Universo 25, i pericoli dell’eccessivo benessere

Nel 1968, il ricercatore John Calhoun, un etologo statunitense, effettuò numerosi studi sulla densità di popolazione e sui suoi effetti sul comportamento. Il lavoro che fece più scalpore e per il quale Calhoun raggiunse la popolarità fu il cosiddetto "Universo 25" o "Universo del topo"

0
22561
Universo 25, i pericoli dell'eccessivo benessere
Universo 25, i pericoli dell'eccessivo benessere

Universo 25 fu una vera e propria rapprentazione pratica dell’Utopia, realizzata per scopi di studio.

Wikipedia alla voce Utopia, tra le altre cose, riporta:
Le utopie socialista e comunista generalmente ruotano attorno a una distribuzione paritaria dei beni, spesso con la totale abolizione del denaro, e con cittadini che fanno un lavoro che apprezzano e che è svolto per il bene comune in quanto realizzazione della loro essenza primaria, e che lascia loro ampi margini di tempo per coltivare arti e scienze“.

Insomma, l’Utopia è un mondo perfetto in cui tutti fanno la loro parte per la società, nessuno è più ricco o più povero degli altri e tutti hanno tutto ciò di cui hanno bisogno. In un mondo siffatto non esistono pericolo naturali, niente predatori, niente malattie; non esiste invidia né qualcuno cerca di prevaricare gli altri. Insomma, il paradiso in Terra.

Ma come si svilupperebbe una società simile, perfetta, paritaria e senza reali problema di lotta per la sopravvivenza?

Nel 1968, il ricercatore John Calhoun, un etologo statunitense, effettuò numerosi studi sulla densità di popolazione e sui suoi effetti sul comportamento. Il lavoro che fece più scalpore e per il quale Calhoun raggiunse la popolarità fu il cosiddetto “Universo 25” o “Universo del topo“.

L’esperimento ideato da Calhoum iniziò nel luglio 1968, presso il National Institute of Health di Bethesda, Maryland, quando quattro coppie di topi furono introdotte nell’habitat. L’habitat era una struttura quadrata in metallo di 1,4 metri per lato, con un’altezza di 2,7 metri. Ogni lato aveva quattro gruppi di quattro “tunnel” verticali in rete metallica. I “tunnel” davano accesso a cassette di nidificazione, tramogge e distributori d’acqua. Non mancavano cibo, acqua o materiale per la nidificazione. Non c’erano predatori. L’unica avversità era il limite di spazio.



I topi scelti come cavie furono i migliori esemplari disponibili al NIMH e furono inseriti in un mondo dove non era necessario alcuno sforzo per difendersi dai predatori o per procurarsi il cibo, completamente sicuro dall’insorgere di malattie e da altri pericoli.

Universo 25, così si chiamava la gabbia, aveva uno spazio orizzontale libero e tante nicchie disposte nei muri verticali, che potevano essere raggiunte dai topi grazie a delle griglie in ferro saldate sulle pareti. Le nicchie erano collegate tra loro da 4 tunnel ed erano complessivamente 256, un numero di nidi sufficienti a ospitare (teoricamente) 3.800 topi in tutto.

La gabbia veniva pulita ogni 4 settimane e la vita al suo interno era un vero e proprio paradiso teorico.

Niente gatti, niente trappole, niente caldo o freddo, e nemmeno il rischio di finire vivisezionati come cavie od oggetto di operazioni con bisturi e siringhe. Nulla di tutto questo. L’unico impegno richiesto ai topi era quello di godersi la vita, mangiare e riprodursi.

La popolazione, dopo un periodo di circa 3 mesi di adattamento, comincia a raddoppiarsi ogni 55 giorni. Prima 20 topi, poi 40, poi 80 e così via. In seguito la curva di crescita cala un po’ ma la popolazione raggiunge le 620 unità nell’Agosto del 1969, un anno dopo l’inizio dell’esperimento.

