L’AI aiuterà a decifrare un papiro di 2000 anni

Grazie all'apprendimento automatico, un papiro danneggiato di 2000 anni sulle dinastie succedute ad Alessandro Magno, potrebbe finalmente essere decifrato dopo essere stato parzialmente distrutto insieme a Pompei quando il Vesuvio eruttò nel 79 d.C.

1507
L'AI aiuterà a decifrare un papiro di 2000 anni
L'AI aiuterà a decifrare un papiro di 2000 anni

Grazie all’apprendimento automatico, un papiro danneggiato di 2000 anni sulle dinastie succedute ad Alessandro Magno, potrebbe finalmente essere decifrato dopo essere stato parzialmente distrutto insieme a Pompei quando il Vesuvio eruttò nel 79 d.C.

I ricercatori stanno usando l’apprendimento automatico, una branca dell’intelligenza artificiale, per discernere il debole inchiostro sul rotolo di papiro.

“Probabilmente è un lavoro perduto”, ha affermato Richard Janko, illustre professore universitario di studi classici presso l’Università del Michigan, durante una presentazione al meeting annuale congiunto dell’Archaeological Institute of America e della Society for Classical Studies, tenutosi a New Orleans il mese scorso.

Al momento è possibile leggere solo piccole parti del testo fortemente danneggiato, e “contiene i nomi di un certo numero di dinasti macedoni e generali di Alessandro Magno“, ha detto Janko, osservando che include anche “diverse menzioni dello stesso Alessandro”.

Dopo la morte di Alessandro Magno nel 323 a.C., il suo impero andò in pezzi. Il testo menziona il generale macedone Seleuco, che giunse a governare una grande quantità di territori in Medio Oriente, e Cassandro, che governò la Grecia dopo la morte di Alessandro.

Il papiro perduto proviene dalla Villa dei Papiri di Ercolano, una città che fu distrutta insieme a Pompei quando il Vesuvio eruttò dopo la fine del primo millennio. La villa, così chiamata per i suoi vasti rotoli di papiri, contiene numerosi scritti del filosofo Filodemo (vissuto tra il 110 a.C. e il 30 a.C. circa). Questi papiri furono carbonizzati quando il vulcano eruttò. Ad un certo punto, il testo fu ritrovato e fu dato a Napoleone Bonaparte nel 1804. Napoleone diede l’antico papiro all’Institut de France di Parigi, dove ora risiede. Nel 1986, un tentativo di srotolare il manoscritto ha provocato ulteriori danni, ha dichiarato Janko.

Il testo è gravemente danneggiato e l'apprendimento automatico viene utilizzato per vedere l'inchiostro.(Credito immagine: Michèle Hannoosh)
Il testo è gravemente danneggiato e l’apprendimento automatico viene utilizzato per vedere l’inchiostro.(Credito immagine: Michèle Hannoosh)

Rivelazione del testo

Janko ha studiato il papiro con l’aiuto di un team guidato da Brent Seales, direttore del Center for Visualization and Virtual Environments dell’Università del Kentucky.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Per scoprire i segreti dell’antico manoscritto, il team di Seales ha utilizzato l’apprendimento automatico che è stato istruito su come rilevare l’inchiostro sui papiri, permettendogli di analizzare antichi rotoli con scansioni di tomografia computerizzata (CT), che richiedono migliaia di raggi X per creare immagini digitali 3D. “Hanno una scritta visibile, quindi possiamo abbinare le posizioni dell’inchiostro con il punto esatto in cui cercare quell’inchiostro nel micro-CT”, ha dichiarato Seales.

Advertisement

Durante la presentazione, Janko ha notato che il lavoro del team sta gradualmente rendendo più leggibile il testo. “Con ogni iterazione da parte del team di Sales, la capacità di leggere più parti dell’antico papiro migliora ogni volta”, ha detto Janko.

Molti misteri

Tuttavia, gran parte del papiro rimane un mistero. L’autore del testo è sconosciuto. Inoltre non è chiaro perché fosse all’interno della villa di Ercolano. Janko ha notato che molti dei testi nella villa sono stati scritti da Filodemo e parlano di filosofia, non di storia.

Janko ha ipotizzato anche che il testo possa essere stato preso in prestito e non restituito. Una possibilità è che lo stesso Filodemo lo abbia usato come riferimento per scrivere la sua opera “Sul buon re secondo Omero”, ha dichiarato Jeffrey Fish, un professore di materie classiche alla Baylor University in Texas. In questo lavoro, Filodemo confronta i re post-Alessandro con quelli che regnarono in precedenza, mettendo i re post-Alessandro in una luce negativa.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il patrono di Filodemo era un uomo di nome Lucius Calpurnius Piso Caesoninus, un governatore romano della Macedonia. “Penso che Filodemo volesse mostrare a Pisone che l’esempio dei buoni re di Omero potessero aiutarlo come governatore della Macedonia a superare i decadenti governanti ellenistici che lo hanno preceduto”, ha concluso Fish.

Advertisement