Sempre più studi confermano che il caffè diminuisce il rischio di morte

Indice

Buone notizie per gli amanti della caffeina: ci sono nuove prove che indicano i benefici per la salute del caffè. Una nuova ricerca dimostra che l’assunzione di caffè può ridurre drasticamente il rischio di morte. L’aspetto particolarmente interessante di questo studio è quanto sia drammatico questo effetto.

La ricerca presentata alla Società Europea di Cardiologia della scorsa settimana, riunione del Congresso ESC del 2017, ha esaminato la relazione tra bere il caffè e la mortalità negli adulti mediterranei di mezza età e Hanno scoperto che coloro che consumavano almeno quattro tazze di caffè al giorno avevano un rischio inferiore di 64 per cento di mortalità per tutte le cause.

“Il caffè è una delle bevande più consumate in tutto il mondo“, ha detto il dottor Adela Navarro, cardiologo presso l’Ospedale Navarra di Pamplona, in Spagna, in una  dichiarazione . “Studi precedenti hanno suggerito che il bere il caffè potrebbe essere inversamente associato a tutte le cause mortali, ma questo non era ancora stato indagato in un paese mediterraneo“.

Circa 20.000 partecipanti sono stati intervistati nell’ambito del progetto SUN  (Studio di follow-up dell’Università di Navarra). All’inizio dell’esperimento i partecipanti dovevano compilare un questionario sulla frequenza alimentare in modo che i ricercatori potessero raccogliere informazioni sul loro consumo di caffè, Lo stile di vita e le caratteristiche sociodemografiche, le misurazioni antropometriche e le condizioni sanitarie. Tutti i soggetti inclusi nello studio sono stati seguiti con check-in regolari per una media di 10 anni.

In questo periodo, 337 persone – la cui età media all’inizio dello studio era di 37,7 anni – sono morte.

Lo studio ha però evidenziato che coloro che bevevano quattro tazze di caffè al giorno hanno avuto il 64 per cento in meno di probabilità di morire nel corso dello studio rispetto a quelli che non consumavano caffè. Per ogni due tazze aggiuntive al giorno, il rischio è diminuito di un altro 22%.

Il sesso e l’adesione alla dieta mediterranea hanno avuto poca influenza sull’esito, ma risulta che l’età fa la differenza. Gli over 45 che hanno bevuto due tazze di caffè extra al giorno hanno avuto un rischio di mortalità inferiore del 30 per cento. L’impatto dell’assunzione del caffè sui partecipanti più giovani sembra essere stato, però, molto più basso.

Nel progetto SUN abbiamo osservato un’associazione inversa tra il caffè e il rischio di mortalità per tutte le cause, in particolare nelle persone di età superiore a 45 anni. Questi risultati sembrerebbero essere dovuti ad una maggiore protezione indotta dal caffè tra i partecipanti più anziani”, ha affermato il dottor Navarro.

“I nostri risultati suggeriscono che bere quattro tazze di caffè al giorno come parte integrante della dieta giornaliera potrebbe essere fondamentale per il mantenimento della salute“.

Insomma, si moltiplicano gli studi i cui risultati sembrano indicare una importante incidenza del consumo di caffè nel ridurre il rischio di morte improvvisa precoce. Attenzione, però, che le 4 tazze di cui si parla nello studio corrispondono a molto più di 4 tazzine di espresso giornaliere così come consumate da noi.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

In Tendenza

TeraNet: laser spaziali per velocità internet 1000x

La 'TeraNet' della University of Western Australia, una rete...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Ramses: la missione di difesa planetaria verso Apophis

Il programma Space Safety dell'ESA ha ricevuto l'autorizzazione a...

Perseidi: potrai ammirarle nelle notti dell’11 e del 12 agosto 2024

Il miglior spettacolo di meteore dell'estate si verificherà durante...

Progetto VIPER: inaspettato nessun lancio nel 2025

Il progetto VIPER (Volatiles Investigating Polar Exploration Rover) della...

L’elusivo effetto Unruh

Un nuovo approccio potrebbe consentire di rilevare l'elusivo effetto Unruh in poche ore, anziché in miliardi di anni

Reti neurali ottiche: più efficienti dal punto di vista energetico

Il Max Planck Institute ha sviluppato un nuovo sistema...

Articoli correlati

Popular Categories