17.3 C
Rome
sabato, Dicembre 10, 2022
HomePsicologia & sociologiaSi può vivere sottoterra?

Si può vivere sottoterra?

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Dalle antiche catacombe alle moderne metropolitane, gli umani hanno sempre trascorso periodi di tempo sottoterra. Ma intere società di persone hanno mai vissuto sottoterra?

Sì, ma storicamente solo durante le emergenze e quando non avevano altra scelta. Negli ultimi decenni, tuttavia, le cose hanno cominciato a cambiare.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La cosa importante da sapere sul sottosuolo è che non siamo adatti. Biologicamente, fisiologicamente, i nostri corpi non sono progettati per la vita sottoterra“, spiega Will Hunt, autore del libro Underground: A Human History of the Worlds (Random House, 2019).

Eppure ci sono stati momenti in cui ci siamo ritirati sottoterra“.

Perché ci sono state persone che hanno vissuto periodi sottoterra?

Le persone nel corso della storia hanno temporaneamente vissuto sotto la superficie per vari motivi. In mancanza di materiali con cui costruire case, hanno scavato case sotterranee, dice Hunt.

In luoghi con climi estremi, le persone si spostavano sotto terra in estate per stare al fresco e in inverno per stare al caldo. Anche le gallerie delle metropolitane sono state spesso usate come nascondigli.

Anticamente ci furono popoli che costruirono città sotterranee, famose quelle della Cappadocia in quella che oggi è la Turchia, per proteggersi dalle intemperie e dalla guerra.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Erano geograficamente in un posto molto strategico“, ha detto Hunt. “Erano costantemente attaccati“.

Gli abitanti si ritiravano sotto terra durante le emergenze, ma non vi restavano a lungo, al massimo per qualche settimana.

Una delle più grandi città sotterranee della Cappadocia è Derinkuyu, che risale al VII o VIII secolo e potrebbe aver ospitato circa 20.000 persone, secondo Atlas Obscura.

""Le caverne di Derinkuyu, Turchia. (Natalia Moroz/Getty Images)

I geofisici hanno scoperto che un’altra città scoperta di recente nella regione si estende per 460.000 metri quadrati ed è profonda 113 m, secondo il National Geographic. Se fosse confermato, questo renderebbe la città della Cappadocia recentemente scoperta circa un terzo più grande di Derinkuyu.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Le città sotterranee della Cappadocia sono una “meraviglia architettonica“, ha detto Hunt. I pozzi si sono immersi in profondità nella falda freatica. I fori che portavano alla superficie fungevano da pozzi di ventilazione. Strati di protezione – comprese grandi pietre circolari che gli antichi facevano rotolare davanti agli ingressi della città – proteggevano le persone all’interno dagli invasori in superficie.

Tuttavia, non tutte le abitazioni sotterranee erano complesse come quelle della Cappadocia. Le persone vivevano anche in grotte naturali e artificiali, ha osservato Hunt. Le caverne costruite possono essere trovate ovunque vi sia il giusto tipo di geologia, ad esempio, colline di pietra fatte di puff, una morbida roccia vulcanica facile da scavare.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

""Una casa grotta in Cappadocia, Turchia. (Marina Agapova/Getty Images)

Sono molto comuni“, ha detto. “Se ne trovano in tutto il mondo“.

Anche nell’Australia moderna, in una città chiamata Coober Pedy, circa la metà della popolazione vive in “rifugi”, o buche scavate nei fianchi delle colline, secondo la rivista Smithsonian.

Molte persone emarginate hanno trovato rifugio sotto la superficie nelle infrastrutture abbandonate delle città moderne.

Oggi ci sono meno di queste “talpe” a New York rispetto agli anni ’80, ma forse più di 1.000 persone senza alloggio vivono nei tunnel sotto le strade della città. Molti senzatetto vivono anche nei tunnel sotto Las Vegas. E grandi comunità di orfani vivono sotto le strade di Bucarest, in Romania.

""Il museo sotterraneo di Coober Pedy, in Australia. (John W Banagan/Getty Images)

A Singapore stanno esplorando le opzioni per costruire verso il basso per espandere la città.

La tecnologia necessaria per farlo è già qui, ha detto Eun Hee Lee, assistente professore di psicologia presso il campus della Malesia dell’Università di Nottingham, che studia la psicologia della vita sotterranea. La sfida è convincere le persone a spostarsi sottoterra.

In realtà, non è stato ancora dimostrato che essere sotto terra causi effetti psicologici negativi, a patto che l’illuminazione, le dimensioni della stanza, l’altezza del soffitto e altri attributi fisici dell’ambiente siano coerenti con la superficie, ha detto Lee.

Ad esempio, la tecnologia come i pozzi di luce, che consentono alla luce solare naturale di illuminare gli spazi sotterranei utilizzando materiali come la vernice riflettente, potrebbe combattere la depressione che deriva dalla mancanza di luce solare.

Le persone possono sentirsi isolate dalle loro controparti in superficie e possono sentire una mancanza di controllo, ma questi sentimenti sono gestibili, ha detto Lee.

Tuttavia, alle persone non piace ancora l’idea di vivere sotto terra.

In ogni caso, Lee pensa che le persone di tutto il mondo inizieranno a muoversi tra non molto, ispirate da luoghi che stanno aprendo la strada, come RÉSO, una città sotterranea di Montreal, in Canada, lunga più di 30 chilometri e che comprende centri commerciali, uffici, alberghi e scuole.

Realisticamente, presto andremo sottoterra. Entro 30 anni, ci saranno più ambienti di lavoro sotterranei, più luoghi di divertimento sotterranei“, ha affermato.

“Sta per succedere. Non è solo un’idea.”

Articoli più letti