Ciò che un esperto di scienza vorrebbe che i non esperti sapessero

Perché tu, un non esperto, non dovresti assolutamente considerare di “spiegare quello che sai” a un vero esperto del settore

0
686
Ciò che un esperto di scienza vorrebbe che i non esperti sapessero
Ciò che un esperto di scienza vorrebbe che i non esperti sapessero

Ti sei mai trovato nel mezzo di una discussione in cui entrambe le parti discutono accanitamente per la loro particolare opinione o punto di vista, mentre la stragrande maggioranza degli scienziati – e quelli con competenza scientifica in buona fede su questo particolare problema – sono tutti sul stesso lato? Lo abbiamo visto accadere più e più volte nell’arena pubblica per un’ampia varietà di problemi, tra cui:

  • sul fatto che il tabacco causi cancro, malattie cardiache, enfisema e altri rischi per la salute,
  • sul fatto che l’emissione di CO2 causata dall’uomo attraverso la combustione di combustibili fossili sia la forza trainante del riscaldamento globale e del cambiamento climatico mondiale,
  • sul fatto che gli umani siano davvero atterrati e camminati sulla Luna durante il programma Apollo della NASA negli anni ’60 e ’70,
  • sul fatto che i vaccini siano mezzi sicuri ed efficaci per ridurre il rischio di infezioni gravi e gli effetti negativi a lungo termine sulla salute derivanti dalla malattia,
  • sul fatto che un’infezione da HIV non gestita sia davvero la causa dell’AIDS,
  • sul fatto che le tecnologie wireless/WiFi 4G e 5G siano sicure per gli esseri umani e altri animali,
  • e sul fatto che le scie di vapore degli aeroplani siano sostanze chimiche tossiche segretamente aggiunte all’atmosfera dai governi, tra molte altre questioni.

Siamo tutti liberi di mettere in discussione “l’establishment”, ma quando andiamo contro ciò che è già ampiamente scientificamente noto, il costo è spesso misurato in vite umane e miliardi, se non trilioni, di dollari. Dal punto di vista di uno scienziato, ecco cosa dovrebbero sapere tutti i non esperti sulla competenza scientifica.

È una situazione che si presenta troppo spesso: un esperto nel suo campo afferma pubblicamente una conclusione che è ampiamente accettata dalla stragrande maggioranza dei professionisti che lavorano in quel campo, solo per ottenere un diluvio di risposte dal pubblico. Sebbene il contenuto individuale di tali risposte possa variare, il loro succo è solitamente lo stesso:

  • una dichiarazione che l’esperto ha torto,
  • un’affermazione che un’opinione non consensuale è invece corretta,
  • e un’accusa secondo cui l’esperto stesso è corrotto, intellettualmente compromesso o vittima del pensiero di gruppo.

A volte, ovviamente, anche i migliori esperti si sbagliano. A volte, le prove migliori portano a una conclusione, ma poi arrivano nuove prove che mettono in dubbio quella conclusione. E a volte, un brillante estraneo o un nuovo arrivato può emergere in un campo, mostrando un nuovo e superiore percorso in avanti nella nostra comprensione di qualunque cosa stiamo indagando.

Ma la maggior parte delle volte ci sono gravi lacune e malintesi fondamentali all’opera nella conoscenza e nella mentalità del non esperto. Sebbene possano esserci sviste o errori da parte dell’esperto, questa è l’eccezione e praticamente non viene mai esposta da un non esperto quando ciò si verifica. Se tu, in quanto non esperto, hai la tentazione di spiegare ad un esperto qualcosa relativo al suo campo, ecco alcune cose che vale la pena considerare.



