Scoperte oltre 150 nuove figure a Nazca

Create oltre 2000 anni fa, le linee di Nazca sono enormi disegni al tratto che sembrano, da lontano, essere scolpiti nella superficie terrestre nella terra arida del sud del Perù

0
1460
Scoperte oltre 150 nuove linee di Nazca in Perù
Scoperte oltre 150 nuove linee di Nazca in Perù

Create oltre 2000 anni fa, le linee di Nazca sono enormi disegni al tratto che sembrano, da lontano, essere scolpiti nella superficie terrestre nella terra arida del sud del Perù. Si estendono su un’area di 500 chilometri quadrati e sono stati scoperti negli anni ’20. Ora, un gruppo di archeologi ha scoperto che in realtà ci sono più linee di quanto pensassimo.

I ricercatori del Perù e del Giappone hanno scoperto 168 geoglifi precedentemente sconosciuti che gli indigeni hanno creato vicino alla città di Nazca, inclusi i contorni di umani, uccelli, orche assassine, felini e serpenti. Non si sa ancora perché abbiano creato questo tipo di disegno e perché ne abbiano fatti così tanti, ma gli scienziati sperano che le nuove scoperte aiutino a portare un po’ di luce sul lungo mistero.

I glifi risalgono al periodo compreso tra il 100 a.C. e il 300 d.C. e sono stati scoperti durante le indagini sul campo condotte tra il 2019 e il 2020 da un team dell’Università di Yamagata in Giappone che ha lavorato con archeologi locali del Perù. Hanno usato foto aeree e droni per scoprire i geoglifi, secondo una dichiarazione dei media.

“L’aggiunta dei 168 geoglifi appena scoperti ai 190 geoglifi scoperti fino al 2018 si traduce in un totale di 358 geoglifi” , si legge nella dichiarazione . “Questi geoglifi sono stati creati rimuovendo pietre nere dalla superficie della terra per esporre una superficie di sabbia bianca sottostante. Esistono due tipi di geoglifi: un tipo lineare e un tipo in rilievo”.

Il mistero delle linee di Nazca

I disegni al tratto scoperti di recente sono, in media, tra i due e i sei metri di lunghezza e possono essere visti da terra, ma sono molto più spettacolari se visti dall’alto. Tuttavia, alcune delle linee di Nazca si estendono molto più a lungo, fino a diversi chilometri. La maggior parte raffigura animali, ma alcuni sono molto più strani. In uno dei disegni ritrovati di recente, si vede un essere umano senza testa che tiene in mano quello che sembra essere un bastone o una mazza mentre la testa cade via.

Gli archeologi non conoscono lo scopo delle linee di Nazca, ma ci sono diverse teorie in atto. Alcuni ricercatori hanno suggerito che lo scopo delle linee fosse legato all’acqua, un bene prezioso nelle terre aeree del Perù. I geoglifi non erano usati come guida per trovare l’acqua, ma facevano piuttosto parte di un rituale agli dei per portare la pioggia necessaria. Un’altra teoria è che servissero come una sorta di osservatorio celeste, puntando verso varie costellazioni o stelle.



Ora, il team del Perù e del Giappone sta lavorando allo sviluppo di un’intelligenza artificiale in grado di rilevare i geoglifi analizzando le immagini aeree. Sebbene non l’abbiano utilizzata per trovare i 168 geoglifi, sperano di utilizzare il disegno appena trovato per “insegnare” al sistema a trovarne altri. Gli archeologi hanno in programma di continuare a cercare nella campagna altre raffigurazioni.

Justin Jennings, curatore del New World Archaeology presso il Royal Ontario Museum in Canada che non è coinvolto nella ricerca del team, ha affermato che la scoperta di nuovi geoglifi sembra essere accurata.

“L’eccellente lavoro di Masato Sakai, Jorge Olana e del loro team sta fornendo una comprensione più fine di ciò che è accaduto nella regione utilizzando immagini a risoluzione più elevata per discernere i geoglifi più piccoli e più deboli che erano precedentemente non identificati. Questo lavoro ci mostra come abbiamo visto solo una parte dell’immagine poiché molti geoglifi più piccoli sono stati realizzati accumulando pietre l’una sull’altra”, ha dichiarato Jennings.

I ricercatori hanno scoperto 190 figure nell’area dal 2004. Ma la vastità del terreno che coprono ha complicato gli sforzi per conservare il sito del patrimonio. Nel 2014, gli attivisti ambientali di Greenpeace sono entrati nell’area riservata e hanno posizionato uno striscione. Nel 2018, un camionista ha sorvolato il sito, danneggiando tre dei geoglifi.

Il team ora sta lavorando con le autorità per creare un nuovo parco archeologico nella regione di Aja per aiutare a proteggere i geoglifi.

Fonte: Yamagata university

2