabilmente la figura reale raffigurata nei dipinti.

Davide fu uno degli ultimi sovrani della Makuria cristiana e segnò l’inizio della fine del regno. Per ragioni sconosciute, il re Davide attaccò l’Egitto, che si vendicò invadendo la Nubia. Forse il dipinto è stato creato mentre l’esercito mamelucco si stava avvicinando alla città o la stava già assediando?

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

L’enigma più grande, tuttavia, è il complesso di stanze in cui sono stati trovati i dipinti.

Advertisement

Gli stessi ambienti, coperti da volte e cupole e realizzati in mattoni a secco, sono piuttosto piccoli. La stanza con la scena dei dipinti mostra che il re Davide assomiglia a una cripta, ma è a 7 metri sopra il livello del suolo medievale. L’edificio è adiacente a un edificio sacro identificato come la Grande Chiesa di Gesù, che era probabilmente la cattedrale di Dongola e la chiesa più importante del regno di Makuria.

Fonti arabe che raccontano l’attacco del re Davide all’Egitto e la cattura del porto di Aidhab e Assuan, sostengono che questo atto sia stato istigato dalla Grande Chiesa di Gesù. L’arcivescovo di Dongola, proprio come papa Urbano II, incitò il re Davide a lanciare una crociata?

Ulteriori scavi potrebbero fornire risposte a queste e ad altre domande sulla struttura enigmatica. Tuttavia, l’obiettivo più importante è stato quello di preservare i dipinti murali unici. Subito dopo la scoperta, i conservatori sotto la direzione di Magdalena Skarżyńska, MA, si sono messi al lavoro. Il team di conservazione ha operato nell’ambito di una cooperazione tra il Centro polacco di archeologia mediterranea, Università di Varsavia e il Dipartimento di conservazione e restauro di opere d’arte dell’Accademia di belle arti di Varsavia.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il lavoro in uno spazio così ristretto, sotto la pressione del tempo e con le alte temperature tipiche di marzo in Sudan è stato estremamente impegnativo. I dipinti erano in alcuni punti staccati dalle pareti, ma lo stesso strato pittorico era straordinariamente ben conservato. Il team di conservatori ha messo in sicurezza le pitture murali, ha realizzato bande protettive e stucchi e ha riempito gli spazi vuoti tra il muro e l’intonaco con fluido da iniezione. Potremmo scoprire se la struttura scoperta sia o meno un complesso commemorativo reale quando gli archeologi del PCMA UW torneranno a Dongola in autunno.

Attualmente, diversi progetti del Centro polacco di archeologia mediterranea, Università di Varsavia, sono in corso presso Dongola.

Fonte: PCMA UW

Advertisement

Advertisement