13 C
Rome
mercoledì, Dicembre 7, 2022
HomeVisioni del futuroEcco come potrebbe essere una guerra nucleare tra Stati Uniti e Russia

Ecco come potrebbe essere una guerra nucleare tra Stati Uniti e Russia

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

L’invasione russa dell’Ucraina è già una delle guerre più distruttive e letali della memoria recente, dal bombardamento delle città all’uso di “armi a vuoto” termobariche. Ciò ha portato esperti e civili, allo stesso modo, a chiedersi cosa succederebbe, se la NATO e gli Stati Uniti fossero direttamente coinvolti nel conflitto, una guerra nucleare tra Washington e Mosca.

Esaminiamo in questo articolo due classici scenari di attacco nucleare: un attacco di controforza e un attacco di controvalore. Lo scenario di controforza esamina cosa potrebbe accadere se la Russia attaccasse l’arsenale nucleare americano con il proprio nel tentativo di neutralizzare i bombardieri, i sottomarini e i missili terrestri americani con capacità nucleare. Il secondo, più devastante scenario, l’attacco di controvalore prevede un uso a tutto campo delle armi nucleari per distruggere la capacità degli Stati Uniti di fare la guerra, con l’effetto collaterale di ridurre la società americana a un livello di sviluppo preindustriale.

In questo articolo si parla degli Stati Uniti ma le conseguenze sull’Europa di un attacco nucleare sarebbero praticamente le stesse.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Prima di iniziare, dovremmo notare che nessuno degli scenari è probabile che si verifichi nella nostra vita. A differenza della guerra convenzionale, una guerra nucleare non è qualcosa che accade di punto in bianco. Sia gli Stati Uniti che la Russia credono che una guerra nucleare non potrebbe essere vinta da nessuno e non dovrebbe mai essere combattuta. Entrambi i paesi aderiscono anche a una politica di “distruzione assicurata“, il che significa che qualsiasi attacco a una delle due nazioni comporterebbe la distruzione dell’attaccante. La distruzione assicurata è un potente disincentivo all’uso anche di una sola arma nucleare, per non parlare di usarne centinaia in un attacco apocalittico. Tuttavia, una guerra nucleare non è impossibile.

Come inizierebbe una guerra nucleare?

ah64 cavallo pallido

Nello scenario, le forze statunitensi, comprese quelle della 1a Brigata di cavalleria aerea qui raffigurata, intervengono per fermare l’invasione russa dell’Ucraina. – US ARMY NATIONAL GUARD FOTO DEL SERGENTE. AGUSTÍN MONTAÑEZ

Gli Stati Uniti sono stati risoluti nel loro rifiuto di essere coinvolti direttamente nella guerra russo-ucraina … e per una buona ragione. Ai sensi dell’articolo 5 del trattato istitutivo della NATO, Washington ha esteso la protezione del suo “ombrello nucleare” alle nazioni della NATO, il che significa che gli Stati Uniti tratterebbero un attacco nucleare contro quei paesi nello stesso modo in cui tratterebbero un attacco sul suolo americano; in altre parole, li protegge promettendo di reagire a qualsiasi attacco nucleare sul loro territorio.

Tuttavia, gli Stati Uniti non hanno con l’Ucraina le stesse relazioni di sicurezza che hanno con i paesi membri della NATO e gli alleati come la Corea del Sud e il Giappone. Di conseguenza, l’Ucraina si è trovata senza un paese disposto a difenderla attivamente contro la Russia armata di armi nucleari. La Russia di Putin, per ragioni politiche che abbiamo esaminato altrove, vedendo l’Ucraina sola e vulnerabile, ha deciso di invaderla.

