11 C
Rome
domenica, Dicembre 4, 2022
HomeBiologiaAntartide: biodiversità inimmaginabile scoperta sotto la piattaforma di ghiaccio

Antartide: biodiversità inimmaginabile scoperta sotto la piattaforma di ghiaccio

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Nelle profondità delle piattaforme di ghiaccio dell’Antartide, i ricercatori hanno scoperto dozzine di forme di vita che prosperano su un minuscolo pezzo del fondo marino, un livello di diversità delle specie senza precedenti per un ambiente che non ha mai visto la luce del Sole.

La vita sotto il ghiaccio dell’Antartide

“Se mi avessi fatto tre domande all’inizio della ricerca: quanta ricchezza di vita troveremo? Non molta. Quanto sarà abbondante? Non molto. Come sarà la crescita? Molto lenta. Mi sarei sbagliato su ogni punto”. Ha detto il coautore dello studio David Barnes, un biologo marino del British Antarctic Survey.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Nella profondità del ghiaccio antartico, al riparo dai raggi energizzanti del Sole, può esistere la vita, ma si pensava che fosse rara, poiché la maggior parte degli ecosistemi è costruita su una base di organismi fotosintetici come piante o alghe. Tali regni oscuri non dovrebbero avere abbastanza cibo per sostenere un’ampia varietà di vita.

Ma quando Gerhard Kuhn e Raphael Gromig dell’Alfred Wegener Institute hanno usato acqua bollente per perforare 200 metri di ghiaccio sulla piattaforma di ghiaccio di Ekström nel 2018, sono rimasti sorpresi da ciò che sono stati in grado di raccogliere dal fondo del mare.

Le piattaforme di ghiaccio coprono 1,6 milioni di chilometri quadrati di oceano, e ciò che si trova sotto il ghiaccio potrebbe benissimo essere l’habitat sottomarino meno esplorato della Terra.

In un ambiente così buio e apparentemente inospitale, il team ha trovato frammenti di organismi viventi. Quando si sono resi conto di aver trovato più di quanto si aspettassero, Claus-Dieter Hillenbrand, un sedimentologo del British Antarctic Survey, ha consigliato di inviare il campione del fondo marino a Barnes.

I pezzi che erano stati estratti da sotto la piattaforma di ghiaccio nell’Antartide, esaminati al microscopio, provenivano chiaramente da animali diversi. Tutto sommato, Barnes ha identificato 77 specie diverse, molto più di quanto avrebbe dovuto ragionevolmente trovare.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Molte delle specie identificate erano briozoi, o filtratori stazionari che spesso sembrano un cervello o un muschio, come Melicerita obliqua e vermi tubiformi che filtrano l’acqua per nutrirsi come Paralaeospira sicula, tra gli altri.

“Questa scoperta di così tanta vita che vive in queste condizioni estreme è una sorpresa completa e ci ricorda come la vita marina antartica sia così unica e speciale”, ha detto Barnes.

La vita marina, in particolare i filtratori come briozoi, spugne e meduse, dovrebbe, in teoria, diventare più scarsa con la distanza dal mare aperto; questo perché si nutrono di alghe, che hanno bisogno della luce solare, e perché si pensava che fossero troppo delicate per le brutali temperature inferiori a meno 2,2 gradi Celsius.

Ma si scopre che questi animali si nutrono di microrganismi come ciliati e dinoflagellati che vengono trascinati sotto la piattaforma di ghiaccio dalle correnti oceaniche.

Questa tipologia di animali si attacca al pavimento e non costruiscono grandi corpi fatti di tessuti assetati di energia. In quanto tali, possono sopravvivere grazie al rivolo di cibo che arriva loro.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“È la vita nella corsia super lenta”, ha detto Barnes.

Inoltre, la datazione al carbonio rivela che questi abitanti del fondo non sono nuovi inquilini sotto le piattaforme dell’Antartide.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“Nonostante viva a 3-9 km dal mare aperto più vicino, un’oasi di vita potrebbe essere esistita ininterrottamente per quasi 6000 anni sotto la piattaforma di ghiaccio”, ha detto in una nota Kuhn, il capo del progetto di perforazione. Mentre i resti più antichi avevano 5.800 anni, hanno datato solo 20 delle centinaia di frammenti raccolti. I dati futuri potrebbero benissimo spingere questa stima più lontano nel passato. 

“Questo potrebbe essere l’habitat più indisturbato sulla Terra, nello spazio tra il fondo marino e il ghiaccio sopra di esso”, ha affermato Barnes.

Quella mancanza di disturbo, ha detto, potrebbe spiegare la diversità delle specie dell’ecosistema. Sotto il ghiaccio, non ci sono tempeste, inondazioni e incendi, consentendo a tutte le specie che possono sopravvivere, il tempo e la stabilità necessari per irradiarsi in ogni nicchia disponibile.

Tuttavia, habitat incontaminati come questi potrebbero essere tra i primi a soccombere al cambiamento climatico causato dall’uomo, sostiene Barnes. Con il ritiro delle banchise antartiche, questi ambienti unici potrebbero andare perduti.

Questo studio è stato pubblicato sulla rivista Current Biology.

Articoli più letti