Se vivessimo in una simulazione al computer, cosa succederebbe se potessimo hackerarla?

Negli ultimi anni l'idea che il nostro universo sia una simulazione al computer, una specie di The Sims, ha permeato la cultura; filosofi e scienziati  più o meno noti si sono posti il problema

1268
Se vivessimo in una simulazione al computer, cosa succederebbe se potessimo hackerarla?
Se vivessimo in una simulazione al computer, cosa succederebbe se potessimo hackerarla?

Se potessi cambiare le leggi della natura, cosa cambieresti?

Forse quel fastidioso limite della velocità della luce per i viaggi interstellari, per non parlare della guerra, delle pestilenze e di un eventuale asteroide che vaga nello spazio con il nome della Terra stampato sopra. Forse vorresti la possibilità di tornare indietro nel tempo, per dire a te stesso adolescente come trattare con i tuoi genitori o per acquistare azioni di Google. Non si potrebbero apportare alcuni miglioramenti all’universo?

Questa è la domanda che David Anderson, scienziato informatico, appassionato di Search for Extraterrestrial Intelligence (SETI), musicista e matematico dell’Università della California, Berkeley, ha recentemente posto ai suoi colleghi e amici.

Negli ultimi anni l’idea che il nostro universo sia una simulazione al computer, una specie di The Sims, ha permeato la cultura; filosofi e scienziati  più o meno noti si sono posti il problema. In un influente saggio del 2003, Nick Bostrom, filosofo dell’Università di Oxford e direttore dell’Institute for the Future of Humanity, propose l’idea, aggiungendo che si trattava probabilmente di un’impresa facile per civiltà “tecnologicamente mature” decise a esplorare la loro storie o intrattenere la loro prole. Elon Musk, che, per quanto ne sappiamo, è la star di questa simulazione, ha fatto eco a questa idea quando dichiarò che c’è solo una possibilità su un miliardo che viviamo nella “realtà di base“.

Ovviamente, è difficile dimostraruna cosa simile e non tutti concordano sul fatto che un’estrapolazione così drastica della nostra potenza di calcolo sia possibile o inevitabile, o che la civiltà durerà abbastanza a lungo da farcela. Ma non possiamo nemmeno confutare l’idea, quindi pensatori come il dottor Bostrom sostengono che dobbiamo prendere sul serio la possibilità.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Per certi aspetti, l’idea di un Grande Simulatore ricorda una recente teoria in voga tra i cosmologi secondo cui l’universo è un ologramma, i cui margini sono allineati con codici quantistici che determinano cosa sta accadendo all’interno.

Un paio di anni fa, durante il lockdown dovuto alla pandemia di coronavirus, il dottor Anderson ha iniziato a discutere le implicazioni di questa idea con suo figlio adolescente. Se davvero tutto fosse una simulazione, apportare miglioramenti alle leggi di natura sarebbe semplicemente questione di alterare qualunque programma software giri sul supercalcolatore che tiene in piedi tutto. “Essendo un programmatore, ho pensato esattamente a cosa avrebbero potuto comportare questi cambiamenti“, ha detto.

Se il software è stato scritto bene, modificarlo dovrebbe essere un lavoro facile, spiega. Le modifiche potrebbero cambiare le nostre leggi della fisica o aggiungere nuove funzionalità all’universo: opzioni di menu, filtri di velocità, sottotitoli, blocchi popup: pulsanti da premere che renderebbero le nostre vite più ricche o più divertenti.

Inoltre, se il software che esegue l’universo fosse open source, disponibile pubblicamente per essere ispezionato e manipolato da altri programmatori, allora questi “meta-hacker” potrebbero essere disponibili alle nostre richieste di funzionalità e potrebbero persino cercarle. Pensala come una versione cibernetica della preghiera, un modo per presentare una petizione al Grande Simulatore.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il Dr. Anderson ha recentemente chiesto ai suoi colleghi come avrebbero modificato l’algoritmo cosmico, che lui chiama Unisym. Ha pubblicato le risposte sul suo blog, insieme a commenti su come questi cambiamenti potrebbero essere attuati e su come potrebbero funzionare.