Nel nostro scenario ipotetico, il presidente degli Stati Uniti ha ordinato alle forze armate statunitensi di intervenire a favore dell’Ucraina, distruggendo le unità delle forze di terra russe sul campo e abbattendo i caccia russi. Cinque brigate dell’esercito americano, sostenute da caccia, bombardieri e missili da crociera, avanzano dalla Polonia a Kiev, quindi a Donetsk. L’intervento minaccia di sconvolgere la scacchiera di Putin e immette nel conflitto una nuova forza che potrebbe battere sul campo l’esercito russo.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Anche se questo potrebbe portare a una vittoria convenzionale, le cose potrebbero rapidamente prendere una svolta sinistra. Se le forze statunitensi mettessero in rotta le loro controparti russe e si avvicinassero al confine ucraino-russo, la Russia potrebbe prenderle di mira con armi nucleari tattiche (in genere 20.000 tonnellate di tritolo o meno) per fermare la loro avanzata.

Guerra totale

Il test della russia lancia il missile balistico intercontinentale topol m dal cosmodromo di plesetsk

Un missile balistico intercontinentale russo Topol-M lanciato da un silo missilistico al Cosmodromo di Plesetsk, settembre 2019. – GETTY IMAGES DEL MINISTERO DELLA DIFESA RUSSO

Nel nostro scenario, esamineremo un primo attacco nucleare a sorpresa che porta a una guerra totale. Un paese decide di aver esaurito tutte le altre opzioni e deve distruggere le forze nucleari nemiche prima che possa utilizzarle.

Assumiamo che la Russia colpisca per prima. Le forze di allarme rapido strategiche statunitensi rilevano improvvisamente i missili balistici intercontinentali (ICBM) SS-19, ciascuno caricato con un veicolo planante ipersonico Avangard dotato di armi nucleari, lanciati da silos vicino a Orenburg, in Russia. Le sei armi ipersoniche non sono particolarmente accurate, ma caricate con devastanti testate da due megatoni (due milioni di tonnellate di tritolo), quindi non necessitano di una precisione millimetrica. I veicoli a scorrimento ipersonico Avangard piovono sulle basi radar di allerta precoce in tutto il Nord America, distruggendo i sensori necessari per rilevare il principale attacco a sorpresa.

Pochi istanti dopo, la Russia lancia la sua intera forza di 304 missili balistici intercontinentali terrestri che trasportano un totale di circa 1.183 testate termonucleari. Gli ICBM avrebbero come obiettivi le armi nucleari americane, inclusi i 400 silos di missili balistici intercontinentali sparpagliati negli Stati Uniti occidentali, le basi di bombardieri nucleari in Missouri e Louisiana e le basi di sottomarini di Kings Bay, Georgia, e Kitsap, Washington. Ogni posizione riceverà probabilmente un minimo di due bombe nucleari nel caso in cui la prima arma non esploda.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

L’attacco nucleare a sorpresa, noto come “first strike”, prenderebbe di mira principalmente l’arsenale nucleare terrestre americano. Montana, Wyoming e North Dakota avrebbero ricevuto almeno 800 attacchi nucleari tra di loro. Città come Seattle, scomodamente vicine alla Joint Base Kitsap, sede dei sottomarini con missili balistici della Flotta del Pacifico, potrebbero subire dei danni.

Il bombardamento, noto come attacco di controforza, verrebbe concentrato lontano dalle principali aree popolate e centri industriali. Luoghi come New York City, la San Francisco Bay Area e intere regioni degli Stati Uniti verrebbero risparmiati. Un simile attacco probabilmente non ucciderebbe più di 20 milioni di americani e lascerebbe intatta gran parte del paese.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ancora più importante, l’attacco permetterebbe a Washington di mantenere la capacità di comunicare con le sue forze nucleari. Mosca aprirebbe quindi un dialogo con Washington, affermando che la maggior parte delle armi nucleari americane – missili e bombardieri terrestri – sono state distrutte, ma le infrastrutture e le città americane sono ancora intatte. La leadership russa avvertirebbe quindi che qualsiasi tentativo di rappresaglia scatenerebbe il resto delle armi nucleari del paese, uccidendo altri milioni di persone e distruggendo gli Stati Uniti come entità militare, politica ed economica.

