Le donne in bikini della Villa Romana del Casale in Sicilia

La Camera delle Dieci Fanciulle rivela come erano le donne romane in epoca tardo-imperiale

0
179
Le ragazze in bikini dell'antica Roma
Le ragazze in bikini dell'antica Roma

Gli archeologi che lavoravano nella Sicilia bigotta degli anni ’50, in cui le donne erano ancora legate a modi di vivere antichi, devono essere stati piuttosto sorpresi quando, tra aranceti profumati, cespugli di gelsomino e buganvillee viola brillante, si imbatterono in una straordinaria villa romana – ribattezzata Villa Romana del Casale – rimasta sepolta per secoli.

Con una superficie di ben 3.500 metri quadrati, l’edificio era enorme e abbastanza ben conservato. Dopo essere stato parzialmente demolito durante l’invasione normanna, una frana di fango proveniente da una montagna vicina ricoprì l’area, impedendo che l’edificio venisse saccheggiato o vandalizzato.

Risalente tra il III e il IV secolo d.C., agli occhi moderni l’estesa costruzione sarebbe apparsa più come un resort di lusso che come una casa: comprendeva decine di stanze riscaldate a pavimento, un lussuoso complesso termale con piscine sia fredde che calde, una palestra, infiniti colonnati di marmo, incantevoli fontane e affascinanti cortili interni. Ma la caratteristica più interessante della villa erano i maestosi mosaici che ne adornavano i pavimenti.

1*nnkpBgsEmirMh0JURpD0mQ
Come doveva essere la villa — Piazzaarmerina.org

Ragazze in bikini

I vasti mosaici raffigurano figure mitologiche, scene di caccia, corse di carri, figure danzanti e seducenti vignette erotiche: tutti i classici dell’arredamento domestico romano. Ma uno di essi è unico: ritrae dieci giovani atlete, vestite con succinti completi a due pezzi che sembrano moderni bikini. La parte inferiore era chiamata subligaculum – un perizoma popolare tra gladiatori e ballerini – mentre la parte superiore è uno sphium , una semplice striscia di tessuto legata sul davanti.

Le ragazze mettono in mostra la loro abilità nel sollevamento pesi, nella corsa, nel lancio del disco e nel giocare a quella che sembra la versione romana della pallavolo. Una ragazza in toga porge gli ambiti trofei della vittoria (una corona di boccioli di rosa e una fronda di palma), e la vincitrice stessa mette la corona sopra la sua testa al centro del mosaico.

Mosaico raffigurante nove donne su due livelli: quattro in quello superiore e cinque in quello inferiore. Tutti tranne uno indossano una specie di bikini e sono impegnati in varie attività. Dall'alto a sinistra: uno solleva pesi, uno lancia il disco, due corrono. In basso a sinistra: donna in toga dorata tiene in mano una corona e una fronda di palma, una tiene uno strano oggetto, una si incorona, due giocano con una palla.
Le dieci fanciulle… meno una – Wikimedia Commons

Tutto sommato, l’immagine appare molto diversa dall’immagine che di solito abbiamo delle matrone romane: modeste, riservate, protette, sempre sorvegliate, con il corpo e la testa ricoperti da strati e strati di tessuto, impegnate solo in attività domestiche appropriate come la filatura della lana.



Il posto di una donna

Quell’immagine di dama patrizia poteva essere vera nel primo periodo della Repubblica, ma Villa Romana del Casale fu costruita e decorata durante il tardo Impero Romano, e i suoi mosaici fanno luce su un’epoca in cui le donne avevano conquistato libertà e libertà d’azione.

Il mosaico offre uno sguardo sull’evoluzione della condizione delle donne: sono passati i tempi in cui le donne erano confinate ai doveri domestici, le loro vite dettate dall’autorità patriarcale – incapaci di ereditare, considerate troppo deboli di mente per gestire le loro proprietà. Durante il periodo imperiale le donne avevano la propria terra, gestivano il proprio denaro e talvolta possedevano attività commerciali. Il divorzio, un tempo una vergogna sociale, era abbastanza comune da diventare argomento di mero pettegolezzo.

Le donne ora conducevano una vita attiva e persino i medici raccomandavano di giocare a palla, nuotare, camminare e viaggiare per promuovere il loro benessere generale.

Affresco dai colori vivaci su fondo rosso-arancio. In primo piano una donna con un abito e un mantello voluminosi, con un cerchietto d'oro in testa, è seduta su una sedia rossa e suona uno strumento. Dietro di lei si intravede un'altra figura, forse un giovane schiavo
Affresco trovato a Pompei di una donna ricca che suona una cetra o una lira

Ragazza ricca, ragazza povera

Naturalmente, questo valeva solo per i membri di famiglie “rispettabili”: la vita delle donne delle classi inferiori era molto diversa. Le stesse restrizioni e privilegi che erano ovvi per un membro di una gens benestante erano praticamente privi di significato per le donne povere: lungi dall’essere confinate in casa, dove si dedicavano ad attività delicate e femminili, dovevano lavorare… e lavorare sodo. Lavoravano instancabilmente, impegnandosi in occupazioni fisicamente impegnative: agricoltura, pesca, riciclaggio, gestione di locande, cuoche e sarte, panettiere o ostetriche.

In molti modi, le loro vite rispecchiavano quelle dei loro colleghi maschi… e l’ultima cosa di cui avevano bisogno era più esercizio!

In definitiva, però, la donna in età tardo-imperiale era abbastanza padrona di se stessa. Un’immagine della donna romana inaspettata ma moderna.

Se sei attratto dalla scienza, dalla tecnologia, o vuoi essere aggiornato sulle ultime notizie, continua a seguirci, così da non perderti le ultime novità e news da tutto il mondo!

2