Copernico: la misteriosa sorte della sua tomba

Grazie all'impiego delle nuove tecnologie, in combinazione con le informazioni storiche, è stato possibile risalire alla sepoltura di Copernico attraverso l'analisi del DNA dei suoi capelli recuperati da un manuale che lo scienziato era solito consultare

0
211
Copernico: la misteriosa sorte della sua tomba, Nicola Copernico

Niccolò Copernico è stato l’astronomo che, cinque secoli fa, ha spiegato che la Terra gira attorno al Sole, e non viceversa. Vero uomo del Rinascimento, ha esercitato anche la professione di matematico, ingegnere, autore, teorico economico e medico.

Copernico

Alla sua morte nel 1543 a Frombork, in Polonia, lo scienziato è stato sepolto nella cattedrale locale. Nel corso dei secoli successivi, l’ubicazione della sua tomba è andata dimenticata.

Copernico: dove giacciono i suoi resti?

Nicola Copernico, o Mikołaj Kopernik in polacco, è nato a Toruń nel 1473 ed è stato il più giovane di quattro figli nati da un commerciante locale. Dopo la morte del padre, lo zio si è occupato della sua educazione. Il giovane studioso si è iscritto inizialmente all’Università di Cracovia tra il 1491 e il 1494, e successivamente nelle università italiane di Bologna, Padova e Ferrara.

Dopo aver studiato medicina, diritto canonico, astronomia matematica e astrologia, Copernico è tornato a Toruń nel 1503. Successivamente ha lavorato per lo zio Lucas Watzenrode il Giovane, che è stato Principe e Vescovo di Warmia.



Copernico ha lavorato come medico pur continuando le sue ricerche in matematica. A quel tempo, sia l’astronomia che la musica erano considerate branche della matematica.

Copernico

Durante questo periodo ha formulato due importanti teorie economiche: nel 1517 ha sviluppato la teoria quantitativa della moneta, che è stata successivamente rielaborata da John Locke e David Hume e resa popolare da Milton Friedman negli anni ’60. Nel 1519 Copernico ha introdotto anche il concetto ora noto come legge di Gresham, un principio monetario che affronta la circolazione e la valutazione della moneta.

La pietra angolare del contributo dello studioso alla scienza è stata il suo modello rivoluzionario dell’Universo. Contrariamente al modello tolemaico prevalente, che sosteneva che la Terra fosse il centro stazionario dell’universo, Copernico arrivò alla conclusione che la Terra e gli altri pianeti ruotano attorno al Sole.

Lo scienziato è riuscito inoltre a confrontare le dimensioni delle orbite planetarie esprimendole in termini di distanza tra il Sole e la Terra. Copernico dovette preoccuparsi dell’accoglienza del suo lavoro da parte della Chiesa e degli altri studiosi. La sua opera magna: “De Revolutionibus Orbium Coelestium” (Sul movimento delle sfere celesti), è stata pubblicata solo poco prima della sua morte nel 1543.

La pubblicazione di questo lavoro ha posto le basi per cambiamenti rivoluzionari nella nostra comprensione dell’Universo, aprendo la strada ai futuri astronomi come Galileo, nato più di 20 anni dopo la morte di Copernico.

La cattedrale di Frombork funge da luogo di riposo finale di oltre 100 persone, la maggior parte delle quali riposano in tombe senza nome. Ci sono stati diversi tentativi infruttuosi di localizzare i resti di Copernico, risalenti al XVI e XVII secolo. Un altro tentativo fallito fu compiuto dall’imperatore francese Napoleone dopo la battaglia di Eylau del 1807. Napoleone aveva sempre avuto grande considerazione per lo scienziato e per la sua ecletticità, oltre che come matematico e astronomo.

Copernico
Cattedrale di Frombork.

Nel 2005, un gruppo di archeologi polacchi ha intrapreso la ricerca della tomba dello studioso.

Il team di ricerca ha usato come punto di riferimento la teoria dello storico Jerzy Sikorski, il quale ha sostenuto che Copernico, in servizio come canonico della cattedrale di Frombork, sarebbe stato sepolto vicino all’altare della cattedrale di cui è stato responsabile durante il suo mandato: si tratta dell’altare di San Wacław, ora conosciuto come l’altare della Santa Croce.

Vicino a questo altare sono stati scoperti tredici scheletri, tra cui uno scheletro incompleto appartenente a un maschio di età compresa tra i 60 ei 70 anni. Questo particolare scheletro è stato identificato come quello che più si avvicina a quello di Copernico.

Il cranio dello scheletro è stato utile come base per una ricostruzione facciale. Oltre agli studi morfologici, l’analisi del DNA viene spesso utilizzata per l’identificazione di resti storici o antichi.

Nel caso dei presunti resti di Copernico l’identificazione genetica è stata possibile grazie allo stato ben conservato dei denti. Una sfida significativa ha riguardato l’identificazione di una fonte adeguata di materiale di riferimento, poiché non si conoscono resti di parenti dello scienziato.

Nel 2006, tuttavia, è nata una nuova fonte di materiale di riferimento sul DNA. Si è scoperto che un libro di consultazione astronomica utilizzato da Copernico per molti anni ha custodito capelli tra le sue pagine.

Questo libro era stato portato in Svezia come bottino di guerra in seguito all’invasione svedese della Polonia a metà del XVII secolo. Attualmente è in possesso del Museo Gustavianum dell’Università di Uppsala.

Un esame meticoloso del libro ha rivelato diversi capelli, che si ritiene probabilmente appartenessero al principale utente del libro, lo stesso Copernico. Di conseguenza, questi capelli sono stati valutati come potenziale materiale di riferimento per il confronto genetico con i denti e il materiale osseo recuperati dalla tomba.

I capelli sono stati confrontati con il DNA dei denti e delle ossa dello scheletro scoperto. Sia il DNA mitocondriale dei denti che il campione scheletrico sono risultati corrispondenti a quelli dei capelli, suggerendo che i resti possano essere effettivamente quelli di Nicola Copernico.

Copernico
Cranio di Nicola Copernico.

Lo studio multidisciplinare, che ha coinvolto scavi archeologici, studi morfologici e analisi avanzate del DNA, ha portato a una conclusione convincente: è molto probabile che i resti scoperti vicino all’altare della Santa Croce nella cattedrale di Frombork siano quelli di Nicola Copernico.

Questa significativa scoperta non solo fa luce sull’ultima dimora di una delle figure più influenti nella storia della scienza, ma mostra anche la profondità e la raffinatezza dei moderni metodi scientifici nel corroborare i dati storici.

2