Gli anelli di Urano, stupefacente immagine dal telescopio James Webb

L'immagine mette in risalto gli anelli spettacolari di Urano, le lune luminose, ma anche la sua atmosfera

0
517
lune

Una nuova sublime immagine di Urano è stata ripresa dal James Webb Space Telescope. La foto mette in risalto gli anelli spettacolari del corpo celeste, le sue lune più luminose e anche la sua atmosfera. La nuova osservazione, fatta il 6 febbraio, segue una foto altrettanto sbalorditiva che JWST ha catturato di recente dell’altro gigante di ghiaccio del sistema solare, Nettuno.

La nuova immagine di Urano mostra 11 dei 13 anelli conosciuti del pianeta, alcuni dei quali sono così luminosi, tanto da “fondersi” tra loro. Ciò che stupirà davvero gli astronomi, tuttavia, è il fatto che lo strumento NIRCam (Near Infrared Camera) di JWST è abbastanza sensibile da aver catturato i due anelli più interni di Urano.

Gli anelli di Urano in bella mostra

I due anelli in questione sono stati intravisti solo da altri due occhi astronomici: quelli della sonda Voyager 2, che sorvolò Urano nel 1986, e più recentemente dall’ottica adattiva avanzata dell’Osservatorio Keck. Quando Voyager 2 riprese Urano durante il suo sorvolo del 1986, vide il pianeta come poco più di un marmo blu inerte privo di caratteristiche distinte. Questa nuova foto di JWST è in netto contrasto, dipingendo l’immagine di un mondo dinamico e mutevole.

L’immagine JWST è stata realizzata combinando i dati di due filtri, che possono essere visti rispettivamente come colorazione blu ed evidenziazione arancione. L’immagine rappresentativa a colori mostra il denso fluido ghiacciato di acqua, metano e ammoniaca sopra un piccolo nucleo roccioso che comprende Urano, che sembra una palla di neve azzurra.

Un gigante ghiacciato dall’orbita unica nel suo genere

Urano ha un’orbita unica nel sistema solare, con il gigante di ghiaccio che ruota su un fianco, inclinato di circa 90 gradi rispetto al suo percorso intorno al sole. Questa inclinazione fa sì che Urano sperimenti stagioni estreme, con ogni polo esposto alla luce solare costante per molti anni prima di essere immerso nell’oscurità per un tempo altrettanto lungo.



Attualmente è primavera al polo nord di Urano. Questo può essere visto nell’immagine, con il lato destro del gigante di ghiaccio che si illumina in corrispondenza della sua calotta polare nord, che è rivolta verso il sole. Questa è la prima volta che gli scienziati hanno visto questo aspetto della calotta polare; manca anche dalle immagini avanzate catturate da Keck.

Sul bordo della calotta polare si trova una nuvola luminosa con alcune caratteristiche estese più deboli appena visibili. Ciò include una seconda nuvola molto luminosa all’arto sinistro di Urano. Nubi come queste sono tipiche di Urano e possono essere viste a lunghezze d’onda infrarosse; si teorizza che siano collegati all’attività delle tempeste attraverso il gigante di ghiaccio, hanno detto i membri del team JWST. Il polo nord di Urano vivrà la sua stagione estiva a partire dal 2028. Il polo sud di Urano è attualmente sul lato oscuro del pianeta e fuori vista nell’immagine, rivolto lontano dal sole verso l’oscurità come l’inchiostro dello spazio.

Le lune di Urano

JWST è riuscito a catturare sei delle 27 lune conosciute di Urano quando ha raffigurato il gigante di ghiaccio. Queste sono le lune più luminose; gli altri sono troppo deboli per essere visti in un’esposizione relativamente breve di 12 minuti. Il potente telescopio spaziale continuerà ad osservare il gigante di ghiaccio. La sua indagine estesa dovrebbe intravedere due anelli di polvere esterni ancora più deboli, che sono stati scoperti dal telescopio spaziale Hubble nel 2007, hanno detto i membri del team di missione.

La foto di Nettuno

Nettuno
Nettuno

Ne approfittiamo, a chiusura articolo,  per mostrarvi la stupenda foto del pianeta Nettuno risalente allo scorso settembre. L’immagine rappresenta il primo sguardo dettagliato al sistema di anelli del pianeta da oltre 30 anni.

Heidi Hammel, planetologa dell’Association of Universities for Research in Astronomy ha detto in un comunicato: “Sono passati tre decenni dall’ultima volta che abbiamo visto quelle bande deboli e polverose, e questa è la prima volta che le vediamo nell’infrarosso”.

FONTE: NASA

2