Rappresentazione completa dello zodiaco trovata in un tempio egizio

Splendidi dipinti zodiacali che decorano il tetto e le pareti del Tempio di Esna, risalente a 2.200 anni fa, nel sud dell'Egitto, sono stati rivelati durante un progetto di restauro

0
881
Rappresentazione completa dello zodiaco trovata in un tempio egizio, misteri storici

Splendidi dipinti zodiacali che decorano il tetto e le pareti del Tempio di Esna, risalente a 2.200 anni fa, nel sud dell’Egitto, sono stati rivelati durante un progetto di restauro.

I restauratori hanno accuratamente pulito le opere d’arte dello zodiaco, molte delle quali sono state dipinte sul soffitto del tempio. Altre immagini restaurate includono raffigurazioni dei pianeti Giove, Saturno e Marte, nonché immagini di stelle e costellazioni utilizzate dagli antichi egizi per aiutare a misurare il tempo, hanno affermato i ricercatori in una nota. Il team ha anche conservato immagini antiche di serpenti, coccodrilli e creature ibride, come un serpente con la testa di ariete.

Mentre l’esistenza dello zodiaco e di alcune delle altre immagini del tempio erano già note ai ricercatori, la pulizia e la conservazione hanno permesso di vedere l’opera d’arte in modo più dettagliato. I lavori di restauro hanno anche rivelato iscrizioni precedentemente sconosciute, ha dichiarato il co-leader del team Christian Leitz, professore di egittologia presso l’Università di Tubinga in Germania.

Questo segno zodiacale raffigura lo Scorpione. Con la pulitura e il restauro i colori dei segni sono più visibili. Qui vediamo uno scorpione con artigli nella parte anteriore, otto zampe e un pungiglione affilato all'estremità della coda.(Credito immagine: foto di Ahmed Emam/Ministero del turismo e delle antichità)
Questo segno zodiacale raffigura lo Scorpione. Con la pulitura e il restauro i colori dei segni sono più visibili. Qui vediamo uno scorpione con artigli nella parte anteriore, otto zampe e un pungiglione affilato all’estremità della coda.(Credito immagine: foto di Ahmed Emam/Ministero del turismo e delle antichità)

Zodiaco antico

“Lo zodiaco stesso fa parte dell’astronomia babilonese e non appare in Egitto fino all’epoca tolemaica”, ha detto Leitz nella dichiarazione. I Tolomei erano una dinastia di sovrani discendenti da uno dei generali di Alessandro Magno, che governò l’Egitto tra il 304 a.C. e il 30 a.C., ha affermato Leitz. Potrebbero essere stati gli antichi greci a introdurre lo zodiaco in Egitto.

Dopo la sua introduzione, lo zodiaco divenne popolare nell’antico Egitto. “Lo zodiaco era usato per decorare tombe private e sarcofagi ed era di grande importanza nei testi astrologici, come gli oroscopi trovati incisi su frammenti di ceramica”, ha dichiarato Daniel von Recklinghausen, un ricercatore dell’Università di Tubinga. Mentre pochi antichi templi egizi avevano gli zodiaci raffigurati su di essi, un esempio ben noto è un tempio di Dendera, che ha lo zodiaco insieme alle immagini di cinque pianeti.

Lo zodiaco usato a Esna è simile allo zodiaco usato oggi. “Non c’è alcuna differenza a parte alcune raffigurazioni dei segni”, ha osservato Leitz.

Dalle foto rilasciate dal team, è chiaro che le immagini sono molto più visibili rispetto a prima del restauro, ha dichiarato Juan Antonio Belmonte Avilés, un astronomo dell’Istituto di astrofisica delle Isole Canarie (IAC) in Spagna che ha condotto ricerche approfondite sull’astronomia nell’antico Egitto. Dovremo aspettare fino a quando non saranno pubblicate altre foto e fino ad allora non potremo dire esattamente quante nuove informazioni ha fornito la pulizia, ha detto Avilés, che non è stato coinvolto nel restauro.



Le immagini di animali ibridi sono state rivelate in modo più dettagliato durante i lavori di pulizia e restauro. Qui vediamo una creatura simile a un uccello con quattro ali, una testa simile a un cane e un serpente per coda. Ci sono anche due serpenti alati che volano e una creatura simile a un serpente nella parte inferiore.(Credito immagine: foto di Ahmed Emam/Ministero del turismo e delle antichità)
Le immagini di animali ibridi sono state rivelate in modo più dettagliato durante i lavori di pulizia e restauro. Qui vediamo una creatura simile a un uccello con quattro ali, una testa simile a un cane e un serpente per coda. Ci sono anche due serpenti alati che volano e una creatura simile a un serpente nella parte inferiore.(Credito immagine: foto di Ahmed Emam/Ministero del turismo e delle antichità)

Il team sta analizzando le nuove iscrizioni

Il Tempio di Esna si trova a 37 miglia (60 chilometri) a sud di Luxor (l’antica Tebe). Hisham El-Leithy, archeologo presso il Ministero del Turismo e delle Antichità egiziano, è co-leader del team, mentre Ahmed Emam, esperto di conservazione presso il ministero, ha guidato i lavori di restauro.

In precedenza, gli archeologi che lavoravano al progetto di restauro del Tempio di Esna hanno svelato 46 raffigurazioni di dee dell’antico Egitto. Il tempio è dedicato alla divinità egizia Khnum, associata alla fertilità e all’acqua.

Fonte: Università di Tubinga

2