Dopo 560 giorni, quindi dopo circa un anno e mezzo dal momento in cui furono introdotte quelle prime 4 coppie di topi, Universo 25 raggiunge il massimo della sua popolazione con 2.200 esemplari.

A quel punto, all’interno della societa topesca, topi vivi superano di molto i ruoli sociali disponibili, e si iniziano a notare delle anomalie comportamentali che diventano via via più marcate.

Alcuni maschi iniziano ad attaccare femmine e neonati. Altri diventano pansessuali, tentando di avere rapporti con tutti i topi disponibili. Le femmine rimaste sole, in pericolo perché minacciate dai maschi, si rifugiano nei nidi più alti portando con sé la prole, alla quale però non sono in grado di provvedere perché impegnate nella difesa del territorio. La stragrande maggioranza dei piccoli viene lasciata morire e nessuno si cura di loro.

Altri esemplari all’interno della gabbia, definiti da Calhoun “quelli Belli”, non si preoccupano di nulla se non di mangiare e lisciarsi il pelo, e sono gli unici che non riportano ferite da combattimenti con altri individui. I gruppi di topi rimasti che girano all’interno della gabbia sono sproporzionati, a volte con 1 solo maschio per 10 femmine oppure di 20 maschi e 10 femmine.

In questa situazione, violenza, pansessualismo e persino il cannibalismo (nonostante il cibo fosse abbondantemente disponibile), portarono al totale collasso l’utopia di Universo 25.

Dopo 600 giorni la popolazione per la prima volta inizia a calare, e l’ultima nascita risale al giorno 920. L’esperimento termina 5 anni dopo il suo inizio, nel 1973, con la società dei topi che è completamente estinta e l’ultimo topo è spirato.

La società di topi in cui non esistevano esigenze se non quelle di interazioni sociali era collassata, annientata dalla mancanza di ruoli sociali da impiegare a causa della sovrappopolazione, infine distrutta dai suoi stessi membri.

Nel 1973, Calhoun pubblicò la sua ricerca sull’Universo 25 dal titolo “Death Squared: The Explosive Growth and Demise of a Mouse Population”. La pubblicazione, per dirla in modo leggero, è un’intensa esperienza di lettura accademica che descrive il collasso della società causato da quello che viene definito “Fogna del comportamento”.

Tutto questo era un linguaggio poco accademico, ma perfettamente in grado di trasmettere in modo vivido il pensiero del suo creatore.

Le conclusioni che Calhoun trasse da questo esperimento furono che, quando tutto lo spazio disponibile è occupato e tutti i ruoli sociali sono occupati, la competizione e gli stress sperimentati dagli individui si traducono nella rottura totale dei comportamenti sociali complessi, che alla fine si tradurrà nell’estinzione della popolazione.

Secondo Calhoun, la morte della società si realizzò in due fasi: la “prima morte” e la “seconda morte“. La prima era caratterizzata dalla perdita di uno scopo nella vita oltre la mera esistenza: nessun desiderio di accoppiarsi, crescere giovani o stabilire un ruolo all’interno della società. Questa prima morte è stata rappresentata dalle vite apatiche dei belli, mentre la seconda morte è stata segnata dalla fine letterale della vita e dall’estinzione dell’Universo 25.

Estendendo le sue osservazioni su quelli belli, Calhoun affermò che i topi, similmente agli esseri umani, prosperano con un senso di identità e scopo nel mondo in generale, sostenendo che esperienze come tensione, stress, ansia e la necessità di sopravvivere rendono necessario il coinvolgimento nella società.

Quando si soddisfano tutti i bisogni e non esiste alcun conflitto, l’atto di vivere è spogliato dei suoi più essenziali elementi fisiologici di cibo e sonno. Secondo Calhoun:

  • Qui sta il paradosso di una vita senza lavoro né conflitti.
  • Quando ogni senso di necessità viene spogliato dalla vita di un individuo, la vita cessa di avere uno scopo.
  • L’individuo muore nello spirito.