0*MXviBM7TQXqugROB
L’astronauta Jeffrey Hoffman rimuove la Wide Field and Planetary Camera 1 (WFPC 1) durante la prima missione di manutenzione di Hubble. Proprio come gli astronauti possono raccontare al meglio la storia del viaggio nello spazio, gli scienziati possono raccontare al meglio la storia del loro particolare campo di competenza. ( Credito : NASA)

Primo: chiediti se anche tu sei un esperto in questo particolare campo

È fondamentale capire che gli esperti spesso non sono d’accordo, in particolare quando parlano delle frontiere assolute dei loro campi. Ad esempio, il primo modello che è stato presentato per considerare gli effetti su larga scala del riscaldamento globale dovuto alle emissioni di CO2 è stato pubblicato nel lontano 1967 e le conclusioni principali che ha raggiunto allora sono ancora valide. La circolazione atmosferica è stata compresa e ciò ha consentito previsioni molto accurate su come il cambiamento della concentrazione di CO2 nell’atmosfera avrebbe influenzato la temperatura dell’atmosfera: dove il raddoppio della concentrazione aumenterà la temperatura (con umidità relativa fissa) di circa 2 °C.

Ciò è tremendamente coerente con il riscaldamento osservato di circa 1 °C, da quando le prime accurate temperature globali sono state misurate nel 1880, e l’aumento della concentrazione di CO2 dall’inizio della rivoluzione industriale, di circa il 50%. Questi effetti su larga scala non sono seriamente dibattuti dagli esperti del settore per ottime ragioni: le prove concordano con le previsioni teoriche. Tuttavia, molti aspetti della modellazione – lo scioglimento delle calotte glaciali, i processi delle nuvole e l’impatto sugli ecosistemi e sulla società umana – sono oggetto di studio attivo. È qui che gli esperti discutono spesso.

Se sei un esperto, sentiti libero di discutere con altri esperti sui confini del tuo campo.

Temperatura superficiale annuale rispetto alla media del XX secolo dal 1880 al 2021. Le barre blu indicano anni più freddi della media; le barre rosse mostrano anni più caldi della media. Gli ultimi 7 anni registrati detengono i primi 7 posti per l’anno più caldo mai registrato e il 2023 è sulla buona strada per essere l’anno più caldo secondo la maggior parte delle proiezioni. Il riscaldamento, in media, è di 0,07 °C per decennio, ma ha subito un’accelerazione, raggiungendo una media di 0,18 °C dal 1981. ( Crediti : NOAA National Centers for Environmental information, Climate at a Glance: Global Time Series)

Secondo: se tu stesso non sei un esperto, sei sicuro di aver scoperto – e verificato – che l’esperto ha fatto un’affermazione errata?

Spesso le persone esperte in un campo particolare sbagliano, anche se è la loro area di competenza. Non c’è una sola persona tra noi che sia infallibile, e questo vale per i più brillanti esperti della storia. I più grandi nomi della fisica, tra cui Einstein, Hawking, Feynman e Newton, hanno tutti commesso enormi errori nella loro vita professionale. Ciò include non solo la loro ricerca, ma anche i loro insegnamenti e scritti.

La competenza non equivale all’infallibilità. Tuttavia, a meno che l’errore non sia evidente e un dato di fatto facilmente verificabile, è quasi sempre vero che l’unico tipo di persona con il background adeguato per scoprire e identificare l’errore è di solito un altro esperto: qualcuno con almeno la stessa esperienza del creatore di asserzioni.

Se pensi di aver trovato un errore in qualcosa che ha detto un esperto, a meno che tu stesso non sia in possesso di pari o migliori competenze, è meglio verificare con un altro esperto o portare alla loro attenzione il presunto errore con una certa umiltà. Altrimenti, è più probabile che tu finisca per “correggere” qualcuno in modo errato, creando una situazione scomoda per tutti.

0*KFMW8uBTHFkfwzhp
Un bambino riceve un vaccino antipolio a Gwalior, in India, per ridurre il rischio di contrarre e diffondere la malattia. La disinformazione e la propaganda anti-vaccino, stimolate in gran parte dai troll della preoccupazione, continuano a guidare la resistenza ai vaccini e ad amplificare la diffusione di malattie prevenibili. ( Credito : Shobhit Gosain / Wikimedia Commons)

Terzo: l’esperto le cui asserzioni vengono messe in discussione è colui che sostiene una posizione contraria al consenso scientifico nel suo campo?

