Scoperta una nuova specie di pterosauro con oltre 400 denti

Un team di paleontologi provenienti da Inghilterra, Germania e Messico ha scoperto una straordinaria nuova specie di pterosauro, caratterizzata da un sorprendente numero di 400 denti

0
1082
Scoperta una nuova specie di pterosauro con oltre 400 denti
Scoperta una nuova specie di pterosauro con oltre 400 denti

Un team di paleontologi provenienti da Inghilterra, Germania e Messico ha scoperto una straordinaria nuova specie di pterosauro, caratterizzata dal sorprendente numero di 400 denti che ricordano le punte di un pettine per lendini. Il notevole fossile è stato scoperto in una cava tedesca.

Da quando il primo pterosauro è stato descritto nel XVIII secolo, sono stati scoperti centinaia di resti di questi rettili volanti, rendendo le cave del Giura francone in Baviera, Germania, una delle località di pterosauri più ricche al mondo.

Il professor David Martill della School of the Environment, Geography and Geosciences dell’Università di Portsmouth e autore principale della ricerca, ha dichiarato: “Lo scheletro quasi completo è stato trovato in un calcare molto finemente stratificato che conserva magnificamente i fossili.

“Le mascelle di questo pterosauro sono davvero lunghe e fiancheggiate da oltre 400 piccoli denti fini e uncinati, con minuscoli spazi tra di loro come un pettine per lendini. La lunga mascella è ricurva verso l’alto come un’avocetta e alla fine si allarga come una spatola. Non ci sono denti all’estremità della bocca, ma ci sono denti lungo entrambe le mascelle fino alla parte posteriore”.

“E ciò che è ancora più straordinario è che alcuni dei denti hanno un uncino all’estremità, che non abbiamo mai visto prima in uno pterosauro. Questi piccoli uncini sarebbero stati usati per catturare i minuscoli gamberetti di cui probabilmente si nutriva lo pterosauro, assicurandosi che scendessero nella sua gola e non venissero schiacciati tra i denti”.

La scoperta è stata fatta accidentalmente mentre gli scienziati stavano scavando un grande blocco di calcare contenente ossa di coccodrillo.



Il professor Martill ha dichiarato: “Questa è stata una scoperta piuttosto fortuita di uno scheletro ben conservato con un’articolazione quasi perfetta, il che suggerisce che la carcassa doveva essere in una fase molto precoce di decadimento con tutte le articolazioni, compresi i loro legamenti, ancora vitali. Molto probabilmente è rimasto sepolto nei sedimenti subito dopo essere morto”.

Lo pterosauro appartiene a una famiglia estinta di pterosauri chiamati Ctenochasmatidae, vissuti durante il Giurassico superiore-Cretaceo inferiore, principalmente in Europa, Asia e Sudamerica.

“Questo pterosauro aveva denti nella mascella superiore e inferiore, che sono un’immagine speculare l’uno dell’altro. C’è un altro pterosauro con più denti – Pterodaustro dall’Argentina – ma ha denti tozzi nella mascella superiore e denti ancora più lunghi nella mascella inferiore, quindi questo nuovo esemplare è molto diverso dagli altri ctenochasmatidi”, ha aggiunto il professor Martill.

I denti del nuovo pterosauro scoperto suggeriscono uno straordinario meccanismo di alimentazione mentre guadava l’acqua. Usava il suo becco a forma di cucchiaio per incanalare l’acqua e poi i suoi denti per spremere il liquido in eccesso, lasciando la preda intrappolata nella sua bocca.

Probabilmente l’animale si dilettava a guardare lagune poco profonde, risucchiando minuscoli gamberi d’acqua e copepodi per poi filtrarli attraverso i denti proprio come anatre e fenicotteri.

A sinistra: primo piano UV della sezione del dente nel punto più stretto dell'imbuto. A destra: conservazione del dente mostrata nel disegno interpretativo di un dente isolato. Attestazione: PalZ
A sinistra: primo piano UV della sezione del dente nel punto più stretto dell’imbuto. A destra: conservazione del dente mostrata nel disegno interpretativo di un dente isolato. Attestazione: PalZ

La nuova specie è stata chiamata Balaenognathus maeuseri 

Il nome generico tradotto approssimativamente significa “bocca di balena” a causa del suo stile di alimentazione filtrante. Il nome specifico deriva da uno dei coautori, Matthias Mäuser, purtroppo scomparso durante la stesura dell’articolo.

Il professor Martill, riferendosi al collega scomparso, ha detto: “Matthias era un collega amichevole e caloroso, un tipo di persona che difficilmente si trova. Per preservare la sua memoria, abbiamo chiamato lo pterosauro in suo onore”.

Fonte: Springer

2