11 C
Rome
domenica, Dicembre 4, 2022
HomePsicologia & sociologiaDavvero alcuni luoghi possono trattenere energia negativa?

Davvero alcuni luoghi possono trattenere energia negativa?

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Molte delle persone che hanno visitato il campo di concentramento di Auschwitz in Polonia hanno riferito di avere provato un senso di oppressione al petto, nervosismo e depressione: è quasi come se il posto fosse infestato da un’enorme quantità di energia negativa. Secondo alcuni ricercatori, c’è un’alta probabilità che Auschwitz sia uno dei tanti siti noti per trasmettere “energia negativa”.

Se questo fosse vero, allora significherebbe che il nostro habitat potrebbe non essere neutrale come lo percepiamo, spiegando la pelle d’oca e la sensazione di mal di pancia che alcuni provano in case infestate o nei luoghi in cui è avvenuta una violenza orribile. Ci sono tre teorie predominanti per questo fenomeno: la presenza di residui emotivi, o prove residue di emozioni passate che continuano a permeare il luogo, una specie di “stress geopatico” emanato dalla Terra stessa e il potere delle aspettative della nostra mente.

Ma potrebbe essere semplicemente suggestione.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La teoria del residuo emotivo

casa dove James Gardyne ha sparato a sua moglie Aldona

Questa è la casa a Wentworth Falls dove James Gardyne sparò al petto a sua moglie Aldona e poi se ne andò per uccidersi, il 25 marzo 1980. – FAIRFAX MEDIA ARCHIVES GETTY IMAGES

Le emozioni hanno il potenziale per “infettare” o “illuminare” il loro ambiente fisico anche dopo che la loro fonte si è spostata fisicamente in una nuova posizione, secondo il fenomeno del residuo emotivo. Sebbene la teoria abbia probabilmente origine dalle prime credenze sulla natura contagiosa della magia, è comunque diventata il punto focale di numerosi studi legittimi nel campo della psicologia.

Una possibile spiegazione è che il sistema nervoso umano sia in grado di captare i segnali chimici che il corpo emette attraverso il sudore e le lacrime. Gli studi hanno rilevato, ad esempio, che la libido maschile diminuisce in presenza delle lacrime delle donne e che questi “segnali chimici” persistono nell’ambiente circostante. Alcuni esperimenti hanno tentato di descrivere le risposte umane ad essi.

Uno studio olandese pubblicato su Psychological Science nel 2012, ad esempio, ha scoperto che i segnali chimici precedentemente prodotti da uomini che provavano paura o disgusto “generavano una reazione interessante” tra le donne che vi venivano esposte. Gli scienziati hanno raccolto il sudore dagli uomini mentre assistevano a un film spaventoso ed esposto alcune donne ad esso. Il campione del “sudore di paura” ha prodotto espressioni facciali spaventose durante l’esecuzione di un compito visivo.

Un secondo studio dello stesso team olandese, pubblicato su Psychological Science nel 2015, ha rilevato che l’esposizione all’odore corporeo di persone che riferivano sentimenti di felicità produceva sentimenti di felicità anche nei partecipanti al test. I ricercatori hanno reclutato 12 uomini per fornire i campioni di sudore per lo studio, che hanno nuovamente guardato un video clip inteso a indurre un particolare stato emotivo: paura, felicità e/o sentimenti neutri.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Trentasei donne sono state esposte ai campioni di sudore. I dati sull’espressione facciale hanno rivelato che le donne che sono state esposte al “sudore della paura” avevano una maggiore attività nel muscolo frontale mediale, che è responsabile dell’innalzamento delle sopracciglia, una caratteristica comune nelle espressioni di paura. Le donne che sono state esposte al “sudore felice” sfoggiavano sorrisi. Nella sua conclusione, il documento menziona una “sincronizzazione comportamentale” tra il donatore di sudore e l’odoratore di sudore. In altre parole, la felicità potrebbe diffondersi attraverso i segnali chimici.

Rispondere a segnali emotivi è comune anche nel regno animale. “Ci sono diversi studi su animali non umani che dimostrano che rispondono a segnali ambientali che non stiamo percependo (almeno non consapevolmente), ad esempio aumentando i loro livelli di ormoni dello stress prima delle tempeste, o reagendo a terremoti o maremoti“, sostiene Brian Hellmuth, professore di scienze ambientali e politiche pubbliche alla Northeastern University di Boston.

Questo potrebbe essere un problema di sensibilità, o forse questi animali hanno capacità sensoriali che ci mancano, dice Hellmuth. “Anche se non conosco nessuna scienza occidentale che dimostri l’influenza di qualsiasi ‘firma energetica’, credo assolutamente che ci sia ancora molto da imparare su come gli esseri umani sono influenzati dall’ambiente e soprattutto dagli impatti emotivi, fisici e psicologici di danno ambientale per l’uomo”.

