sabato, Gennaio 28, 2023
Home Medicina

Un uomo è risultato positivo al COVID per oltre 400 giorni. Ecco cosa significa

La pandemia di Covid-19 provocata dal virus SARS-Cov-2 imperversa ormai da 2 anni e, anche se ora appare meno virulenta, alcune persone continuano a sopportarne il peso molto più di altre

185
Un uomo è risultato positivo al COVID per oltre 400 giorni. Ecco cosa significa
Un uomo è risultato positivo al COVID per oltre 400 giorni. Ecco cosa significa

La pandemia di Covid-19 provocata dal virus SARS-Cov-2 imperversa ormai da 2 anni e, anche se ora appare meno virulenta, alcune persone continuano a sopportarne il peso molto più di altre.

Le persone con un sistema immunitario indebolito a causa di malattie o trattamenti medici come la chemioterapia sono, inoltre, più suscettibili allo sviluppo di infezioni di lunga durata, durante le quali il virus potrebbe sviluppare nuove mutazioni.

Il rischio che le autorità sanitarie di tutto il mondo considerano è che più tempo sarà necessario per debellare definitivamente il virus, maggiore è il rischio dell’insorgere di nuove varianti di COVID-19 più pericolose.

Un team di ricercatori nel Regno Unito ha ora descritto una serie di casi cronici di COVID-19, tra cui un uomo che è rimasto positivo per più di 400 giorni. Alla fine è risultato negativo dopo che il sequenziamento genetico ha rivelato quale ceppo del virus aveva e di quale trattamento aveva bisogno.

Guidato dall’infettivologo Luke Blagdon Snell del Guy’s and St Thomas’ NHS Foundation Trust, il team ha studiato le infezioni persistenti nelle persone immunocompromesse, cercando di capire quali mutazioni si verificano e se nuove varianti si evolvono nel tempo.

All’inizio di quest’anno, abbiamo appreso di una persona curata dalla stessa squadra che è risultata positiva per SARS-CoV-2 per 505 giorni prima di morire, l’infezione da COVID-19 più lunga conosciuta.

Quest’ultimo caso clinico descrive un uomo di 59 anni che ha contratto per la prima volta il COVID-19 nel dicembre 2020. Il sequenziamento genomico ha mostrato che era portatore di un ceppo precoce del virus che all’epoca era diffuso nel Regno Unito.

[Quando] abbiamo esaminato il suo virus, abbiamo constatatoera che era qualcosa che esisteva molto tempo fa, molto prima di Omicron, molto prima di Delta e persino prima di Alpha. Quindi era una di quelle varianti più antiche e precoci risalenti all’inizio della pandemia“, ha detto Blagdon Snell al Washington Post .

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Queste infezioni croniche da coronavirus sono distinte dal long COVID, in cui un esasperante mix di sintomi persiste molto tempo dopo che le infezioni acute si sono attenuate per ragioni che gli scienziati non sono ancora riusciti a capire.

Durante la pandemia, abbiamo utilizzato il sequenziamento genomico per tracciare le origini dei focolai di COVID-19, districare i lignaggi del virus e rilevare nuove varianti.

In questo rapporto, Snell e colleghi descrivono come hanno utilizzato i risultati del sequenziamento genomico, per personalizzare i trattamenti per le persone con infezioni persistenti da COVID-19 e infine liberare i loro corpi dal virus.

Il documento descrive sei casi, tra cui l’uomo di 59 anni.

Con un sistema immunitario indebolito a seguito di un trapianto di rene, il corpo dell’uomo non è stato in grado di eliminare il virus e con solo sintomi lievi e intermittenti, non era idoneo per i trattamenti usati per prevenire o curare casi gravi di COVID-19.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

È risultato positivo a febbraio 2021 e di nuovo a gennaio 2022, ogni volta con la stessa variante del virus: B.1.177.18. Nel tempo, una raccolta di mutazioni è emersa nel virus ala velocità prevista con SARS-CoV-2 , quindi niente di straordinario su questo, solo un fatto che sottolinea la propensione del virus a mutare.

Sebbene i ricercatori ritengano che questi casi di infezione cronica siano rari, sono difficili da trattare poiché la continua comparsa di nuove varianti rende inefficaci le terapie anticorpali neutralizzanti.

Una volta che i ricercatori hanno saputo che l’uomo aveva un’infezione cronica, ha ricevuto un trattamento combinato con anticorpi monoclonali efficace contro i primi ceppi, che alla fine lo ha liberato dal virus, 411 giorni dopo la prima diagnosi.

Altri casi descritti da Snell e colleghi includono casi in cui il sequenziamento genomico ha rivelato quali ceppi di SARS-CoV-2 avevano le persone, se si trattava di un’infezione separata o cronica e quali mutazioni aveva acquisito il virus, consentendo ai medici di selezionare la giusta terapia.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

I team di assistenza stanno ancora monitorando da vicino alcuni pazienti durante il loro recupero. Tuttavia, le sottovarianti di Omicron rappresentano una nuova minaccia, poiché alcuni ceppi ostacolano tutti i trattamenti anticorpali disponibili.

Alcune persone con un sistema immunitario indebolito sono ancora a rischio di malattie gravi e di infettarsi in modo persistente. Stiamo ancora lavorando per capire il modo migliore per proteggerle e curarle“, ha affermato Snell.

Almeno dove sono disponibili strutture di sequenziamento genomico, questa ricerca mostra che il virus non può – e non dovrebbe – eludere il nostro controllo indefinitamente. Le vite di molte persone dipendono da questo.

Il rapporto è stato pubblicato su Clinical Infectious Diseases.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---