Tutankhamon: ricostruito il volto del famigerato faraone

I ricercatori hanno creato un'approssimazione facciale che ricostruisce l'aspetto dell'antico faraone egizio Tutankhamon

0
234
Tutankhamon: ricostruito il volto del famoso faraone
Tutankhamon: ricostruito il volto del famoso faraone

I ricercatori hanno creato un’approssimazione facciale che ricostruisce l’aspetto dell’antico faraone egizio Tutankhamon.

Il faraone Tutankhamon, noto anche come re Tut, è probabilmente il sovrano più noto nella storia dell’antico Egitto. E mentre è stato scritto molto sul giovane reale, che deteneva il trono dall’età di circa 9 anni fino alla sua morte un decennio dopo intorno al 1323 a.C., il suo aspetto reale è ancora oggetto di dibattito.

Ora, una nuova approssimazione facciale fornisce un assaggio di come potrebbe essere stata la figura storica, rivelando una nuova visione di alcune delle caratteristiche facciali più peculiari dell’ex faraone.

“Tutankhamon è di interesse archeologico non solo per il suo tesoro funerario famoso in tutto il mondo, ma anche perché ha governato per un decennio in una fase importante della storia egizia”, ha dichiarato Michael Habicht, ricercatore senior presso la Flinders University in Australia e coautore della nuova ricerca. Il padre di Tut, il rivoluzionario faraone Akhenaton, aveva scoraggiato l’adorazione di tutti gli dei tranne di Aton, il Dio del Sole, ma Tutankhamon non seguì le idee di suo padre.

“Il suo regno vide un ritorno all’adorazione degli antichi Dei dopo che il culto di suo padre Akhenaton era fallito e aveva fatto precipitare la terra sul Nilo nel caos”, ha detto Habicht. “Pertanto, una ricostruzione facciale forense è utile per avere un’idea dell’aspetto del giovane re”, ha aggiunto.

La rappresentazione facciale dell'antico faraone egizio Tutankhamon. (Credito immagine: Cícero Moraes, et al)
La rappresentazione facciale dell’antico faraone egizio Tutankhamon. (Credito immagine: Cícero Moraes, et al)

Per rendere l’approssimazione facciale tridimensionale di re Tut, un team internazionale di ricercatori ha utilizzato le scansioni CT (tomografia computerizzata) esistenti del cranio completo della mummia. I ricercatori hanno anche fatto riferimento ai raggi X e alle misurazioni del cranio prese dagli archeologi, secondo un nuovo studio.



Ricerche precedenti avevano notato che il cranio di Tutankhamon era leggermente più lungo del normale. La nuova indagine ha trovato ulteriori prove per questa scoperta: durante lo studio dei dati, i ricercatori hanno notato che non aveva solo una testa dalla forma unica, ma anche un volume cerebrale estremamente grande, soprattutto se confrontato con i teschi di cadaveri le cui scansioni erano disponibili anche nel database di ricerca. L’uomo medio ha un volume cerebrale di circa 75 pollici cubi (1.234 centimetri cubi), mentre quello del faraone era di 87 pollici cubi (1.432 cm cubi).

“Il suo cranio ha una forma particolare; nel nostro studio le misurazioni hanno mostrato affinità con crani che hanno subito un rimodellamento, ma questo non sembra essere il caso di Tutankhamon, poiché sebbene abbia una forma particolare, allungata, tutto indica che è un teschio naturale”, ha detto il co-ricercatore Cícero Moraes, un esperto di grafica brasiliano. “È interessante notare che la sua struttura differisce dalle caratteristiche di altre mummie egiziane presenti nel nostro database”, ha aggiunto.

Le approssimazioni facciali

I ricercatori hanno creato due approssimazioni facciali. La prima rappresenta un’immagine “oggettiva” in scala di grigi che mostra il faraone con gli occhi chiusi in una posizione neutra. La seconda, una versione colorata che offre “gli elementi necessari per una completa umanizzazione”, raffigurante un giovane con la testa rasata e la carnagione scura che indossa l’eyeliner, come era in voga all’epoca, secondo lo studio.

“La versione oggettiva è, a mio avviso, più avvincente, con la protuberanza dei denti ben in vista e un’asimmetria realistica data al viso”, ha dichiarato Salima Ikram, illustre professoressa di egittologia presso l’Università americana del Cairo che non è stata coinvolta nello studio. “Il gruppo ha coraggiosamente basato la propria ricostruzione su materiali ampiamente pubblicati e ha utilizzato una solida metodologia per eseguire la ricostruzione”, ha affermato, aggiungendo che “il volto che hanno creato ricorda piuttosto la versione che i francesi hanno generato sulla base delle scansioni CT diversi anni fa”.

Questa non è la prima volta che viene fatta un’approssimazione facciale di Tutankhamon. Nel 1983, l’artista forense Betty Pat Gatliff ha creato una ricostruzione utilizzando un calco in gesso del suo cranio. E nel 2005, ricercatori con sede in Francia, Stati Uniti ed Egitto hanno lavorato in tandem per creare le proprie approssimazioni separate.

“Possiamo mettere un altro pezzo in quel grande e misterioso puzzle che è la storia di Tutankhamon”, ha concluso Moraes.

Fonte: researchgate

2