12 C
Rome
sabato, Dicembre 3, 2022
HomeBiologiaPerché abbiamo paura del buio?

Perché abbiamo paura del buio?

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

La luce gioca un ruolo importante nella fisiologia umana. Dalla regolazione del nostro orologio circadiano interno, all’influenza sul nostro umore, fino alla regolazione emotiva.

Sebbene l’esatto meccanismo di come la luce influenzi l’umore e la regolazione emotiva negli esseri umani rimane poco chiaro, i risultati nei roditori suggeriscono che la luce può avere un effetto sul centro di elaborazione della paura e delle emozioni del cervello, un’area chiamata amigdala.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

I ricercatori della Monash University e dell’Australian Catholic University volevano saperne di più su questo e così hanno ideato un esperimento su esseri umani utilizzando  la risonanza magnetica funzionale (fMRI) per studiare come la luce rispetto al buio influenzi l’attività dell’amigdala.

Pubblicando le loro scoperte sulla rivista ad accesso libero PLOS ONE, hanno comunicato di avere scoperto che la luce moderata sopprime l’attività dell’amigdala più della luce fioca e quindi potrebbe fornire una spiegazione al motivo per cui l’oscurità potrebbe causarci più paura.

Lo studio ha coinvolto 24 partecipanti sottoposti a fMRI mentre erano esposti a luce moderata (100 lux) o luce fioca (10 lux). La fMRI consente ai ricercatori di vedere le aree cerebrali attivate in tempo reale osservando i cambiamenti nel flusso sanguigno nel cervello.

I ricercatori hanno scoperto che quando i partecipanti venivano esposti a luce moderata, l’attività della loro amigdala su fMRI era inferiore rispetto a quando erano esposti a luce fioca.

Inoltre, l’amigdala è anche collegata a una regione del cervello chiamata  corteccia prefrontale ventromediale (vmPFC) che è coinvolta nell’elaborazione di ordine superiore del rischio, delle risposte emotive e della paura.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Questa regione del cervello svolge un ruolo critico nella regolazione dell’attività dell’amigdala ed è particolarmente importante nella soppressione delle risposte emotive. Gli autori dello studio hanno anche scoperto che non solo la luce sopprime direttamente l’attività dell’amigdala, ma sembra anche aumentare la connettività tra l’amigdala e il vmPFC, il che potrebbe spiegare come la luce avvantaggia la regolazione emotiva.

La luce è uno strumento terapeutico efficace per i problemi dell’umore. Abbiamo dimostrato che la luce da debole a moderata sopprime l’attivazione dell’amigdala e migliora la connettività dell’amigdala-vmPFC. Questi effetti possono contribuire direttamente agli effetti della luce che elevano l’umore attraverso una migliore elaborazione emotiva e una riduzione delle emozioni legate alla paura“, hanno scritto gli autori nel loro articolo.

Dovranno essere condotti ulteriori studi per chiarire l’esatto meccanismo mediante il quale la luce sopprime l’attività dell’amigdala e aumenta la connettività al vmPFC, ma questo studio sembra dimostrare una ragione per cui gli esseri umani hanno più paura al buio che alla luce.

Articoli più letti