Dal punto di vista di Calhoun, l’ascesa e la caduta dell’Universo 25 hanno dimostrato cinque punti fondamentali sui topi e sugli esseri umani:

    1. Il topo è una creatura semplice, ma deve sviluppare le abilità per il corteggiamento, l’educazione dei figli, la difesa del territorio e l’adempimento del ruolo personale sul fronte domestico e comunitario. Se tali abilità non si sviluppano, l’individuo non si riprodurrà né troverà un ruolo produttivo all’interno della società.
    2. Come con i topi, tutte le specie invecchiano e gradualmente si estinguono. Non c’è nulla che suggerisca che la società umana non sia incline agli stessi sviluppi che hanno portato alla scomparsa dell’Universo 25.
    3. Se il numero di individui qualificati supera il numero dei ruoli nella società, il caos e l’alienazione saranno i risultati inevitabili.
    4. Gli individui cresciuti in queste ultime condizioni non avranno alcun rapporto con il mondo reale. L’appagamento fisiologico sarà la loro unica spinta nella vita.
    5. Proprio come i topi prosperano su una serie di comportamenti complessi, l’interesse per gli altri sviluppato nelle capacità e nelle comprensioni umane postindustriali è vitale per la sopravvivenza dell’uomo come specie. La perdita di questi attributi all’interno di una civiltà potrebbe portare al suo collasso.

Nonostante le cupe parabole presentate nelle sue osservazioni, Calhoun non stava cercando di implicare che l’umanità fosse diretta verso un simile percorso verso l’estinzione. Nonostante i paralleli tra la caduta dell’Universo 25 e alcuni dei mali della società, gli umani – in quanto specie più sofisticata – hanno la saggezza e l’ingegnosità per invertire tali tendenze.

Dopo tutto, gli esseri umani hanno scienza, tecnologia e medicina, che danno all’umanità la capacità di:

  • Individuare la causa
  • Evita i disastri
  • Guarire ferite e malattie
  • Esplorare nuovi ambienti

Calhoun ha sottolineato che l’Universo 25 non era un habitat naturale, poiché al suo interno c’era abbondanza di cibo e lussi e mantenuto libero da predatori e malattie.

Speranza per l’umanità

Tuttavia, Calhoun temeva che l’umanità possa barcollare verso un simile destino nel caso in cui le città diventassero sovraffollate e la popolazione aumenti oltre la capacità del mercato del lavoro.

Per aiutare la società a trovare modi per impedire che ciò accada, trascorse parte della sua successiva carriera esplorando diverse forme di progresso umano, che ha esteso al concetto di colonizzazione spaziale. A tal fine, formò un team accademico chiamato Space Cadets. Il suo scopo era promuovere l’idea che gli esseri umani creino colonie su altri pianeti.

Calhoun si concentrò anche sulla pianificazione urbana, che riteneva fosse la chiave per evitare tracollo comportamentale dell’Universo 25. Credeva che il design delle città sia parzialmente responsabile dei modi in cui gli abitanti interagiscono tra loro e che le misure correttive dovrebbero essere prese in tandem con lo sviluppo per mantenere una comunicazione positiva tra le persone.

Come parte del suo sforzo per promuovere concetti alternativi di progettazione della città, armeggiò con il modello dell’utopia dei roditori con oltre 100 ulteriori universi nei successivi due decenni. Il suo lavoro in questo settore è stato molto apprezzato dai consigli di urbanistica negli Stati Uniti e all’estero.

Non importa quanto sofisticato l’uomo creda di essere, una volta che il numero di individui in grado di ricoprire un ruolo sociale supera largamente il numero di ruoli disponibili, la conseguenza inevitabile è la distruzione dell’organizzazione sociale”.

Fonti: Wikipedia; The Sentinel; https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC1644264/

2