4.2 C
Rome
martedì, Novembre 29, 2022
HomeFilosofiaAbbiamo l'obbligo morale di vivere il più a lungo possibile?

Abbiamo l’obbligo morale di vivere il più a lungo possibile?

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Ci sono molte risposte a questa domanda, specialmente durante una pandemia, e probabilmente nessuna soluzione chiara. Ma questo non significa che non dovremmo pensarci. In effetti, considerando tali domande possiamo scoprire alcune delle prospettive più illuminanti sulla vita.

Un obbligo morale o un dovere morale è una forma di condotta moralmente richiesta. Gli obblighi possono essere perfetti, non lasciandoci spazio di manovra, ad esempio il dovere di non uccidere ingiustamente. Gli obblighi possono anche essere imperfetti, dandoci una certa flessibilità su quando e come li onoriamo, come il dovere di essere generosi. 

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Gli obblighi possono essere specifici del contesto, come il dovere di incontrare qualcuno alle 15:00 come promesso. E possono essere generali, incluso il dovere di non rubare o il dovere di cercare di salvare la vita di qualcuno quando possiamo farlo a basso costo per noi stessi.

A mio avviso, non possiamo avere l’obbligo morale globale di vivere il più a lungo possibile indipendentemente dalle nostre circostanze. Ogni vita è unica e, per alcune persone, continuare a vivere è un orribile esperienza. Tuttavia, possiamo avere l’obbligo di prolungare la nostra vita quando vengono soddisfatte determinate condizioni.

Per aggiungere un po’ di chiarezza, ecco alcuni pensieri su due diversi gruppi di circostanze: vivere in isolamento e vivere con gli altri. Questi casi si basano su un po’ di immaginazione, ma l’immaginazione è lo strumento che ci permette di vedere i dilemmi da prospettive alternative.

Immagina di essere una persona solitaria, arenata su un’isola lontana e deserta circondata da una vasta distesa di oceano. Nessuno da amare, nessuno a cui manchi, e l’unica speranza di scappare dall’isola e incontrare di nuovo un’altra persona giace naufragata tra le onde: la nave che mi ha portato qui. 

Ora, probabilmente voglio sopravvivere, ma questa è una cosa diversa. Quello che dobbiamo considerare è se, data la situazione, c’è l’obbligo di vivere il più a lungo possibile.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Potrei, se i miei doveri di rispettare me stesso includessero il prolungamento della mia vita. L’imperativo categorico del filosofo tedesco Immanuel Kant afferma che abbiamo il dovere di trattare tutte le persone, compresi noi stessi, come fini da rispettare e non semplicemente come mezzi. 

Ma il rispetto di me stesso non deve comportare l’impegno a vivere una vita straordinariamente lunga. Ho il dovere di prendermi cura della mia mente e del mio corpo e, di conseguenza, posso vivere in modo sano per molto tempo. Ma questo non significa che vivere il più a lungo possibile debba essere il mio obiettivo o la mia responsabilità.

Anche così, potrei ancora avere l’obbligo di prolungare la mia vita per un motivo diverso. Le persone che mi hanno cresciuto e sono state sufficientemente investite nelle mie fortune per assicurarmi che sopravvivessero fino all’età adulta potrebbero avere un diritto su di me. Ciò suggerirebbe che questa mia versione di Robinson Crusoe dovrebbe prendersi cura di me adesso, per onorare il loro investimento.

Nel suo libro Happiness, il monaco buddista Matthieu Ricard cita le parole pronunciate da una madre a suo figlio poco prima della sua morte:

Non pensare di rendermi un grande tributo se lasci che la mia morte diventi il ​​grande evento della tua vita. Il miglior tributo che mi puoi rendere come madre è andare avanti e avere una vita buona e appagante.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
Un esperimento mentale. Shutterstock

Ma vivere una “vita buona e appagante” non è la stessa cosa che vivere il più a lungo possibile. In effetti, vivere una buona vita, non una lunga vita, può essere il modo migliore per onorare l’investimento dei nostri tutori in noi.

E se quelli che mi hanno cresciuto sono morti, possono avere ancora una pretesa? Allo stesso modo, cosa succederebbe se vivessero, ma non sapranno mai come me la sono cavata? Le loro vite saranno peggiori se non prolungo la mia vita indefinitamente? Probabilmente no. Probabilmente pensano che io sia già perso per sempre.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Vivere il più a lungo possibile, l’eredità

Ma forse sono una persona straordinaria – Mozart, diciamo – e sono stato abbandonato su quest’isola. Ho un genio musicale che probabilmente non dovrei sprecare, anche se la musica che compongo nella mia testa qui non sarà mai ascoltata. Il mio potenziale per creare capolavori potrebbe darmi l’obbligo di prolungare la mia vita ma, ovviamente, solo per il tempo in cui posso creare musica divina.