Quanto sarebbe brutto?

un boeing p 8a poseidon, aereo marittimo multimissione con

Mezzi come lo US Navy P-8 Poseidons darebbe la caccia ai sottomarini missilistici russi nel tentativo di affondarli prima che possano lanciare i loro missili. – IMMAGINI SOPA GETTY IMAGES

A questo punto, gli Stati Uniti potrebbero arrendersi e affrontare un futuro incerto, oppure potrebbero reagire. Reagire significherebbe lanciare ciò che resta dei suoi missili balistici intercontinentali e tutti i bombardieri sopravvissuti, usandoli per dare la caccia alle armi nucleari russe rimaste. I bombardieri sono particolarmente utili in questa situazione, in quanto potrebbero essere usati per dare la caccia a ciò che resta degli ICBM russi, in particolare quelli come l’SS-27 montato su camion da trasporto missilistico a 16 ruote. La Marina comincerebbe a dare la caccia ai sottomarini missilistici russi, compresi quelli che potrebbero incrociare al largo della costa orientale e occidentale degli Stati Uniti, armati di missili da crociera a testata nucleare.

Un contrattacco nucleare porterebbe a qualcosa? Nel nostro scenario, i capi di stato maggiore congiunti sostengono che gli Stati Uniti non hanno più nulla da perdere, e così facendo, potrebbero tentare di ridurre il danno complessivo di un inevitabile secondo attacco. Dopotutto, ci sarebbero poche ragioni per fidarsi della Russia a questo punto. Gli Stati Uniti lanciano quindi un contrattacco, ma sono seriamente ostacolati dalla mancanza di forze, con la maggior parte degli ICBM Minuteman III e dei bombardieri B-2 e B-52 del comando strategico statunitense distrutti al primo attacco.

La Russia lancia il resto delle sue armi nucleari, questa volta con un occhio alla distruzione di tutto ciò che potrebbe contribuire allo sforzo bellico. L’attacco prende di mira le restanti basi militari americane, l’industria, l’energia, le comunicazioni e le strutture di trasporto, praticamente tutto ciò che rende la vita del 21° secolo degna di essere vissuta. Le città non sono prese di mira come centri abitati, ma edifici, complessi e altre strutture al loro interno verrebbero distrutti senza pietà.

Il risultato sarebbe una devastazione quasi totale con conseguenze globali. “Un attacco a una sola città negli Stati Uniti potrebbe causare centinaia di migliaia di vittime e altrettanti feriti“, dice Tara Drozdenko, direttrice del Programma di sicurezza globaleGli incendi che generano fuliggine potrebbero bloccare la luce solare, forse per decenni, causando il raffreddamento globale e accorciando le stagioni di crescita, causando insicurezza alimentare mondiale“.

Secondo un recente studio open source (non pubblicato in una rivista peer-reviewed), un attacco a tutto campo ucciderebbe fino a 104.241.000 americani. Inoltre, milioni di feriti negli attacchi e incapaci di raggiungere un ospedale probabilmente soccomberebbero alle loro ferite. Ancora di più, vivere sottovento rispetto alle zone esplosive, sarebbe a rischio di malattia o morte per ricaduta radioattiva. I sopravvissuti rimarrebbero senza elettricità, assistenza medica, comunicazioni e reti di distribuzione di cibo e carburante praticabili. L’inverno successivo sarebbe particolarmente rigido, risparmiando solo coloro dotati di un accesso al cibo e alla capacità di riscaldarsi.

Quanto soffrirebbe la Russia? Non fa davvero molta differenza, perché non ci sarebbe quasi nessuno negli Stati Uniti in grado di notarlo. La Russia ha una popolazione di 144 milioni di persone con una percentuale maggiore della sua popolazione nelle aree rurali lontane dagli effetti diretti dell’attacco nucleare. La stessa Russia subirebbe sicuramente decine di milioni di morti, ma in questo scenario, un conteggio delle vittime sembra un mezzo futile per tenere il punteggio. In questo scenario, entrambe le parti perderebbero.