Questo è il più grande pericolo che è sorto nella nostra società dal modello “noi informiamo, tu decidi”, in cui due esperti vengono portati in un forum pubblico per presentare ciascuno il proprio caso. L’esperto n. 1 presenta alcune prove e trae una conclusione, mentre l’esperto n. 2 presenta una serie diversa di prove e trae una conclusione diversa che va contro l’esperto n 1. Il pubblico è lasciato a prendere le proprie decisioni e fare le proprie ricerche, con il probabile risultato di ottenere il pregiudizio di conferma: dove un profano finisce per ricordare e affermare selettivamente gli elementi di prova che supportano la sua opinone preconcetta e ignorare o scontare selettivamente hli elementi di prova che li contraddicono.

In superficie, questo sembra un percorso eminentemente ragionevole, poiché è quello che seguiamo in molti aspetti della nostra vita. Ma in molte questioni, e in particolare nelle questioni scientifiche, questo percorso autosufficiente può facilmente portare fuori strada un non esperto. Se fondamentalmente ti manca l’esperienza necessaria per valutare l’intera serie di prove – e ricorda, ci vogliono molti anni di studio e molte auto-correzioni per ottenere quell’esperienza – dovresti fidarti di coloro che hanno l’esperienza. Non scegliere l’esperto che ti piace di più; scegli il gruppo di esperti più onesti e disponibili su ciò che mostra l’intera suite di prove.

0*uInkTBRiccJAHMqT
Il pianeta Terra, visto dalla navicella spaziale Messenger della NASA, mostra chiaramente la natura sferoidale del nostro pianeta. Questa è un’osservazione che non può essere fatta da un unico punto di vista sulla nostra superficie, ma ci sono molti modi validi per misurare la curvatura della Terra, tutti portano alla stessa conclusione. ( Credito : NASA/MESSAGGERO)

Follow-up: come puoi sapere quali “esperti” sono quelli che dovresti ascoltare?

Questa è una grande sfida per tutti i non esperti: come fai a sapere quali esperti hanno ragione quando più individui altamente accreditati dicono cose reciprocamente contraddittorie?

Apprezzare la persona “X” o l’affermazione “Y” è un modo semplice per ingannare te stesso facendoti credere a qualcosa su basi ideologiche, piuttosto che logiche.

Devi invece riconoscere che l’unica validità che qualcosa ha è nel modo in cui quella particolare conclusione è stata raggiunta. Il consenso scientifico, contrariamente all’opinione popolare, si ottiene solo quando la stragrande maggioranza dei professionisti competenti ritiene che sia stata superata una certa soglia di rigore e che l’intera serie di conoscenze acquisite dimostri che qualcosa è, in effetti, vero. Come scrisse Eero Teppo del gruppo Students 4 Best Evidence nel 2017 :

“Più ti istruisci su come è stata raggiunta una particolare conclusione, o sul motivo per cui viene fatta una determinata affermazione, meno devi semplicemente ‘scommettere’ sulle affermazioni degli altri.”

0*UX0RgCukMRnfFrVO
Questa foto apparentemente idilliaca del 2012 di un villaggio della Corea del Nord, lungo il delta del fiume Yalu, documenta una scomoda verità sull’insicurezza alimentare all’interno del paese. Abbattendo le foreste per fare spazio a più terreni agricoli alla fine del XX secolo, la minaccia della carestia è stata onnipresente nella Corea del Nord da allora, poiché il paesaggio è stato alterato in un modo che rende l’intero paese meno resistente agli effetti delle inondazioni e siccità. Se la Corea del Nord avesse basato le proprie pratiche agricole sulla migliore scienza del giorno, milioni di nordcoreani non avrebbero patito la fame nel corso degli anni. ( Credito : Jack Upland/Wikimedia Commons)