In effetti, anche se i miei talenti non sono “divini”, potrei avere l’obbligo di “utilizzare” i talenti o le benedizioni che mi sono state date. L’umorista americana Erma Bombeck, ad esempio, ha scritto che:

Quando mi troverò davanti a Dio alla fine della mia vita, spero che non mi sarà restato un solo pizzico di talento e di poter dire: “Ho usato tutto quello che mi hai dato“.

È un approccio ispiratore alla vita, ma, come sosteneva il poeta britannico del XVII secolo John Milton: “Dio non ha bisogno né dell’opera dell’uomo né dei suoi doni; chi sopporta meglio il suo giogo mite, lo serve meglio … Serve anche chi sta solo ad aspettare“.

In definitiva, come suggerisce Milton, nessuno di noi ha maggiori pretese di vita rispetto a un altro – anche se non abbiamo talenti, scegliamo di ignorare i talenti che abbiamo, o semplicemente “restiamo in piedi e aspettiamo“, realizziamo comunque il nostro scopo.

Dipendenti

Naturalmente, la maggior parte di noi non vive su isole deserte. Non esistiamo isolati, ma con e tra gli altri, almeno fino a quando la pandemia non ci ha costretti dietro le nostre porte. Di conseguenza, forse abbiamo l’obbligo di prolungare la nostra vita per il bene delle persone che amiamo e che ci amano.

Quando abbiamo persone a carico, in particolare bambini piccoli sotto la nostra cura, abbiamo probabilmente il dovere di cercare di mantenerci sani e salvi finché hanno bisogno di noi. Ma questo non significa che abbiamo l’obbligo di vivere il più a lungo possibile quando non dipendono più da noi. 

Matthew Liao, un bioetico alla New York University, ha affermato che i bambini durante l’infanzia hanno il diritto umano di essere amati e che tutti noi abbiamo il dovere di assicurarci che i bambini siano amati perché questo è fondamentale per la loro vita e il loro sviluppo. Una volta che sono cresciuti, i nostri doveri di donare l’amore diminuiscono, ma non scompaiono del tutto.

C’è anche un rovescio della medaglia in questo. Quando invecchiamo, quando diventiamo dipendenti dai nostri cari, abbiamo l’obbligo di prolungare la nostra vita o, in alternativa, di porvi fine, in modo da non essere un’ancora finanziaria o emotiva o un peso aggiuntivo sul nostro pianeta sovraffollato ed esausto?

È facile rispondere a questa domanda. Le persone non dovrebbero mai pensare a se stesse come un “peso” o un “problema da risolvere”. Ogni essere umano ha il diritto alla vita e a condurre una vita che sia almeno minimamente dignitosa, libera da degrado, crudeltà, danno indebito e ingiustizia. Nessuno ha più diritto di chiunque altro a vivere in questo mondo. Siamo tutti degni di un posto qui e le persone anziane dovrebbero essere apprezzate dalle loro famiglie, amici e società.

Eppure non tutti lo accettano. La pandemia ha mostrato uno specchio morale al nostro trattamento delle persone anziane e l’ha trovata abissale. Anche se molti paesi hanno adottato un approccio attento all’età alle vaccinazioni, le persone anziane hanno comunque sopportato gran parte del peso del COVID-19.

Fare contro permettere

Un’ultima domanda spinosa riguarda il fare contro il permettere

A volte non è chiaro se sto attivamente facendo qualcosa, come prolungare la mia vita o cercare di porvi fine, o semplicemente permettere che le cose mi accadano, come lasciare che i medici seguano un ciclo di trattamento (o meno) con il risultato che la mia vita si estende o giunge al termine.

La disponibilità di varie opzioni mediche può far sentire alle persone che mi vogliono bene di avermi deluso: “Avrei dovuto convincerla a sottoporsi a un intervento chirurgico. Non avrei dovuto lasciare che il personale medico optasse solo per cure di conforto. Avrei dovuto essere il suo avvocato. Avrei dovuto spingerla a restare in ospedale più a lungo“. 

Ma c’è un arco naturale per una vita ben vissuta e il benessere non è la stessa cosa dell’interesse biologico o della longevità.

Faremmo meglio a chiederci se abbiamo buone ragioni per prolungare la nostra vita o se agiamo virtuosamente se cerchiamo di prolungare la nostra vita. Il coraggio è una virtù che figura centralmente alla fine della vita. Per citare il poeta Dylan Thomas, ci vuole coraggio per “infuriarsi contro il morire della luce”. 

Ma ci vuole anche coraggio per sopportare il nostro giogo mite e, contraddicendo Thomas, scegliere di “andare dolcemente in quella buona notte“.

Articoli più letti