Trovato feto nell’utero di un’antica mummia egizia

Un team di ricercatori studiando la mummia egiziana denominata "Misteriosa Signora", ha determinato come un feto sia stato preservato nel suo grembo per più di 2000 anni

Un team di ricercatori che lavora al Progetto mummia di Varsavia, studiando la mummia egiziana denominata “Misteriosa Signora“, ha determinato come un feto sia stato preservato nel suo grembo per più di 2000 anni.

Il team ha scoperto il feto la scorsa estate utilizzando uno scanner TC e ha pubblicato i risultati sul Journal of Archaeological Science

Durante il loro studio sulla mummia la scorsa estate, i ricercatori hanno scoperto che non solo era incinta al momento della sua morte, ma era anche un membro della comunità tebana. Era stata anche mummificata con molta cura e adornata con amuleti. Hanno anche stimato che la sua età al momento della morte era tra i 20 ei 30 anni e il feto aveva tra le 26 e le 30 settimane. Il ritrovamento rimane l’unico caso mai trovato di una mummia incinta imbalsamata.

In questo nuovo studio, i ricercatori hanno anche notato che non si sa dove sia stata scoperta la mummia o quando. È stata trovata da qualcuno che l’ha trasferita fuori dall’Egitto nel 1826. Nessuno sapeva fino all’estate scorsa del feto nel suo grembo. Le ricerche precedenti sul suo corpo erano state condotte utilizzando i raggi X, ma non erano riusciti a mostrare il feto poiché le ossa si erano mineralizzate.

Credito: Progetto mummia di Varsavia
Credito: Progetto mummia di Varsavia

L’utero con all’interno il feto è rimasto ermeticamente sigillato 

Uno studio più dettagliato sulla mummia ha mostrato che non è morta durante il parto, ed è stato anche scoperto che la mummia era stata conservata con natron, un tipo di sale che si trova nei fondali asciutti dei laghi. Quando viene utilizzato per mummificare un cadavere, il natron asciuga il corpo e funge da disinfettante, impedendo ai batteri di mangiare i resti. Il feto è rimasto intatto da coloro che avevano mummificato i resti, i quali hanno anche mantenuto l’utero incontaminato.

In queste condizioni, i ricercatori hanno scoperto che i livelli di pH del sangue erano diminuiti, rendendo il sangue nel feto più acido poiché le concentrazioni di ammoniaca e acido formico sono aumentate, e ciò ha portato alla mineralizzazione delle ossa. E poiché l’ utero è rimasto ermeticamente sigillato, il feto è stato in salamoia, conservandosi insieme a sua madre per oltre 2000 anni.

I ricercatori non sanno ancora, tuttavia, perché gli imbalsamatori abbiano scelto di lasciare l’utero nel corpo quando tutti gli altri organi sono stati rimossi.

Articoli più letti

Related articles