Quarto: chiediti, onestamente, se sei certo e convinto che ci sia davvero una cospirazione in atto, e che gli esperti scientifici di cui stai rifiutando la competenza siano tutti d’accordo

La “conclusione di consenso” raggiunta dalla maggior parte degli esperti è semplicemente inaccettabile? Quando dai un’occhiata a chi finanzia gli esperti che sono giunti a queste conclusioni, trovi conflitti di interesse e sospetti giochi scorretti? Sai, nel tuo cuore e nella tua pancia, che nonostante quello che dicono gli esperti, le loro affermazioni non sono solo sbagliate, ma dannose, forse anche in contrasto con la tua esperienza personale?

Se hai risposto sì a una qualsiasi di queste domande, odio informarti che nessuno di questi motivi invalida le conclusioni degli esperti verso i quali hai così tanto astio.

È vero che ci sono stati numerosi casi in cui sono state commesse frodi o le prove sono state insabbiate nel corso della storia della scienza – dove gli studi sono stati soppressi perché ciò che avevano scoperto avrebbe danneggiato i profitti di qualcuno – ma quasi sempre si verificano quando un potente business o l’interesse politico trae vantaggio dallo screditamento del consenso scientifico. Tuttavia, la scienza scrupolosa alla fine vince sempre, perché una cosa straordinaria rimane vera riguardo alla scienza: se la esegui scrupolosamente e con attenzione, sarai sempre condotto alla stessa conclusione, e quella conclusione non può essere tenuta nascosta a lungo a coloro che fare le indagini.

Se sei convinto di una cospirazione quando praticamente tutti gli scienziati non sono d’accordo con te, a meno che tu non sia disposto a guardarti allo specchio a lungo e duramente e ad ammettere i tuoi difetti, non ci sono parole che chiunque possa condividere che potranno farti cambiare opinione, e questo va a scapito di tutti noi.

Il virus della SARS (arancione) ha una struttura simile a una corona, il che significa che fa parte della famiglia dei coronavirus. Il nuovo coronavirus SARS-CoV-2, il virus che causa il COVID-19 negli esseri umani, è la pandemia più grande, letale e dannosa che ha colpito il pianeta Terra dall’alba del 21° secolo. ( Credito : NIH)

È fondamentale riconoscere che esiste una straordinaria differenza tra un esperto e un non esperto in termini non solo di conoscenza, ma anche di esperienza nel giudicare idee marginali, alternative e contrarie. Un proprietario di casa superiore alla media è molto meno abile ed esperto nel cablaggio di una casa rispetto a un elettricista inferiore alla media; la maggior parte di noi ha abbastanza umiltà per sapere che se si presenta un problema con la nostra casa – che si tratti di un sistema elettrico, idraulico o HVAC – ci sono limiti alla nostra competenza, mentre i limiti di un professionista saranno ben oltre i nostri.

La maggior parte di noi semplicemente non ha il tempo, l’energia, le risorse o la libertà per perseguire le proprie curiosità non professionali con la stessa intensità di un professionista. Se sai abbastanza per portare la tua auto dal meccanico quando si accende la spia del motore di controllo, perché dovresti mai considerare di dire agli

  • scienziati del clima che sai che la Terra non si sta riscaldando,
  • specialisti in malattie infettive che i vaccini sono inefficaci e non sicuri,
  • astrofisici e cosmologi che il Big Bang non è mai avvenuto e la Terra è piatta,
  • o un professionista della sanità pubblica che il nuovo coronavirus SARS-CoV-2 è una bufala?

Tuttavia, anche come non esperto, c’è almeno un contesto appropriato in cui dovresti sentirti a tuo agio a spiegare ad un esperto cose relative al suo campo.