Quanto è probabile una guerra nucleare?

Stati Uniti Kentucky

Anche in caso di attacco nucleare a sorpresa, un avversario dovrebbe vedersela con la flotta americana di sottomarini con missili balistici, incluso l’USS Kentucky, qui raffigurato. Ciascuno trasporta 20 missili balistici Trident D-5 con un totale di oltre 100 testate termonucleari. – US NAVY FOTO DI COMUNICAZIONE DI MASSA SPECIALISTA 1A CLASSE AMANDA R. GRAY

Una guerra nucleare è estremamente improbabile. Tutte le potenze nucleari operano implicitamente in base al principio della distruzione assicurata: un attacco nucleare contro di esse garantisce una risposta devastante. Se la Cina attaccherà la Russia, si può essere certi che subirà un devastante contrattacco. L’istinto di sopravvivenza in tutti gli esseri umani razionali li induce a prendere decisioni che li allontanano da esiti davvero orribili come la guerra nucleare.

Il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato di comprendere il pericolo delle armi nucleari. “I leader statunitensi e russi capiscono che una guerra nucleare su vasta scala sarebbe un evento di fine civiltà“, spiega Drozdenko. “Ecco perché i leader di cinque stati dotati di armi nucleari, tra cui Stati Uniti e Russia, hanno definito la “responsabilità prioritaria” di evitare la guerra tra potenze nucleari e hanno affermato che una guerra nucleare non può essere vinta e non deve mai essere combattuta.”

Nella situazione attuale, in assenza di un confronto diretto tra USA e Russia, la probabilità di una guerra nucleare è vicina allo zero. Detto questo, gli incidenti possono accadere e i disaccordi tra due parti apparentemente razionali possono rapidamente sfuggire al controllo. Un folle, sprezzante della realtà e privo di istinto di sopravvivenza, potrebbe anche scegliere la guerra nucleare. Tutta la civiltà umana sarebbe vincolata alle sue scelte. La lezione è che finché esistono armi nucleari, c’è la possibilità che possano essere utilizzate.

Come lo evitiamo?

distruzione della seconda guerra mondiale dopo che la bomba atomica fu sganciata su Hiroshima nel 1945

Hiroshima dopo il bombardamento atomico del 6 agosto 1945. La bomba nucleare da 20 kilotoni uccise 126.000 persone. La maggior parte delle testate ICBM sovietiche si trova nella gamma di 800 kilotoni e causerebbe un numero esponenzialmente maggiore di vittime e danni alle aree popolate. – ARCHIVIO STORICO UNIVERSALE GETTY IMAGES

Lo scenario delineato sopra è un valore anomalo, ma rientra ancora nel regno delle possibilità. Nel nostro scenario, entrambe le parti sono devastate senza vincitori.

A causa delle terribili conseguenze di un conflitto nucleare, spetta agli stati nucleari cercare soluzioni diplomatiche“, afferma Drozdenko. “L’attuale situazione in Ucraina comporta qualche rischio di escalation nucleare a causa di incomprensioni o errori di calcolo. Ma è incoraggiante che gli Stati Uniti non abbiano risposto alle minacce di Putin aumentando il proprio stato di allerta. È importante che la razionalità prevalga e fornisca rampe diplomatiche per fermare questo conflitto“.

L’invasione russa dell’Ucraina quasi certamente non darà inizio a una guerra nucleare totale. Eppure la tensione tra Stati Uniti e Russia sulla guerra ci ricorda che finché entrambe le parti hanno armi nucleari, la possibilità che una guerra nucleare avvenga non è zero. Non è una situazione in cui più armi nucleari renderanno più sicure entrambe le parti. La diplomazia potrebbe garantire che entrambe le parti, sebbene desiderino cose molto diverse, possano lavorare insieme per evitare l’unica cosa che tutti non vogliono: la guerra nucleare.

Articoli più letti