La teoria geopatica dello stress

grande fenditura nel terreno

Grotagja in Islanda. – BARTVDD GETTY IMAGES

Ma forse l’ambiente non ha nemmeno bisogno di essere danneggiato per devastare gli esseri umani. Nel 1929, il barone tedesco e ricercatore medico Gustav Freiherr von Pohl condusse uno studio nella città bavarese di Vilsbiburg, concludendo che alcune faglie geologiche (fratture tra due pezzi di roccia) emanano “energia irradiata dalla terra” collegata all’insorgere del cancro. Tutte le persone morte di cancro a Vilsbiburg dall’inizio della registrazione avevano dormito in letti lungo queste linee di stress “geopatiche”, portando von Pohl all’affermazione infondata che il cancro fosse una malattia della localizzazione e alla genesi del termine “geopatico”.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Secondo i sostenitori della geopatia, la Terra emette energie che possono causare problemi di salute agli esseri umani. Tunnel, fogne, faglie geologiche, tubi, depositi minerali, linee di servizio e acque sotterranee sono tutti presumibilmente punti in cui una “certa vibrazione energetica” dalla Terra viene distorta. I sostenitori dello stress geopatico sostengono che non si dovrebbe passare troppo tempo dentro/sopra/intorno a questi punti di distorsione, pena lo sperimentare affaticamento, mal di testa, insonnia e nel complesso sentimenti molto negativi (alcuni dei sostenitori più accaniti di questa teoria affermano che anche i macchinari possono rompersi se collocati in zone di stress geopatico).

La buona notizia è che nessuna ricerca scientifica seria ha collegato in modo esplicito le linee di faglia con il cancro. Tuttavia, poiché ci sono così tanti fattori ambientali che influenzano i nostri corpi, è impossibile isolare gli effetti diretti che la Terra ha su di noi, secondo quanto afferma Jorge Sanjurjo-Sánchez, professore associato presso l’Istituto universitario di geologia Isidro Parga Pondal e l’Università di A. Coruña in Spagna.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

E se le radiazioni o le vibrazioni della Terra hanno effetti diretti sulla salute, non è necessariamente una cosa negativa, spiega Sanjurjo-Sánchez, perché la Terra potrebbe nutrirci proprio come una vera madreBassi dosi di radiazioni gamma dal suolo, una forma di radiazione più potente dei raggi X, potrebbero anche essere utili“, dice, citando l’elevata durata della vita in luoghi come l’isola greca di Ikaria, dove si verifica questo fenomeno. Apparentemente, i luoghi hanno i loro poteri.

Il potere dell’aspettativa

Tuttavia, le nostre associazioni e aspettative potrebbero essere persino più potenti dei residui emotivi o dello stress geopatico.

Se ci aspettiamo che qualcosa induca, felicità o tristezza, ciò può influenzare fortemente le nostre percezioni; tale è il potere delle aspettative. Se hai associazioni positive o negative quando si tratta di determinate caratteristiche del paesaggio, ad esempio, ciò potrebbe avere un impatto su come ti senti e funzioni al di sotto della tua capacità di capirlo.

Gli studi in cui i partecipanti hanno predetto l’umore di un personaggio in base alle emozioni di una persona che in precedenza ha vissuto nel loro appartamento, o hanno scelto una stanza in base a un segno su una porta, rafforzano un vecchio punto della psicologia, ovvero che noi formiamo automaticamente associazioni e che queste possono influenzare atteggiamenti e comportamenti“, dice John Coley, professore di psicologia alla Northeastern University.

La ricerca del mio laboratorio mostra che le persone che crescono in ambienti urbani tendono ad associarsi alle caratteristiche dell’ambiente costruito, mentre coloro che crescono in ambienti rurali tendono ad associarsi alle caratteristiche dell’ambiente naturale“, afferma Coley. Spostarsi dalla città alla campagna o viceversa potrebbe quindi causare stress.

Se cresco in campagna e poi mi trasferisco a New York, all’esterno potrei amare il trambusto e il continuo brusio di energia, ma in fondo, la sensazione che non sono io, anche se non ne sono consapevole di essa, potrebbe richiedere un pedaggio“, dice. Quindi la casa abbandonata dall’altra parte della strada potrebbe non essere effettivamente infestata, anche se ti si stringe il petto quando ti ci avvicini; forse vieni semplicemente da un quartiere dove ci sono poche proprietà rovinate o trascurate.

Mettiamo tutto insieme

Ormai oltre 60 milioni di persone hanno visitato Auschwitz. Il luogo è noto come “l’epitome del turismo oscuro“, un tipo di viaggio molto criticato che prevede la visita di luoghi storicamente legati alla morte, alla tragedia e al macabro. C’è anche un’intera serie Netflix chiamata “Dark Tourist” che porta gli spettatori in luoghi come la centrale nucleare di Fukushima Daiichi e un lago in Kazakistan formato da un’esplosione nucleare.

Articoli più letti