Questo è successo durante il Covid, quando stavo riempiendo il mio ampio tempo libero scrivendo vari saggi di filosofia, politica e musica inserendoli nel mio sito web”, ha detto. L’enfasi non era sull’eliminazione della guerra e dell’ingiustizia, ma sulle caratteristiche che potrebbero aiutare noi piccoli avannotti cosmici a navigare nelle vicissitudini della “vita”.

Ad esempio, il dottor Anderson vorrebbe essere in grado di fare clic su un pulsante e visualizzare tutti i passi che ha fatto nel corso della sua vita, illuminandoli di arancione sul terreno. “Potrei vedere dove sono stato a Berkeley e andare alle Sierras e potrei vedere tutte le escursioni che ho fatto lì“, ha detto. Facendo clic su un altro pulsante si evidenziano tutte le impronte mai realizzate. “Ci sono posti in cui nessuno è mai stato?” si è chiesto.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Alcune caratteristiche richieste dai suoi intervistati: la possibilità di mettere in pausa la simulazione abbastanza a lungo da pensare a una replica graffiante durante una conversazione, o un’opzione di riavvolgimento per annullare un’osservazione deplorevole o rivisitare un’opportunità persa, qualcosa che sicuramente interesserebbe a molti.

Per quanto semplici possano sembrare queste richieste, ha osservato il dottor Anderson, l’utilizzo di tali funzionalità potrebbe richiedere un bel po’ di ingegneria computazionale dietro le quinte. Ad esempio, mettere brevemente in pausa l’universo per raccogliere i tuoi pensieri richiederebbe di ramificare la tua stessa esistenza in una temporanea simulazione parallela; anche il riavvolgimento per correggere il passato causerebbe la ramificazione della simulazione, ma in questo caso, ha detto il dottor Anderson, continueresti a vivere nella simulazione parallela.

Naturalmente, ha aggiunto, “si applica la solita stranezza del viaggio nel tempo“. Entrare nel futuro e tornare doterebbe il tuo sé presente di ricordi di cose non ancora accadute. Questo, a sua volta, cambierebbe il futuro, che non sarebbe esattamente quello che ricordavi dalla tua prima visita.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Allo stesso modo, fare un salto nel passato potrebbe alterare ciò che ricordavi sarebbe accaduto in futuro. Potrebbe persino cambiare la tua stessa esistenza, come nel caso del viaggiatore nel tempo nel classico racconto di Ray Bradbury,A Sound of Thunder”, che calpesta una farfalla e ritorna in un futuro in cui i nazisti governano il mondo. Apparentemente, il viaggio nel tempo è una cosa molto pericolosa.

Una modifica popolare è ciò che il dottor Anderson chiama “lo sguardo della morte“, la massima espressione della rabbia della strada: con un battito di ciglia, potresti condannare i conducenti scorretti e le loro auto ad essere inceneriti da un potente laser.

Ognuna di queste richieste dovrebbe biforcare un nuovo universo, per ovvie ragioni“, scrive il dottor Anderson sul suo blog.

È una scommessa sicura che qualcuno mi darebbe lo sguardo della morte entro un giorno o due“, scrive. “E nel giro di poche settimane quasi tutti i conducenti sarebbero inceneriti. Quindi, probabilmente sarebbe meglio implementare questa funzione in modo che ogni sguardo della morte biforchi un nuovo universo in cui avviene l’incenerimento richiesto, lasciando, però, l’universo originale continuare senza modifiche.

Cosa c’è nella tua lista dei desideri cosmici? Come modificheresti l’algoritmo supremo? L’anno 2023 è ancora giovane; c’è tutto il tempo per presentare una petizione agli hacker cosmicie. Fai solo attenzione alle farfalle e fai attenzione a ciò che desideri.