6.2 C
Rome
sabato, Novembre 26, 2022
HomeTecnologiaAttacco satellitare: la crescente corsa agli armamenti nello spazio

Attacco satellitare: la crescente corsa agli armamenti nello spazio

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

L’anno scorso un generale americano ha fatto una rivelazione inquietante: due satelliti russi in orbita stavano inseguendo un satellite spia americano in alto sopra la Terra.

Armamenti nello spazio

Non era chiaro se i satelliti Cosmos potessero attaccare l’US-245, una navicella spaziale americana di sorveglianza.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“Ha il potenziale per creare una situazione pericolosa nello spazio”, ha affermato il generale Jay Raymond, capo dello Space Command del Pentagono.

L’incidente è passato, ma ha segnato una nuova fase nella crescente corsa agli armamenti nello spazio, dove satelliti potenzialmente armati di bombe, veicoli spaziali laser e altre tecnologie sono passati dalla fantascienza alla realtà.

La posta in gioco è stata chiarita lunedì quando la Russia ha lanciato un missile dalla Terra e fatto esplodere uno dei suoi satelliti in una dimostrazione di forza.

Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha definito l’atto “sconsiderato”.

“Dimostra che la Russia sta ora sviluppando nuovi sistemi d’arma in grado di abbattere i satelliti”, ha detto martedì durante un incontro con i ministri della difesa dell’UE.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Satelliti kamikaze 

La militarizzazione dello spazio è antica quanto la stessa corsa allo spazio: non appena lo Sputnik è stato lanciato in orbita nel 1957, Washington e Mosca hanno iniziato a esplorare modi per armare e distruggere i satelliti.

All’inizio, la preoccupazione più grande erano le armi nucleari nello spazio. Nel 1967 le superpotenze e altri paesi hanno firmato il Trattato sullo spazio esterno, che vieta le armi di distruzione di massa in orbita.

Da allora, Russia, Stati Uniti, Cina e persino India hanno esplorato modi per combattere nello spazio al di fuori del trattato.

Quella competizione oggi si concentra sulla distruzione dei satelliti di un rivale, che sono sempre più essenziali per ogni esercito avanzato per le comunicazioni, la sorveglianza e la navigazione.

Nel 1970, Mosca ha testato con successo un satellite carico di esplosivo che potrebbe distruggere un altro satellite in orbita.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Gli Stati Uniti risposero nel 1983, quando l’allora presidente Ronald Reagan annunciò la sua ambiziosa iniziativa di difesa strategica: il programma “Star Wars” che prometteva missili antimissile a guida di precisione e satelliti che emettevano raggi laser o microonde, per rendere gli Stati Uniti militarmente superiori.

Gran parte della tecnologia immaginata era irrealizzabile. Ma in una mossa storica, il Pentagono ha usato un missile per distruggere un satellite fallito in un test del 1985.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Da allora, i rivali hanno cercato di dimostrare di avere le stesse capacità di mira: la Cina nel 2007 e l’India nel 2019.

Dopo aver provato per un po’ di tempo, il successo dell’abbattimento della Russia lunedì non è stato sorprendente per molti esperti.

“I russi non avevano bisogno di far esplodere il satellite per dimostrare di avere la capacità di farlo”, ha affermato Isabelle Sourbes-Verger, esperta spaziale presso il Centro nazionale francese per la ricerca scientifica.

È stata una dimostrazione “che se necessario in risposte asimmetriche, la Russia non permetterà agli Stati Uniti di essere l’unico a controllare lo spazio”, ha detto.

Stalker spaziali

I paesi sono molto riservati riguardo alle loro attività spaziali militari, e poiché molte delle tecnologie coinvolte sono a duplice uso, utili sia per scopi civili che di difesa, le loro capacità non sono del tutto chiare.

Ma la corsa è tale che nel 2019, l’anno in cui il Pentagono ha stabilito la sua Space Force, credeva che Russia e Cina avessero il potenziale per superare gli Stati Uniti.

“Mantenere il dominio americano in quel dominio è ora la missione della Forza spaziale degli Stati Uniti”, ha affermato l’allora segretario alla Difesa Mark Esper.

La razza si è evoluta dall’idea di uccidere i satelliti con missili, o satelliti kamikaze, alla ricerca di modi per danneggiarli con laser o armi a microonde ad alta potenza.

Sia la Russia che la Cina hanno sviluppato satelliti “space stalker” che possono essere manipolati per interferire fisicamente con gli altri, secondo Brian Chow, un analista indipendente di politica spaziale che ha trascorso 25 anni presso il think tank Rand Corp.

Con i bracci robotici, “possono semplicemente inseguire il satellite avversario e spostarlo da qualche altra parte, o piegare un’antenna per renderlo inutile”, ha detto Chow.

Quei satelliti rimangono pochi, ma il dispiegamento di due da parte della Russia per minacciare il satellite statunitense nel 2020 mostra che la tecnologia è arrivata.

Sia la Cina che gli Stati Uniti hanno programmi ultra-segreti di piccoli veicoli spaziali robotici riutilizzabili che potrebbero essere usati con armi e danneggiare i satelliti di un rivale.

I paesi stanno anche sviluppando armi di superficie per inceppare e falsificare i segnali satellitari e per utilizzare l’energia diretta per danneggiarli.

L’agenzia di intelligence della difesa degli Stati Uniti ha dichiarato nel 2019 che la Cina disponeva di cinque basi con laser a terra che potevano essere utilizzati per disabilitare i satelliti nemici.

“Ogni satellite che passa sopra la Cina sarebbe soggetto ad attacchi”, ha detto Chow.

Articoli più letti