Cinque: sei in grado di imparare e l’esperto in questione ha già accettato di ascoltarti spiegare la tua versione di ciò che pensi stia accadendo nel tentativo di confermare ciò che hai capito e di insegnare e correggerti dove hai bisogno di correzione?

Questo è uno dei modi più potenti in cui qualcuno che è pronto a imparare può migliorare la propria conoscenza e comprensione. Che tu sia:

  • un esperto nello stesso campo ma che non ha svolto il lavoro particolare svolto da un altro esperto,
  • un esperto in un campo adiacente o correlato,
  • uno studente che lavora per diventare un esperto,
  • o un non esperto che cerca solo di saperne di più su un campo particolare,

questa tecnica può essere incredibilmente efficace per accrescere la tua comprensione di un argomento.

Tuttavia, richiede un’enorme quantità di lavoro da parte di entrambe le parti, poiché tu, il non esperto, sei obbligato a fare entrambi i compiti in anticipo: leggere e analizzare il loro lavoro, sintetizzare insieme una comprensione della loro materia, e preparare una spiegazione in modo chiaro e coerente, essendo allo stesso tempo disposto a rivedere la tua immagine mentale al volo mentre le tue idee sbagliate e incomprensioni vengono corrette in tempo reale. L’esperto deve fare il lavoro pesante di tradurre i tuoi pensieri nella lingua della sua competenza, e quindi distinguere dove la tua linea di pensiero devia dall’attuale migliore comprensione del loro campo. Se non fai la tua parte in questo, sprecherai solo il tempo e l’energia dell’esperto.

0*kbJOiBcP7I3G4eca
C’è una straordinaria storia scientifica sull’Universo che l’umanità ha scoperto, dalle piccole scale subatomiche fino a quelle grandi, cosmiche. Possiamo capirlo valutando l’intera serie di prove alla luce di tutto ciò che sappiamo, ma sta a noi essere onesti e scrupolosi con noi stessi riguardo alla nostra ignoranza e ai nostri limiti . ( Crediti : NASA/COBE/DMR; team scientifico NASA/WMAP; collaborazione ESA e Planck)

Questo è, fortunatamente o sfortunatamente, a seconda della tua prospettiva, l’unico momento valido in cui un non esperto può spiegare qualcosa relativa al suo campo di studio ad un esperto. C’è un’incredibile arroganza che accompagna la volontà di spiegare a un esperto qualcosa di cui sa molto più di te. Mentre il non esperto vede questo come un incontro tra pari – due adulti cresciuti ciascuno con il proprio bagaglio di conoscenze – l’esperto lo vede simile a un incontro con un bambino dell’asilo. È fin troppo comune che sopravvalutiamo le nostre capacità in aree di studio in cui non abbiamo esperienza o competenza, sottovalutando contemporaneamente le capacità e le competenze di professionisti legittimamente formati e competenti.

Per qualche ragione, anche se sappiamo quanto lavoro ci vuole per diventare uno scienziato, questo si estende anche ai campi scientifici. Sebbene moltissimi di noi siano in grado di diventare scienziati competenti, pochissimi di noi si impegnano effettivamente per realizzare tale obiettivo. Non dobbiamo commettere l’errore di pensare che le nostre intuizioni, opinioni o conclusioni siano altrettanto valide di quelle degli esperti, in particolare quando noi stessi manchiamo della necessaria competenza. Quando svalutiamo tale competenza individualmente, danneggiamo la nostra società in generale:

  • diffondiamo malattie prevenibili,
  • ignoriamo i problemi urgenti man mano che peggiorano,
  • e prendiamo decisioni sbagliate sulla base di informazioni non valide.

La suite completa di informazioni, valutata dalla comunità di professionisti esperti, è il miglior tipo di conoscenza che l’umanità abbia mai ottenuto. Puoi impararlo da solo o puoi ascoltare e seguire gli esperti, ma non devi ostacolare le migliori possibilità che l’umanità ha di farcela come civiltà di successo sul pianeta Terra.

2