Trovata la pietra runica più antica al mondo

Gli archeologi in Norvegia hanno fatto una scoperta rivoluzionaria annunciando il ritrovamento di una pietra runica che sostengono essere la più antica del mondo

1700
Trovata la pietra runica più antica al mondo
Trovata la pietra runica più antica al mondo

Gli archeologi in Norvegia hanno fatto una scoperta rivoluzionaria annunciando il ritrovamento di una pietra runica che sostengono essere la più antica del mondo.

Il blocco piatto e quadrato di arenaria brunastra, scoperto durante uno scavo nell’autunno 2021 di una tomba vicino a Tyrifjord, a ovest di Oslo, presenta scarabocchi scolpiti di 2000 anni che potrebbero essere le prime parole registrate in Scandinavia.

Secondo il Museo di storia culturale di Oslo, la nuova scoperta è “tra le più antiche iscrizioni runiche mai trovate” e “la più antica pietra runica databile al mondo”.

“Questa scoperta ci darà molte conoscenze sull’uso delle rune nella prima età del ferro” , ha detto all’Associated Press Kristel Zilmer, professore all’Università di Oslo, di cui fa parte il museo. 

La storia della scrittura runica

Le rune sono la più antica forma di scrittura conosciuta in Norvegia. Sappiamo che le rune erano in uso continuo dall’inizio dell’era volgare e per tutta l’era vichinga fino al tardo medioevo. Quando l’era vichinga finì 1.000 anni fa, l’iscrizione delle rune era ancora una pratica comune in tutta la Scandinavia.

La Scandinavia ha diverse migliaia di pietre con iscrizioni runiche dell’era vichinga, ma ci sono meno prove di rune di epoche precedenti. In totale, in Norvegia sono state trovate solo circa 30 pietre runiche che si ritiene risalgano all’età del ferro romana e al periodo delle migrazioni (fino al 550 d.C. circa). Svingerudsteinen è l’unica pietra recuperata da un contesto archeologico, risalente a prima del 300 d.C. Questa nuova scoperta sta spingendo i ricercatori a chiedersi se anche altre pietre runiche potrebbero essere più antiche di quanto si pensasse in precedenza.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La scrittura runica è un enigma che ha sconcertato gli studiosi per secoli. Fu utilizzata in tutto il mondo germanico, dal III secolo d.C. al periodo medievale, e le sue origini sono ancora in gran parte sconosciute. La scoperta della pietra Svingerud in Norvegia è un importante passo avanti nella nostra comprensione della storia della scrittura runica.

Nuova luce sull’antica storia della scrittura runica

Mentre rune più antiche sono state trovate su altri oggetti, come un pettine d’osso in Danimarca che potrebbe essere dell’anno 160, questa scoperta segna la runa più antica scoperta su una pietra. Le rune furono probabilmente iscritte tra l’1 e il 250 d.C., come indicato dalle ossa bruciate e dal carbone trovati nella fossa di cremazione dove fu scoperta la pietra runica. Il professor Zilmer crede che le rune siano state scolpite usando la punta di un coltello o di un ago.

Misurando 31 centimetri per 32 centimetri (12,2 pollici per 12,6 pollici), la pietra Svingerud, dal nome del sito in cui è stata trovata, ha diversi tipi di iscrizioni. Otto rune sulla parte anteriore della pietra leggono “idiberug”, che potrebbe essere il nome di una donna, un uomo o una famiglia. La regione in cui è stata trovata la pietra runica è nota per numerosi reperti archeologici monumentali, ed è giusto che questa nuova scoperta venga aggiunta all’elenco.

Fino alla pietra di Svingerud, la pietra runica più antica era considerata la pietra di Kylver, che è stata trovata sull’isola svedese di Gotland e datata intorno al 400. La pietra di Kylver è ancora molto significativa in quanto è considerata l’esempio più antico di un’iscrizione che include l’intero antico alfabeto runico.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ricco quartiere storico

Lo scavo del campo di sepoltura da parte del Museo di storia culturale fa parte di un progetto di gestione delle risorse culturali realizzato in anticipo rispetto a Nye Veier AS, l’organizzazione edile del Ministero dei trasporti norvegese, per la costruzione pianificata di una nuova autostrada e ferrovia.

Questa regione è conosciuta come un ricco distretto storico con numerosi reperti archeologici monumentali, ad esempio l’elmo vichingo di Gjermundbu. In una delle fosse di cremazione del sito, gli archeologi hanno trovato una lastra di pietra con scritte runiche. La tomba contenente la pietra runica è stata trovata 40-50 cm sotto un tumulo più giovane. La tomba conteneva anche ossa umane cremate di un individuo adulto e corredi funerari.

Le fosse di cremazione sono un semplice tipo di tomba con poca o nessuna demarcazione visibile dal suolo. Consiste in resti della pira crematoria, come carbone, ossa umane cremate e talvolta corredi funerari, scavati in una fossa nel terreno. Le ossa cremate sono spesso poste in un contenitore ma possono anche essere trovate sparse nel riempimento della tomba. Questa è una pratica funeraria comune dalla tarda età del bronzo all’età del ferro romana.

I campioni di carbone e ossa della fossa di cremazione contenente la pietra runica sono datati al radiocarbonio tra il 25 e il 250 d.C. Un campione di osso umano cremato è datato tra il 25 e il 120 d.C. Uno sperone rinvenuto nella tomba a cremazione può essere datato tipologicamente all’età del ferro romana, 1-400 d.C. Allo stesso periodo dell’età del ferro risalgono le altre tombe del campo tombale.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La pietra runica sarà esposta al Museo di Storia Culturale, che ospita la più grande collezione di manufatti storici della Norvegia, a partire dal 21 gennaio.

Fonte: apnews